30 maggio 2015 – Fanciullino e Bimbaverde sposi

Amici, Canti, famiglia, Festa, Fotografie, Il Sogno, Love, Matrimonio, Sogni, We Are F&B Commenti disabilitati su 30 maggio 2015 – Fanciullino e Bimbaverde sposi
"ma hai le spalle nude!"

“ma zia, hai le spalle nude!”

La mattina di sabato 30 maggio mi sono svegliata una decina di minuti prima del suono della sveglia. Ho coccolato un poco Morwen che come spesso fa dormiva con me e poi ho iniziato a prepararmi!

Dopo il lancio dei crocchini delle micie e un po’ di biscotti per me (senza lancio) è arrivata la parrucchiera Mara, praticamente contemporaneamente ai fotografi David e Serena. La casa ha iniziato ad animarsi! Per fortuna a fare gli onori agli ospiti hanno pensato mamma e papà, offrendo loro il caffè mentre io iniziavo a farmi acconciare.
Sono arrivati da lì a poco anche Anna e Luca! È stato proprio bello vederli arrivare tutti eleganti e averli vicino fin dall’inizio! Appena pronta sono passata sotto le sapienti mani della truccatrice Maria Grazia che nel frattempo era arrivata.
Anche Renata Donato Fabio e Riccardo hanno iniziato a comparire. Era un affollamento felice e festoso :)

Sposina prontaIl trucco è stato davvero perfetto, ero felicissima del risultato :) Maria Grazia è bravissima e ha seguito i miei desideri. Mi sentivo davvero bella! E soprattutto mi sentivo felice e tranquilla. Ero praticamente pronta e in super anticipo!
Nel frattempo era arrivata Greta, splendida col suo cappello a tesa larga rosa. Forse era arrivato anche qualcun altro.. difficile mettere del tutto ordine nei ricordi!

Il momento di indossare l’abito era finalmente arrivato. Mi hanno aiutate Serena e la mamma se non erro e le foto scattate in quel momento sono delicate, discrete e bellissime :)
Mamma mia quanto mi piace il mio vestito da sposa.. indossarlo è stato un sogno.
Hanno aperto la porta della stanza ed è entrato Riccardino. La foto di quel momento con lui è una delle mie preferite della giornata. Mi ha guardata un po’ preso alla sprovvista. Mi sono accucciata e gli ho detto “allora ti piace il vestito da principessa della zia?”
E lui “… ma è grandeee…” e poi “ma hai le spalle nude!!” :D

Quando son scesa dalle scale mi son sentita davvero super bella, è una sensazione molto gloriosa essere così al centro della festa ;)

Quando è arrivato Joram gli ho potuto dare la cravatta del testimone e il fiore all’occhiello :) era super bellissimo e io ero super felice che fosse arrivato!
Mentre mamma e papà mi aiutavano a preparare il tavolo in giardino per l’aperitivo sono arrivati man mano tutti gli amici! Brizio e Valeria con la splendida Aurora, che ha subito iniziato a giocare con Riccardo giù in taverna.
Fabiana, Gareth, Betta, Andrea, Marco, Ester, Matteo, Alberto, Sarah, Marie, Michela.. che bello è stato accoglierli e salutarli e vedere il dettaglio verde scelto da ciascuno e andare tutti in giardino e festeggiare!
Per le foto di quel momento ringrazio ancora Sarah perché i fotografi, dopo avermi fatto delle foto stupende col nucleo familiare, sono andati dallo sposo per immortalare anche i suoi preparativi ;)

L'arrivo della sposa

L’arrivo della sposa

Abbiamo avuto un sacco di tempo per brindare in giardino e mangiucchiare insieme! Che bello è stato :) forse fin troppo tempo, perché quando si è fatta ora di partire è stata dura smuovere le truppe! Eravamo troppi per gestire con rapidità gli spostamenti perciò alla fine abbiamo accumulato il ritardo che poi mi ha fatta oggetto di battute più avanti, in Comune :)
Comunque ne sono stata proprio felice, è stato un momento bellissimo della giornata quello con gli amici nel nostro giardino!

Caricati gli amici di tutto ciò che dovevamo portare (bolle di sapone, fiori, bouquet non so nemmeno io più cosa) siamo partiti in carovana verso Villa Vicentina.
Abbiamo condotto al comune gli amici e mamma ha portato me e papà da Natalino. Lui ci attendeva in livrea, elegantissimo, con la carrozza tirata a lucido e la cavallina pronta a partire. È stato davvero splendido fare il giro in carrozza: è stato il primo momento in cui ho cominciato a sentirmi davvero agitata ed emozionata, stringendo la mano di papà mi batteva fortissimo il cuore!
Che bello vedere tutti gli amici schierati fuori dal comune. Che bello salire le scale a braccetto con papà, ridendo della paura di inciampare nel vestito.
E che bello trovare un Alberto sorridente ad aspettarmi, splendido nel suo vestito blu, radioso e bellissimo e pronto a prendermi in giro per il ritardo!!! :)
Perfino Carlo Alberto ha fatto la battuta, leggendo l’atto di matrimonio, sul fatto che avremmo dovuto cambiare l’ora.. C’è una bella foto in cui lui sta dicendo questo, mostrando il suo orologio, e io ho il volto piegato di lato in atteggiamento di vergogna per il ritardo accumulato :D

"l'ora sull'atto la cambiamo dopo.."

“l’ora sull’atto la cambiamo dopo..”

I nostri testimoni ci attendevano, stupendi ed elegantissimi. Joram e Beppe con la cravatta verde come il mio abito e Bea e Laura con un nastro al polso, decorato con un fiore e tutto verde sempre come il mio abito.

La cerimonia è stata semplice e bellissima, allietata dalla musica di Laura e Cecilia che sono state straordinarie. Allo scambio delle fedi Riccardino aveva il compito di portarcele. È avanzato verso di noi tutto emozionato e ci ha consegnato il cuscino. Lo abbiamo fatto sedere in mezzo a noi e l’ho sentito mormorare tra sé e sé “il mio compito è molto importante”. Che amore!

Come tutto il resto della giornata anche quel momento è stato allegro, spiritoso e condiviso con tutti! Gli interventi e battute di Donato e di Enrico mi fanno sorridere ancora ora ;)
Quando Alberto ha iniziato a parlare, prima di darmi la fede, ho pensato che lui si fosse preparato un discorso per me e che io non avevo pronto niente.. e i fotografi hanno immortalato perfettamente il momento di terrore che mi è passato sul volto! Rido ancora ora al ricordo! Le parole che mi ha detto erano stupende e per fortuna l’emozione non mi ha bloccata e ho potuto rispondere dal cuore :)

Il lancio del riso

Il lancio del riso con esplosione del viso della sposa.

Quando stiamo scesi eravamo pronti al lancio del riso ma non al bombardamento sistematico che abbiamo subito! Che ridere, avevo riso a palate nel corpetto del vestito. I colleghi di Alberto si erano piazzati strategicamente sul balcone e ci hanno inondati dall’alto di riso e pastina a stella :D
Anche Serena era con loro e ha scattato delle foto meravigliose della pioggia di riso e degli sposi sottostanti. È stato divertentissimo e molto più doloroso di quello che avrei mai pensato :D

Salutare gli amici e parenti dopo il lancio del riso è stato emozionante. Mi piaceva vedere tutti vestiti così colorati e scoprire l’accessorio verde scelto da ciascuno. Orecchini, cravatte, stringhe di scarpe, papillon, cinture, bretelle, foulards, perfino un dinosauro: che bello, grazie grazie a tutti voi che avete partecipato!

Alberto ed io, dopo aver fatto accomodare gli ospiti al pranzo a buffet che avevamo organizzato, siamo andati a fare un giro in carrozza con Natalino :) è stato uno dei pochi momenti della giornata in cui abbiamo potuto fermarci un secondo, insieme. Poi abbiamo fatto fare anche un giro a Riccardino con noi e ne è nata un’altra foto splendida!

Le cose da mangiare a pranzo erano davvero ottime. Grazie al catering dei Cjastinars che ci ha fatto fare una splendida figura!
Ho potuto chiacchierare un poco con gli amici soprattutto dell’ufficio, con cui dopo pranzo abbiamo fatto le foto ricordo da portar via col cartoncino :)
È venuto anche il momento delle lanterne e dei palloncini! Alberto ed io avevamo stampato delle cartoline già affrancate che abbiamo appeso ai palloncini bianchi e verdi e alle lanterne che aveva preso per noi Silva. Ci siamo disposti nel piazzale con gli amici e abbiamo liberato nell’aria le nostre cartoline volanti. È stato un po’un fiasco perché faceva un caldo tremendo in quel momento e il calore teneva i palloncini in basso. Soffiava anche un bel vento che spingeva le lanterne in direzioni impreviste.. per fortuna non abbiamo dato fuoco al campanile :p
Anche in questo caso i fotografi hanno fatto delle foto meravigliose, e abbiamo riso e ci siamo divertiti come matti anche se non è stato efficace e spettacolare come speravamo.

pallonciniSubito dopo aver pranzato c’è stato l’unico momento di disorganizzazione della giornata, in cui un imprevisto ci ha innervositi e ha momentaneamente messo i bastoni tra le ruote ai nostri piani. Sostanzialmente eravamo tutti lì dal Comune, nel piazzale ormai troppo caldo, e non potevamo partire perché il gruppo dei colleghi di Alberto non si trovava.
Le ultime notizie li davano a bere il caffè da qualche parte, cosa che mi avevano avvisato che avrebbero fatto anche se avevo avvertito loro che a San Floriano avremmo trovato ad attenderci caffè a volontà.
Solo che mancavano ormai da un’ora e nessuno di loro rispondeva al telefono. Il che in sé non sarebbe stato un problema se nel gruppo non ci fosse stato l’autista degli sposi!! Alla fine non so come siamo riusciti a scoprire che si erano messi a giocare a biliardo, dimenticandosi dell’ora e di noi.
La cosa che mi ha più infastidita in quel momento è stata la perdita di tempo nell’aspettarli tutti lì in piedi nel piazzale al caldo, senza niente da fare, mentre su alla tenuta c’era ombra a volontà e soprattutto una struttura costosa già pagata che nessuno stava sfruttando.. Quando ci penso ancora ora mi incavolo.. ma rimane comunque uno degli aneddoti più buffi del matrimonio!

Capita la situazione è stato sufficiente partire senza di loro per risolverla. Siamo andati in macchina con Giacomo e Giada e siamo partiti con tutta la carovana di invitati verso la tenuta Tacco. Durante il viaggio verso San Floriano abbiamo vissuto la seconda avventura da aneddoto: ci hanno fermato i carabinieri.
Tac, paletta. Il Disu ferma l’auto e dietro di lui almeno altre dieci auto si fermano. Il carabiniere si affaccia al finestrino. Alberto ed io, vestiti come due principi di fiaba, gli sorridiamo. E lui, incerto, domanda “…matrimonio?”
No dico… allora ve le cercate le barzellette eh…
La tentazione di rispondere “no, noi il sabato siamo soliti vestirci così e fare un giro con cinquanta dei nostri tra amici e parenti, perché lei no?” era fortissima :)
Ovviamente realizzata la situazione ci ha fatti proseguire :)

Siamo arrivati su a San Floriano finalmente, non so a che ora e non voglio pensarci. L’arrivo è stato molto bello, il carissimo Gerry ci attendeva prontissimo e le note di Somebody to Love hanno accompagnato il nostro ingresso al prato dove si sarebbe svolto il pomeriggio.

La tenuta è davvero stupenda. Un enorme prato si apre su un panorama spettacolare su colli e vigneti e lo sguardo si spinge fino a Gorizia e a Trieste nei giorni di cielo limpido.
Il sole splendeva glorioso e un forte vento rinfrescava l’aria. Gli ospiti si son potuti togliere le scarpe e han riposato i piedi sull’erba e i bambini hanno iniziato a scatenarsi sotto la supervisione dell’animatrice che avevamo contattato per l’occasione.

Joram ha dato il via al torneo di calcetto che avrebbe animato la giornata e noi sposini ci siamo dedicati per un poco alle fotografie.

Serena e David hanno scattato delle foto davvero splendide.
Dante è venuto con noi ed è stato molto bello averlo presente. È anche stato così gentile da correre a prendermi il bouquet quando mi sono accorta di averlo dimenticato ;)

Oggi sposiFinite le foto siamo tornati verso il gruppo di amici: sembrava procedere tutto bene. I partecipanti al torneo giocavano alternandosi, i bambini giocavano come matti e gli invitati chiacchieravano.

Nel frattempo il catering che ci ha seguiti per la cena aveva iniziato ad allestire l’aperitivo serale: credetemi che nella confusione del momento non ho nemmeno visto come era stato allestito. Qualcuno degli ospiti ha forse le foto dei tavoli degli antipasti?

Alberto ha recuperato non so come una sardina fritta e sapendo che io ne vado matta me l’ha portata: anche in questo caso i fotografi erano incredibilmente pronti a immortalare il momento (la cosa ha del sovrannaturale) e hanno scattato proprio mentre Alberto si inginocchiava di fronte a me porgendomi la sardina :D

E’ stato un pomeriggio molto impegnativo perchè eravamo sempre richiesti: è davvero un’esperienza molto particolare essere gli sposi, chi l’ha provata sicuramente mi capisce. Non c’è un momento in cui non si viene chiamati da qualcuno -che sia per qualcosa di organizzativo, che sia per una foto, o per dedicare un momento ad alcuni degli ospiti: è un continuo turbinio di input e di cose da fare, si vorrebbe essere ubiqui e non si riesce a fare tutto ciò che si desidera, a parlare con tutti e a stare un poco insieme a tutti gli amici. Abbiamo comunque fatto del nostro meglio e nonostante la stanchezza di questi impegni continui ero davvero super felice!

Uno dei momenti fisicamente più impegnativi è stato quando, prima dell’aperitivo, abbiamo fatto le fotografie con tutti: lo scopo però era nobile, come ho già anticipato parlando delle foto ricordo che ognuno ha potuto portarsi a casa quella sera.

E’ stato faticoso solo perchè ormai era molte ore che ero in piedi con tacchi molto alti, e stare ferma nell’erba dove affondavo amabilmente col tacco nel terreno era davvero impegnativo.. Così alla fine ahimè ho ceduto e ho tolto le scarpe. Ora mi pento di averlo fatto perchè nelle prime fotografie sono bella alta con la gonna tutta in ordine, in quelle successive si vede che sono bassina e la gonna si arriccia perchè non ho più l’altezza necessaria :D ehehehe!

E’ stato davvero bello fare le foto con tutti e personalizzare le pose a seconda del gruppo: è anche nata così quella che rimane una delle foto più allegre della giornata, uno scatto che mi fa ridere ogni volta che lo riguardo: rappresenta in pieno la felicità e l’allegria dei nostri festeggiamenti!

La fotografia più spassosa del matrimonio!

La fotografia più spassosa del matrimonio!

Ormai si avvicinava l’imbrunire: dopo aver mangiato un sacco di squisiti antipasti abbiamo iniziato a far accomodare gli ospiti in sala. Spendo una parola per ringraziare ulteriormente il catering Ai 3Magnoni di Trieste, di cui ho dimenticato di parlare nei post dei preparativi: la collaborazione della gentilissima Alessia è stata indispensabile per organizzare perfettamente il pomeriggio e la serata, e la qualità da loro offerta ci ha fatto fare una figura splendida con tutti i nostri ospiti :)

Al momento di entrare nella sala eravamo così cotti Alberto ed io da non ricordarci che musica avessimo scelto per l’ingresso. Appena sono iniziate le note della Marcia imperiale di Guerre Stellari però ci siamo congratulati con noi stessi per la scelta e abbiamo marciato orgogliosi nella stanza: quanto è stato divertente!

Appena seduti a tavola abbiamo ascoltato le Piogge di Castamere, scelta per prendere alla sprovvista gli ospiti che conoscono Game of Thrones :P la cena era composta da solo un primo e solo un secondo, quindi il tempo per stare tutti a tavola è stato talmente breve che noi sposini non siamo riusciti a fare il giro di tutti i tavoli e a salutare tutti.

Subito dopo la cena abbiamo vissuto altri momenti indimenticabili della giornata: ad esempio la consegna da parte del gruppo di amici di giochi di ruolo dello specchio personalizzato in stile D&D: hanno creato la scheda di Alberto e me sposati, dettagliandola dei valori di caratteristica, dei talenti posseduti e anche dei famigli Mystra e Morwen. L’ho trovata così bella e dolce che mi è venuto da piangere, mi hanno davvero commossa…

La finale del torneo di calcetto

La finale del torneo di calcetto

Il lancio del bouquet è stato caratterizzato anche in questo caso da originalità rispetto ai matrimoni standard. Infatti la piccola Aurora ci teneva talmente tanto ad essere lei a prendere il bouquet che abbiamo fatto il nostro meglio per farle ottenere questo desiderato obiettivo: io ho impegnato tutta la mia (scarsissima) mira nel lanciare su di lei, e Renata sollevandola in braccio l’ha aiutata. Ce l’abbiamo fatta, e la felicità che ha dimostrato dopo aver preso il bouquet ci ha ripagate degli sforzi fatti ;)

Subito dopo gli amici ci hanno organizzato il bellissimo gioco delle domande con votazione “a scarpa”: è stato bello perchè proprio non me l’aspettavo. La cosa che mi dispiace è che non sono stati chiamati ad assistere i nostri genitori.. in preda all’emozione io ho chiesto che avvisassero la mamma, ma non ho pensato che così sarebbe venuta soltanto lei, e quindi papà e i genitori di Alberto non hanno assistito al gioco.

Le domande sono state simpaticissime ed evidentemente siamo davvero sincronizzati, perchè davamo quasi sempre le risposte coerentemente e coordinatamente :P E’ stato davvero carino! Abbiamo fatto scalpore soprattutto gettando via le scarpe sull’ultima domanda (“chi di voi due si è già pentito?”) e poi esibendoci in perfetta sincronia nella mossa della vittoria stile Bulgari (vedi Aldo, Giovanni e Giacomo!), e senza metterci d’accordo prima :D che ridere!

Il momento del taglio della torta è stato altrettanto straordinario. Gli ospiti sono stati condotti nuovamente nel bellissimo giardino della Tenuta e giù lungo il sentiero, fino alla piccola location che mi pare venga chiamata Vecchia Torre. Gerry aveva allestito il tavolo nuziale con le fibre ottiche, e ha illuminato gli alberi del sentiero e l’arco di pietra in maniera super romantica e suggestiva. La musica che abbiamo scelto per questo momento era Alegria, del Cirque du Soleil, ed è stato molto commuovente perchè questa canzone è legata per noi ai ricordi dei primissimi mesi da fidanzati. Le fotografie scattate sono state rese ancora più speciali dalla bella illuminazione.

La torta era davvero super buona, tanto che nonostante io fossi piena da scoppiare sono riuscita a mangiarmi tutta la mia fetta! E’ stata spazzolata dagli ospiti che hanno divorato anche la tortina speciale decorata da Karol e hanno apprezzato, mi pare, anche il buffet di frutta offerto dal Catering Ai Tre Magnoni ;) E io che speravo di mangiarmi gli avanzi di torta a colazione il giorno dopo sono rimasta a bocca asciutta :P

Abbiamo brindato e chiacchierato e poi è stato il momento di iniziare a scatenarsi in sala da ballo ;)

I festeggiamenti danzerini sono stati davvero super divertenti! Gerry ha allestito l’oper bar che ha riscosso naturalmente un grande e meritato successo (e alla sua inaugurazione ha messo come richiesto la musichetta del bar di Star Wars!), e ha gestito la selezione musicale con un’attenzione ai nostri gusti perfetta e professionale, mille volte meglio di quanto avremmo mai osato sperare! Ha suonato tutti i gruppi da noi richiesti e ha aggiunto brani eccezionali che, come ha ben azzeccato a immaginare, noi avevamo “dimenticato” ma erano perfettamente nelle nostre corde :)

Abbiamo anche potuto concludere il super torneo di calcetto, che ha visto vincitori Maranga e Ricky: hanno dovuto affrontare noi sposi per potersi guadagnare l’ambito premio. Purtroppo ci hanno battuti velocemente, ma devo dire che c’è stato un problema organizzativo in questo.. Joram non ha pensato di togliere la regola della partita “a tempo” almeno per le finalissime, regola che era stata indispensabile nei gironi prima per poter permettere di giocare a tutti, ma che quantomento nella finale con gli sposi sarebbe stata da togliere :P

Viva gli sposi!

Viva gli sposi!

Serena e David sono rimasti a festeggiare e a fotografare fino a tardi, sono stati davvero implacabili e bravissimi, e hanno colto dei momenti davvero straordinari: il primo ballo degli sposi, sulle note di Unforgettable, quando gli amici hanno soffiato bolle di sapone intorno a noi mentre ballavamo. Le foto di gruppo con gli amici, improvvisate sul momento e venute benissimo a perfetta rappresentanza di quanto ci divertivamo. Il ballo improvvisato del limbo, a cui hanno partecipato anche gli imbucati.. eh si, perchè abbiamo avuto anche gli imbucati al matrimonio! Un gruppetto di 5 persone circa, in abiti super turistici (infatti spiccavano un po’ nella festa super elegante) sulla cinquantina. Prima sono venuti a farci gli auguri e i complimenti, e poi si sono fermati ai bordi della sala a guardarci ballare e si sono serviti senza problemi all’open bar X)

Non si sono fatti mancare niente :D

Nelle danze uno dei momenti più belli è stato quando gli amici mi hanno fatta danzare tra loro. Mi hanno presa uno alla volta, facendomi ballare per un po’ e poi facendomi roteare fino a raggiungere il successivo ballerino: è stata una cosa stupenda ed emozionante, che mi ha fatto un immenso piacere. L’ultimo è stato Giacomo che mi ha presa per i fianchi con due mani incredibilmente grandi e mi ha fatta volare come se fossi una bambolina di carta, nonostante il vestito ingombrante e la pesante gonnona dell’abito (che anzi mi ha fatto realizzare ancor più la velocità con cui mi stava facendo girare!): bello bello bello bello! Mi dispiace tantissimo di non avere il video di quel momento. Mi consolo riguardando ogni tanto il video di me e Joram che balliamo e cantiamo It’s My Life! ;)

Matrimonio8Con gli irreducibili amici dalle inestinguibili energie siamo rimasti a far festa e a ballare fino alle due e mezza passate, se non ricordo male. Poi una mezz’ora abbondante è trascorsa in saluti e ringraziamenti -specialmente da parte di Arturo, che ci ha dedicato delle parole veramente belle che mi hanno molto commossa. E’ stata la degna e bellissima conclusione di quella che senza dubbio rimane la giornata più bella e speciale che io abbia mai vissuto: festeggiare per tutto il giorno con tutte le persone che tanto amiamo è stata una fortuna immensa, e sono convinta che abbiamo sfruttato egregiamente il tempo a nostra disposizione. E’ andato tutto -o praticamente tutto- secondo i nostri desideri, e molte cose anche meglio. Ci siamo divertiti da matti e mi è sembrato che la giornata durasse all’infinito, che fosse lunghissima e splendidamente eterna, e anche se la sensazione di “è già finita, che peccato!” inevitabilmente è arrivata continua a coesistere con la sicurezza di aver sfruttato ogni minuto fino in fondo, ed essermi goduta il 30 maggio 2015 al massimo.

che giornata EPICA!!!

Matrimonio11

Building a new nest.

Canti, Friul, Sogni, We Are F&B, Zugliancastle Commenti disabilitati su Building a new nest.
costruiamo un nuovo nido ;)

costruiamo un nuovo nido ;)

Oggi, sabato 25 ottobre 2014, succeede una cosa importante :)
Dopo il rogito a inizio mese oggi prendo ufficialmente possesso della nuova casa, il futuro nido di Fanciullino e Bimbaverde.

Nel pomeriggio -con la compagnia di Paola, che mi è di supporto in questo momento emozionante- andrò a Zugliano dove la signora L. mi darà le chiavi di casa, ultimo necessario passaggio di questo importante acquisto che cambierà la nostra vita!

Lasciarsi alle spalle il primo nido costruito insieme, dove Alberto ed io siamo stati dal 23 maggio 2010 ad oggi, non sarà certamente semplice. E non parlo solo della logistica e della fatica di affrontare un trasloco con due gatte -una delle quali estremamente sensibile ai cambiamenti. Basalmansion è una casa bellissima e che adoro, e che pensavo forse che non avremmo mai lasciato.
Il balzo in avanti -giunto quasi senza cercarlo- sarà una miglioria certamente, ma non sarà semplice non avere nostalgia di questa casetta.

Per rafforzare la nostra decisione iniziale e darci un alto obiettivo futuro abbiamo battezzato il prossimo nido Zugliancastle. Ambizioso ed esagerato, sì, ma Zuglianville non suonava bene :P

A farla breve l’emozione oggi è tanta: inizia ufficialmente un nuovo periodo. La consegna delle chiavi e lettura dei contatori segnano ufficialmente il passaggio di proprietà. Paoletta sarà la prima dei nostri amici a vedere la casa, che sarà senza mobili e vuota ma sarà carica delle promesse di tante ore e tanta vita felice futura!

Dopotutto è molto appropriato: con il matrimonio a maggio un nuovo capitolo della nostra vita avrà inizio, ed è bello che sia accompagnato dalla nuova casa!

Nelle prossime settimane affronteremo tutti i temuti passaggi: piccoli lavori interni alla casa prima di entrare -che spero non diventino invece imprevisti e grossi, e poi l’inscatolamento (già iniziato pian piano) e in ultimo il trasloco!
Vedremo come andrà :)

Ps. se qualche esperto di gatti vuole dispensare preziosi consigli su come affrontare il trasloco a inizio dicembre è beneaccetto :)

Storia di un RicorDivano.

Canti, Fotografie, pensieri, Sogni Commenti disabilitati su Storia di un RicorDivano.

Nella Sala di nonna Lidia si entrava di rado. Era una bellissima sala ampia, elegante, pavimento in parquet, mobili pregiati. Il divano verde era affiancato dalle sue due poltrone. In mezzo stava il tavolo di cristallo, e di fronte il divano a fiori.
Ho sempre amato quel divano di velluto verde, con le nappe a decorarne il fondo, le borchiette di metallo a decorarne i bordi, e il velluto verde così morbito!
Si andava in sala in rare occasioni. A Natale, per esempio!
Adoravo entrare in sala a Natale: era pieno di regali dappertutto e li si apriva seduti sul divano verde :)
Più in là negli anni quando andavamo a trovare nonna Lidia ci faceva accomodare in sala, e mangiavamo qualche wafer o biscotto, seduti sul divano verde :°)

Natale 1990. I nonni sul divano verde e una piccola Paoletta con codino :)

Quando è stata venduta la casa si è posto il problema di cosa fare dei mobili.
Proprio in quel periodo io e Alberto ci siamo trasferiti a Basalmansion. Così, abbiamo potuto prendere il divano, le poltrone e il tavolino di cristallo.
Sin dal trasloso sono stati con noi a Basalmansion, ecco la testimonianza della mattina del trasloco:

prima mattina di giugno, 2010. I traslocatori hanno appena lasciato tutte le mie scatole e i pochi mobili traslocati da Savona.. che ricordi!

Il divano se non erro è stato acquistato dai miei nonni negli anni settanta. Ha perciò una certa età. Non essendo mai stato utilizzato, dal momento che la sala era una stanza riservata alle grandi occasioni, si è mantenuto per anni in perfetto stato.
Abbiamo iniziato ad utilizzarlo io e Alberto, quando nel 2009 ci siamo fidanzati. Quell’anno, quando Alberto veniva a trovarmi a Savona, soggiornavamo infatti in casa di nonna Lidia.
Trascorrevamo spesso la serata in sala vedendo film. Uno dei ricordi più forti è una sera di luglio, proprio appena fidanzati. Abbiamo guardato (sul portatile di Alberto) Dead Man, in sala, sul divano verde. Bevendo Amaro di Ponzone. E Alberto di è addormentato a metà film. Tutt’ora non sa di cosa parla il film ;)

Nel 2011 abbiamo preso i mobili nuovi: si è creato un angolo proprio bello!

Ci sono tantissimi ricordi legati a questo divano.
I primi sono quelli della mia infanzia. Poi ci sono quelli legati ai primi mesi con Alberto.
E poi dal trasfermimento a Basaldella in poi, la nostra nuova vita insieme è legata al divano e alle poltrone di velluto verde :°)

Tornati da Dubai con la nostra shisha ci riposiamo sull’amato divano!

Le gattine quando hanno mosso i loro primi passi in questa casa hanno fatto le loro prime dormite sul divano verde!
Lo hanno adorato da sempre, divano e poltrone. Essendo un poco rialzati dal pavimento permettono di accucciarsi sotto, nascosti tra le verdi nappe, e di eseguire degli agguati perfetti.

Mystra in agguato sulla poltrona verde!

Sul divano verde si dorme proprio bene!

Purtroppo cominciando ad utilizzarlo più spesso è stato inevitabile che il peso degli anni cominciasse a farsi sentire. Piano piano il divano ha iniziato inesorabilmente a sfondarsi.
Io ho iniziato ad avere i miei antipatici problemi di schiena, e dopo l’ultima lombalgia di ottobre ho iniziato a far fatica a star seduta su un divano sfondato, tanto che devo tenere sotto al sedere un secondo cuscino e solo così sono a livello con la seduta centrale del divano -_-°
A farla breve, abbiamo dovuto farci una ragione del fatto che è giunto il momento di cambiarlo.

Così, in un piovoso weekend di inizio gennaio, siamo andati a cercare il nuovo divano.
Ci hanno detto che lo avrebbero portato a casa da noi solo a fine marzo, perciò ho pensato di avere tutto il tempo per dire addio al Divano Verde.

E invece venerdì ci hanno telefonato: è già pronto.
Abbiamo scelto il bellissimo divano “MALIA” di Poltrone e Sofà, tre posti, microfibra grigio chiaro.
Ma io non sono pronta! Domani vengono a portarci il nuovo divano, e io non sono pronta a dire addio al divano della nonna Lidia.

E’ una cosa tanto sciocca affezionarsi tanto a un oggetto?
Può darsi.
Ci sono così tanti ricordi legati a questo divano: non ho fatto giustizia a ciascuno di loro con questo post, purtroppo. Sono troppi.
E’ il divano dei Natali passati, il divano dell’amore per Alberto, il divano del trasloco, il divano dei pomeriggi nella casa nuova, sola e disoccupata, il divano delle letture a sera, il divano dei film e delle serie tv visti abbracciati, il divano della shisha, il divano di Mystra e Morwen, il divano di Singstar con Joram, il divano delle chiacchiere con le amiche, il divano del maldischiena, il divano dei film con mamma e papà, il divano di Riccardo in visita da noi, il divano di Jacopo e di Hussein bambini che ci saltano sopra, il divano del relax con in braccio le micine, il divano degli ultimi quattro meravigliosi anni in Friuli e di tutti gli anni passati a Savona.
Ciao divano verde di velluto.
Mi mancherai un sacco :°)

Fanciullino e Bimbaverde alla Parmigiana!

Fumetto, Sogni, vacanza, Viaggi, We Are F&B Commenti disabilitati su Fanciullino e Bimbaverde alla Parmigiana!

Ed eccoci: primo post del 2014!
Non sarà un elenco di buoni propositi, anche perchè non ne ho uno, nè un racconto degli ultimi mesi del 2013 o di Natale/Capodanno: quello seguirà quanto prima!

Sarà una piccola anticipazione del weekend a venire: sono emozionata e contenta e non vedo l’ora, perciò me lo pregusto raccontandolo qui!

Alberto ed io andremo a Parma a partecipare alla Rat-Convention, attirati dagli eventi che si terranno la giornata di sabato 11 gennaio dedicati al Ratto di Leo Ortolani!

Il timbro che spero mi annullerà la copia del fumetto speciale uscito per l’occasione!

Quando ho letto il post sul suo blog comenondetto ho avuto un tuffo al cuore e mi è venuta voglia di partecipare.. ma mi frenava il fatto che non ci fosse garanzia di poter entrare all’evento pomeridiano all’Auditorium in quanto 600 posti vengono riempiti ben presto da fan di varia origine ;)
Fare tanti chilometri per poi non godersi al 100% gli eventi sarebbe stato un peccato.

Poi quando hanno messo la possibilità di prenotare i posti online non abbiamo resistito alla tentazione, e abbiamo fatto appena in tempo! Pur facendolo a 5-10 minuti di distanza uno dall’altra, abbiamo 5 numeri di lontananza dei posti a sedere tra Alberto e me, e abbiamo preso i posti quasi all’ultimo!

Una fortuna del genere andava festeggiata: così abbiamo deciso di dedicare il weekend dell’11 a una piccola vacanzina fuori porta. Partiremo venerdì 10 (domaniiii!!!) dopo il lavoro (chissà che non si riesca anche ad anticipare la partenza?) verso Parma. Il viaggio dovrebbe durare circa tre ore e mezza, e al nostro arrivo ci sarà la Camera Matrimoniale Superior allo Starhotels Du Parc

4 stelle per noi stavolta, yeha!

Grazie a booking.com abbiamo potuto prenotare allo stesso prezzo di un tre stelle ;) figata!

La giornata di sabato sarà dedicata alla visita alla città durante la mattinata, tanto si potrà solo visitare alle 11.30 la mostra delle Copertine di Ratman se ho ben letto. Ho cercato un libbricino guida di Parma ma nelle librerie qui a Udine e online non è che trovi molto, perciò pregusto di comprarlo direttamente sabato mattina in loco, anche se è un peccato non averlo prima!
A sera riusciremo penso anche a incontrarci con la collega di Alberto grazie alle cui preziose indicazioni ho potuto prenotare il Super albergo ;)

Per domenica abbiamo grandi progetti sempre un po’ nerd! Mi ha messo la pulce nell’orecchio lo Zio G., che ha fatto con Zia B. la stessa tappa al rientro da Parma. E’ vicina, è di strada.. e quindi andiamo a visitare BRESCELLO!

Per chi non lo sapesse, Brescello è il paese di Peppone e Don Camillo!

Tramite il sito Visitbrescello.it abbiamo prenotato una visita guidata solo per noi, la domenica mattina, grazie a cui potremo visitare il paese e i tre musei locali :) dopo un pranzetto spero sempre in Brescello ripartiremo per casa!

Che bello, mi sto proprio pregustando questo weekend in arrivo! *_*

Settembre 2013: chi va a Lecce e chi viene a Udine!

famiglia, Gattine, Love, pensieri, Sogni Commenti disabilitati su Settembre 2013: chi va a Lecce e chi viene a Udine!

E ormai ci siamo! Per via del recente malanno delle micine gli ultimi giorni sono volati con molto più trambusto del previsto, e siamo già arrivati a giovedì 12 settembre!
Domani Alberto parte per 10 giorni lontano: va a Lecce, dove seguirà un corso e parteciperà a un convegno di lavoro. Nell’attesa del suo rientro, come già in passato per l’analoga occasione di Conegliano, a farmi compagnia verranno la mamma con Renata e Riccardino!

Anche loro partiranno domani: non so quando, non so come, prima o poi arriveranno da me a Udine.
Sono un po’ preoccupata per le gattine, spero che la visita del bimbo ormai cresciuto non le scombussoli troppo! La loro malattia sicuramente non migliora la situazione, ma sarà bello sapere che saranno tenute d’occhio dalla mamma e da Renata in mia assenza, all’occorrenza :°)

Spero che il tempo sia clemente.. solo sabato scorso, mentre ero alle terme di Bibione con Alberto, sognavo con tutto il cuore di tornarci il prossimo weekend con Riccardo Renata e mamma! Ma se continua questo freddo chissà se sarà fattibile? Parte della bellezza della struttura, per Ricky, sarebbe anche la piscina esterna e i prati che la circondano, che se fa freddo non sono certo più altrettanto affascinanti…
vedremo.. Mi auguro davvero che
1) le micine migliorino rapidamente nella salute.. Mystra è sulla buona strada; spero che oggi Morwen ricominci a mangiare!
2) ci sia tempo bello e caldo nei prossimi giorni :°)

Vi racconterò come va questa piccola vacanzina in Udine!!

Bisogno di relax, voglia di terme!

Canti, Sogni Commenti disabilitati su Bisogno di relax, voglia di terme!

Ho sempre avuto una passione per le Terme.. per anni dell’idea in sè, e da quando taaanto tempo fa avevo sperimentato le piccole ma belle Terme di Vinadio la passione è diventata forte della conoscenza ;)

Negli ultimi anni l’unica bellissima esperienza era stata con Alberto, durante la nostra primissima vacanza in Austria a Bad Kleinkirchheim: uno dei giorni di vacanza invece che per sentieri eravamo andati alle terme, rilassandoci moltissimo.

Poi, l’anno scorso, Paoletta ha organizzato il suo addio al nubilato in maniera splendida e originale: con le amiche siamo andate tutte a Bibione Thermae, trascorrendo un pomeriggio insieme all’insegna del benessere ;)
La struttura di Bibione mi aveva colpita davvero positivamente: bellissima, attrezzata, completa.. tutto di quel pomeriggio mi era piaciuto da matti!

Domani, a praticamente esattamente un anno di distanza, tornerò ma insieme ad Alberto *_*
I colleghi infatti per i miei trent’anni mi hanno regalato un buono ingresso valido per due, per trascorrere una splendida insieme!

La cosa casca proprio a fagiolo: io ho avuto una settimana particolarmente stressante al lavoro e il relax mi ci vuole *_*
E domani faremo valere alla grande questo regalo geniale: grazie ancora a tutti del pensiero!!!

Non ci sono gatti in America!

America, Canti, Gattine, pensieri, Sogni, vacanza, Viaggi, We Are F&B Commenti disabilitati su Non ci sono gatti in America!

E con questo post dal titolo creativo, per veri intenditori, sono a raccontare a chi di voi ancora non lo sappia che Alberto ed io siamo alle albe di una partenza: la partenza per un viaggio avventuroso e lungo come quelli del 2010 :)

E’ dal viaggio in SingaporeSri Lanka e dal viaggio a Dubai, infatti, che non abbiamo occasioni per andare in mete esotiche o lontane.
Un po’ perchè dall’arrivo delle gattine abbiamo più legami, e un po’ perchè un motore determinante per questo genere di viaggio sono determinati impegni lavorativi di Alberto, legati a convegni o ad altri eventi analoghi in giro per il mondo!

Quest’anno si tengono due di questi convegni, il primo a New York e il secondo a Washington DC, in successione con qualche giorno libero tra i due eventi: quale occasione migliore perciò per un viaggio lavoro-vacanza?
Come già in Singapore e in Dubai quindi si andrà in gruppo, Alberto io e il Prof, e si visiteranno le due belle città nei giorni liberi: quando loro saranno al convegno, io girerò sola a godermi le belle follie americane!

I preparativi fervono: partiremo con l’aereo delle 9.50 della Swiss Airlines, venerdì 26 luglio mattina, e con scalo a Zurigo arriveremo poi a NY nel pomeriggio.
Rientreremo viaggiando da Washington a Brussel con la Brussels Airlines alle 10.35 del 9 agosto, e grazie alle magie spazio-tempo del fuso orario saremo a Venezia il 10 agosto tardo pomeriggio.

In New York soggiorneremo nella zona del Word trace center, proprio di fronte al Ground Zero, nell’alberto Club Quarters
(http://www.tripadvisor.it/Hotel_Review-g60763-d1595302-Reviews-Club_Quarters_World_Trade_Center-New_York_City_New_York.html). Non è proprio una posizione centrale ma sembra fighissimo!

A Washington invece soggiorneremo nell’albergo Washington Court Hotel, in Capitol Hill!
(http://www.tripadvisor.it/Hotel_Review-g28970-d84129-Reviews-Washington_Court_Hotel_on_Capitol_Hill-Washington_DC_District_of_Columbia.html)

A soli tre giorni dalla partenza sono davvero molto emozionata! La mia mamma sarà così mitica da venire a Udine, domani, per stare a casa da noi durante le due settimane di nostra assenza: si prenderà cura delle pupine, Mystra e Morwen avranno compagnia e cure e saranno a loro volta di compagnia per lei :)
Senza questo stupendo aiuto non avremmo mai potuto farlo: farò fruttare al meglio tutti i giorni di vacanza, nonostante io sia piuttosto emozionata dal dover girare tanti giorni da sola in due città così grandi!

Se qualcuno di voi le ha già visitate e vuole darci qualche dritta sono tutta orecchi: e dimenticavo, nei due giorni “vuoti” avremo occasione, forse, di vedere anche Philadelphia! non abbiamo ancora deciso nè prenotato niente ;)

se non ci sentiamo più prima della partenza, buone vacanze a tutti!

Un weekend tanto atteso!

Canti, Love, Sogni, vacanza, Viaggi, We Are F&B Commenti disabilitati su Un weekend tanto atteso!

Sono molto impaziente e non vedo l’ora che arrivi il weekend..
A San Valentino ho regalato ad Alberto un piccolo Magic Box, uno di quei libretti prepagati con inclusa una notte con colazione per due persone. Volevo che avessimo una scusa tangibile per dedicarci un weekend tranquillo fuori, solo noi due! Da quando è nato Riccardino per ovvie ragioni la maggiorparte dei ponti e dei weekend fuori vengono sfruttati per scendere a Savona, e da un certo punto di vista è un po’ un peccato ;)
Con l’occasione del quarto anniversario in arrivo abbiamo deciso di mettere a buon frutto questo magic box: integrando la prenotazione prepagata Alberto ha fatto le cose in grande, e ha prenotato presso l’Hotel Al Forte, Arabba, BL. E non una suite qualunque.. La Superior Suite.
questa qui, per intenderci:
http://www.alforte.com/camere/sissi-superior-suite/
*_*

La suite Superior.. un sogno!

L’idea alla base del nostro weekend romantico fuori è di rilassarci completamente. Di staccare la spina per un paio di giorni, e godercela ;)
Mi pare che le previsioni del tempo siano particolarmente brutte, il che in questo caso ci sta bene: nessuna scusa che ci impedisca di infilarci nella Wellness Fitness e tra sauna, bagno turco, therme e tutto quanto far trascorrere tutto il giorno nel relax completo!
Non vedo l’ora, veramente *_*

Se qualcuno ha delle dritte da darci su posti imperdibili in zona Arabba-Belluno sono bene accetti consigli.
Altrimenti rimarremo immersi nella vasca a idromassaggio della Suite o nelle terme dell’Albergo fino a nuovo ordine ;)

una settimana da stress

Canti, Incubi, pensieri, Sogni Commenti disabilitati su una settimana da stress

 

A volte capita, per fortuna di rado, che le perturbazioni di stress si concentrino in una unica settimana lavorativa.
Un giorno dopo l’altro si susseguono, fortunosamente, scrosci di rogne, tempeste di grane, fulimi di problemi. Le persone stupide si accaniscono, le piccole sfortune si incastrano meglio delle tessere di un puzzle, e la stanchezza fa sembrare più grossi i problemi.

Alla vigilia della fine di una settimana un po’ particolare, un po’ stressata dal punto di vista lavorativo, ci sono due soluzioni che si aprono per il weekend, oserei dire diametralmente opposte:

1) rifugio in uno stato letargico completo: la previsione di un weekend mollamente spalmati sul divano, in cui la cosa più faticosa da fare sia decidere se guardare ncis, walking dead, x files o mind your language. Possibile pausa lettura. Dormire. Ordinare cibo a domicilio per non dover nemmeno cucinare. Abbruttirsi volontariamente nell’ozio e nella nullità di attività.

pro: riposo
contro: senso di vergogna. Casa sporchissima da pulire che rimane sporca.

2) lavori compulsivi ossessivi in tutta la casa; pulizie di primavera; evoluzione momentanea in hop hop gadget cenerentola.
Fare ordine negli armadi e nei vestiti, spostando drasticamente gli spazi e organizzandoli in pieno stile “ikea”, con scatole che ottimizzano lo spazio, possibilmente fashon e coloratissime.
Pulire e fare ordine sotto il lettone, il che significa tirare fuori TUTTO (contenuto: coperte, lenzuola martimoniali e singole, altre coperte, asciugamani, altri asciugamani, tanti asciugamani, borse, 1 valigia dal contenuto ignoto)-  togliere le gattine che nel frattempo sono entrate per giocare nel cassone -aspirare tutto il cassone pieno di polvere e di gatti di polvere e di pelo – togliere le gattine che nel frattempo sono entrate per giocare nel cassone – rimettere tutto dentro in ordine, usando splendidi organizer colorati e compatti, che ridurranno il disordine e ottimizzeranno gli spazi secondo i miei più rosei desideri – togliere le gattine che nel frattempo sono entrate per giocare nel cassone.
Appendere il nuovo portafoto e scegliere che foto metterci dentro.
Fare ordine nei portagioie
Fare ordine in bagno
Fare commissione al Città Fiera (BV sennò scadono i punti E comprare i famosi contenitori organizer)

pro: meraviglioso senso di ordine e di soddisfazione post lavori in casa
contro: troppo da fare, fatica!

Cosa succederà?
Non so.
Ma in medio stat virtus :P

 

Quasi vacanze!

Canti, famiglia, Sogni, vacanza, We Are F&B Commenti disabilitati su Quasi vacanze!

Giorno dopo giorno le ferie si avvicinano; ci stiamo arrivando sui gomiti, stile marines, al lavoro.. le richieste non accennano a diminuire e corriamo ogni giorno (virtualmente) senza sosta!
Quest’anno le ferie di Fanciullino e Bimbaverde non ci porteranno lontani in luoghi esotici (che nostalgia del viaggio Singapore-Sri Lanka..!), nè al mare come l’anno passato (beeeeeeeeella vacanza al mare in Croazia con mamma e papà…*_*), nè purtroppo in Irlanda come desidererei ardentemente.
Quest’anno ci saranno ospiti speciali:

Quest’anno vedranno giungere finalmente in visita la famiglia Tocco!!!
Dal lontano 2010, anno del mio trasferimento, quando Renata e Donato sono venuti a trovarci, non sono più tornati. Hanno messo in cantiere Riccardo, che ora è finalmente cresciuto abbastanza da permettere il lungo viaggio Savona-Basalmansion!
Renata Riccardo e Donato verranno a trovarci nella settimana dal 13 al 18 agosto, e non vediamo l’ora! Ci saranno molte cose a cui pensare durante la loro permanenza, soprattutto la sicurezza di Riccardo nella nostra casetta piena di oggetti, spigoli, scale, micine :P Potremo andare a cercare i giardinetti per Udine, per farlo giocare con gli altri bimbi. Potremo andare a Cavazzo al lago; potremo andare alla Casa delle Farfalle di Bordano, all’Acquario di Aaris, ma soprattutto stare insieme!!!

Alberto ed io avremo libera anche la settimana dal 6 al 12, e per godercela abbiamo deciso di fare un salto in Slovenia; vogliamo cominciare a sfruttare la vicinanza con questa splendida regione!
Abbiamo prenotato due notti al bellissimo agriturismo Seruga; nella Slovenia sud-orientale, a Otočec :) In due ore lo si raggiunge!
L’obiettivo è naturalmente totale relax, e sfrutteremo il viaggio fin lì per delle tappe strategiche lungo la strada. Sicuramente visiteremo Lubiana, che io non ho mai visto. Se qualcuno ha da suggerire tappe nel percorso Otočec-Basaldella è il benvenuto!
La fattoria Seruga mi sembra stupenda.. il sito fa sognare di relax e accoglienza, con il suo parlare di boschi, ruscelli, forno a legna e passeggiate nei campi. Adesso mi metterò a sfogliare la nostra guida sulla Slovenia per capire cosa possa essere meritevole di visita nei dintorni di Otočec :)

Le vacanze purtroppo finiranno già il 19, e il 20 tornerò al lavoro.. Ma avremo una seconda “botta de vita” con l’arrivo di Fabio e Martina in visita a Basalmansion, per la prima volta da quando vivo in Friuli finalmente!!! Verranno qualche giorno a trovarci, e stiamo già programmando qualche attività extra insieme ;)