Natale 2009

Canti, famiglia, Festa, Fotografie, Natale, vacanza Commenti disabilitati su Natale 2009

Vigiliadinatale 2009 (7)E ieri abbiamo festeggiato la Vigilia di Natale in casa!
Ho fatto io la cioccolata, come da programmi.. ero molto emozionata ed è stato molto divertente davvero :) è anche venuta buonissima, ma così densa che non passava dalle boccucce delle brocche (che sono delle brocche da caffè e quindi con la boccuccia piccola) ^___^
La cena è stata molto bella, ed è stata una Vigilia un po’ speciale perchè i regali che ci siamo scambiati erano tutti.. come dire? più “pensati” e dedicati del solito :°) è stato molto emozionante e molto bello.

Il mio umore non è particolarmente Natalizio, e non veleggio proprio alta alta.. sento troppo la mancanza della nonna, è il primo Natale senza lei e senza nemmeno gli zii, che sono rimasti a Nizza, nè Zio Renato, che almeno spero tanto sia a casa e non via per lavoro.
Mi sento triste, sola e nostalgica.. spero mi passi. Cercherò di rasserenarmi a pranzo, distraendomi un poco in compagnia della mia famigliola.

Buon Natale a tutti!

Antivigilia 2009

famiglia, Festa, Inconscio della Barda, Natale, pensieri, Sogni 4 Comments »

E ridendo e scherzando siamo arrivati al 23 dicembre.. sembra decisamente impossibile.
Già solo pensare al 23 maggio mi evoca tutta una serie di ricordi e di sensazioni, che partono da dentro e si irradiano attraverso tutti i miei pensieri, correndo sul filo dei giorni che da maggio ad oggi si sono succeduti.. Ci sono stati momenti di aprile/maggio in cui non riuscivo nemmeno a vedere al di là del mio naso, figuriamoci immaginare l’arrivo del Natale. E invece, eccoci qui :)

Ogni anno mi ritrovo, in questo periodo, a pensare ai vari Natali passati.
Quelli di bimba erano davvero magici e colorati. Nei miei giochi entrava l’atmosfera natalina sin da dicembre, con l’arrivo del calendario dell’avvento. Ricordo da piccina picciò di aver spesso saltellato sul letto, salendo sul cuscino, appena sveglia, per sporgermi ad aprire la casellina del giorno del calendario dell’avvento appeso all’armadio vicino al mio letto…
Da più grandicella le barbie diventavano montematiche sul Natale con dicembre.. e poi Santa Lucia! La fiera di Santa Lucia era un evento davvero emozionante, le bancarelle il profumo del torrone e dello zucchero filato, delle mandorle tostate, i giocattoli, i banchi con le statuine del presepe… *_*

L’emozione, già dalla mattina della Vigilia, mi ha sempre presa molto fortemente.. sia quando credevo a Gesù Bambino, e allora quando si chiudeva la porta della sala alla sera della Vigilia l’emozione saliva davvero alle stelle.. si, perchè -vi spiego- l’usanza in casa nostra è sempre stata questa: alla sera della Vigilia si fa la cioccolata calda, al posto della cena; la si accompagna con pandori e panettoni, focaccia e biscotti, e si mangia così, una bella cioccolata calda in famiglia, con l’albero acceso di lucine :)
Poi, sinchè noi bimbe si era piccole, si chiudeva religiosamente la porta della sala.. perchè di notte Gesù Bambino sarebbe venuto a portare i doni sotto l’albero e non si doveva disturbarlo!!! E al mattino dopo, la porta era sempre assolutamente chiusa, ma attraverso i vetri si poteva vedere l’albero illuminato *_*
Non si poteva entrare in sala sinchè tutti non avessero fatto colazione, non si fossero lavati i denti e cambiati. Allora, solo allora, si entrava in religiosissima emozione in sala… e che emozione era, davvero, trovare tutti i regali sotto l’albero.. ah, amici miei.. ma dove ce la perdiamo l’infanzia, mentre cresciamo?

Forse avremmo perso un poco della magia di tutto questo prima, se non fosse stato grazie a Fabio :) Quando è arrivato da noi era un cucciolo di 4 anni e mezzo, e quindi la tradizione della sala e di Gesù Bambino si è rinnovata nel tempo per lui, per regalargli quei sogni di infanzia che avevano cullato e cresciuto sia Renata sia me :)

..negli ultimi anni, la praticità ha preso il posto di parte della tradizione. La cioccolata calda rimane assolutamente, ed è una cosa per me importantissima… ne ho già parlato con Alberto, chiedendogli di poterla tramandare a nostra volta, replicandola.. perchè non vorrò perdere questa tradizione che segue la mia famigliola sin da Pola :°)
Ci tengo così tanto…! E così domani sera sarò io a fare la cioccolata, aiutando mamma, così da imparare e l’anno prossimo essere autonoma ^________^
I regali, invece, che sino a qualche anno fa si aprivano assolutamente la mattina di Natale, ora vengono scambiati e aperti dopo la cioccolata della Vigilia! questo perchè così al mattino di Natale non bisogna alzarsi prestissimo per combinare regali+messa+preparativi del pranzo, ma si può fare con più calma e dormire magari un poco di più ;)

E così anno dopo anno il Natale si è succeduto, rappresentando sempre per me comunque un momento felice: un momento in più con la mia famiglia, un’occasione per fare regali carini alle persone a cui voglio bene, un momento di festa e di riposo :)
Ricordo solo un Natale come un po’ triste e sballottato, con una sensazione di vuoto e di tristezza mentre sedevo sola in camera mia, chiedendomi che fare di me stessa.. ma stando con la mia famiglia, e sentendo la vicinanza dei miei cari e degli amici, anche quello alla fine fu un buon Natale, dopo tutto.

Questo Natale è più strano.
Dicembre, emotivamente per quanto riguarda una sfera della mia vita molto precisa, quella lavorativa, è stato il coronamento con la cigliegina di letame di un anno particolarmente antipatico. Penso di aver passato bene questo mese soltanto grazie ad Alberto, e grazie al fatto che tra il ponte dell’Immacolata e gli altri weekend, entrambi abbiamo fatto i salti mortali per vederci tantissimo, e quindi abbiamo sconfitto un poco la distanza, e tutto ciò che essa porta -come malumori, come debolezze e come dolori. Questo mi ha dato tanta forza.. e già così sono sull’orlo del collasso e della crisi di nervi, figuriamoci se non avessi avuto questo aiuto :P
Tutto questo stress, tutto questo nervosismo e queste preoccupazioni, hanno impedito un poco la mia solita spensieratezza natalizia.. inoltre, anche se già il 26 saremo insieme, la prospettiva di una Vigilia e un Natale lontani dal mio amore un poco mi intristiscono, devo dire la verità.. e rubano un po’ della magia di due giorni di vacanza speciali.

Questo Natale è strano per questo.
Perchè sarà il primo Natale che vede Alberto e me insieme… ma non saremo insieme davvero! Epoi, sarà il primo Natale senza la nonna Lidia, e questa è una cosa ancora dolorosa quanto lo era mesi fa… :°( E poi, sarà l’ultimo Natale con la mia famiglia, con mamma papà Renata Fabio e Donato!
Il pensiero è strano, perchè comporta un turbine di sentimenti che non sono del tutto facili da districare.. c’è la tristezza, perchè fino a pochi mesi fa non avrei mai immaginato di esser un giorno davvero lontana da tutti loro! C’è l’emozione forte, e l’aspettativa, perchè quest’anno che arriva mi porterà vicina al mio amore, e non vedo l’ora! C’è la gioia, una gioia immensa.. perchè se tutto va come desideriamo, il prossimo Natale sarò con Alberto, e pian piano saremo l’uno la famiglia dell’altra, e questa è una delle cose più belle del mondo!!! :°)

E quindi questo fiume di parole per cosa?
Beh… perchè domani è la Vigilia, e io sono in vena di pensieri e riflessioni. E ho dentro questo turbine di sentimenti che non mi permette di capire come starò domani e dopodomani. Ma penso questo: soffrirò tantissimo per essere lontana da Alberto. E cercherò di gioire al massimo dei cari che avrò accanto, di mamma e di papà, di Fabietto che non è più il piccolo scricciolo di una volta ma un giovane uomo che cresce, di Renata e Donato che hanno iniziato la loro vita insieme e sono stupendi a vedersi. Sarà l’ultimo Natale vecchio stile con tutti loro.. e voglio che abbiano una Paoletta tutta per loro, quest’anno. E me li gusterò al massimo, vivendo ogni minuto con l’intensità che merita. Perchè il 2010 sarà un anno di grandi cambiamenti, e la forza del futuro nasce oggi, dal presente!

Buona antivigilia, mondo.

Fanciullino&Bimbaverde • il weekend prima di Natale

Canti, Love, We Are F&B Commenti disabilitati su Fanciullino&Bimbaverde • il weekend prima di Natale

Il weekend appena trascorso è stato stupendo.. un nuovo meraviglioso semi-weekend insieme, come sempre rubacchiato ai chilometri e alle avversità, organizzato contro i pronostici metereologici e ritagliandosi almeno un poco di tempo per noi, come sempre accontentandosi di vivere insieme poco più di 36 ore, a fronte di dieci ore di viaggio per poterlo fare, e come sempre concludendo che data la felicità di quando finalmente possiamo riabbracciarci, ne vale assolutamente la pena ^____________^

Questa volta i problemi nel viaggio, povero, li ha avuti Alberto! Venerdì infatti si è scatenato il finimondo nevoso in tutto il norditalia, che lui doveva attraversare nella sua interezza da est a ovest :P Già era potuto partire solo alle 1600 per via del lavoro, e in più ha trovato da metà strada in poi condizioni meteo decisamente avverse.. che lo hanno parecchio rallentato!
Mentre io lo aspettavo pisolando sommersa da una pila di coperte in Via Venezia, lui affrontava neve ghiaccio e lupi, e alla fine direi che è andata ancora bene, perchè è arrivato poco dopo alle dieci e mezza, mettendoci solo 6h30 contro le solite 5, quindi poteva andar molto peggio :P

Certo, questo ha comportato che la cenetta a lume di candela con pansotti al sugo di noci diventasse “pranzo del giorno dopo con pansotti al sugo di noci”, ma l’importante è che alla fine eravamo insieme ^_^
La pigrizia del mattino di Sabato, complice l’ora tarda di arrivo della sera prima, ha toccato vette che non avevamo ancora raggiunto prima.. perchè, dato che ci siamo alzati dal letto solo a mezzogiorno, abbiamo deciso di saltare colazione e fare direttamente pranzo! E quindi non solo non ci siamo degnati di alzarci prima della metà giornata, ma siamo anche passati da veri sbulaccosi direttamente dal letto al tavolo da pranzo (con i famosi pansotti), veramente scandalosi!!! :D
Siamo molto fieri di questo, e abbiamo deciso che il next step sarà, almeno una volta, alzarci solamente per raggiungere il tavolo da cena X)

Nel primo pomeriggio ci siamo dedicati completamente a noi due, con un relax talmente stupendosamente completo e meraviglioso che non è nemmeno descrivibile, e così unico, dolce e romantico che vi lascerò con la curiosità e non ne descriverò praticamente niente! ;) Mi limito a congratularmi con l’inventore delle ballistiche, che sono un capolavoro di genialità sbulaccosa, e con gli ideatori delle alchimie profumose della Lush, yeha.
Sulle note di Adiemus, che non ascoltavo da molti anni davvero, ci siamo rilassati per più di un’ora.. raggiungendo lo stato nirvanico fisico di “Budino”, e psicofisico di “Nonerocosìrilassatodamesi”, cosa di cui ci siamo resi pienamento conto quando, più tardi, girando per l’affollata Ipercoop o in frenetici negozi strapieni di gente, non venivamo praticamente infastiditi dal caos intorno a noi!!! ;)

Nel resto del pomeriggio infatti abbiamo fatto quattro passi per Savona, acquistando gli ultimi pensierini di Natale e.. non solo ;) La cosa più importante è stupenda che abbiamo preso è ricollegata a una commissione che avevamo fatto insieme quando Alberto era venuto a Savona a metà novembre… il che mi fa tornare alla mente che vi avevo promesso una foto dell’anellino che gli ho preso, e poi mi son dimenticata di farla :P
Magari durante le vacanze ci facciamo una foto alle nostre due mani, così anche i più curiosi saranno soddisfatti! (si, sto pensando proprio a te, oracolo che mi leggi sempre e da sempre!!! :***))

Famigliola natalinaE a cena, secondo i piani, ci siamo visti con Renata e Donato per mangiare insieme la farinata!!! ^_^
Siamo andati da Escopazzo e abbiamo mangiato chiacchierando, finalmente avendo un poco di tempo per stare noi quattro insieme! E per proseguire la serata, abbiamo optato per rifugiarci al calduccio di Via Venezia, e ci siamo sistemati in cucina: thè caldo, caffè, panettoncino uvetta e cioccolato, e soprattutto NOVEMBRE ROSSO! :D
Era un po’ che volevo far provare ad Alberto questo giochino bellissimo, e la partita è stata effettivamente molto divertente ^_^ Dopo 15 minuti di gioco eravamo già spacciati, eppure contro ogni prognostico ce la siamo cavata e abbiamo vinto :D
E’ stata davvero una stupenda serata :)

Domenica abbiamo deciso di rimanere fedeli a noi stessi, poltrendo a letto fino a vergognosissima ora tarda :P
Poi in fretta e furia ci siamo preparati e siamo andati, carichi di pacchi pacchetti e borse, su a pranzo dai miei genitori, talmente carichi che Babbo Natale sarebbe schioppato di invidia :P
Il pranzo della domenica è stato stupendo, e con la scusa del Natale ho potuto inchiodare la famiglia per una foto “rituale” di gruppo :D

E come sempre accade, le tre sono arrivate fin troppo presto, con il pranzo così bello e in armonia e le chiacchiere a seguire.. lo scambio di qualche regalo (Donato e Renata non hanno resistito alla tentazione di aprire subito il loro pacchettino da parte di Alberto e mia :D), il tempo di una capatina in Casa Tocco a vedere come sta prendendo forma dopo il trasloco, e poi era già ora di salutarsi :(
E’ triste vedere Alberto partire, vedere la sua macchina che corre giù seguendo le vie della villetta e salutarlo.. ma stringo i denti: dopotutto, il 26 saremo già insieme :°)

Fanciullino&Bimbaverde • weekend di dicembre!

Amici, Canti, Love, We Are F&B Commenti disabilitati su Fanciullino&Bimbaverde • weekend di dicembre!

E così, carica di felicità per rivedere così presto il mio Fanciullino, venerdì sono partita sul mio solito Amicotreno delle 18.33, direzione Venezia Mestre con cambio a Milano :)
Il viaggio è andato bene, nel senso che ho dormito della grossa e ormai mi sto abituando al fatto che con quel treno lì si arriva sempre 20 minuti in ritardo, ma alla stazione di Milano il treno per Venezia attende la coincidenza, essendo l’ultimo della notte, e quindi con un po’ di stress e una bella corsetta riesco a prenderlo.
Così, in un batter d’occhio, era già mezzanotte, e mentre Cenerentola si trasformava in zucca io potevo nuovamente riabbracciare il mio Fanciullino ^_______^

Sabato mattina la sveglia è stata impietosa: dal sonno che avevo, io avrei potuto davvero dormire tutto il giorno, o quantomeno rimanere a letto a pigrire sfacciatamente per svariate ore ^_________^ ma un meraviglioso appuntamento con un mitico gruppo di amici ci attendeva, e quindi ci siamo alzati e ci siamo preparati!!! :)
E in men che non si dica, eravamo fuori al freddo e al gelo! Una splendida giornata di sole, questo sabato 12 dicembre, non c’è che dire: ma con un ventaccio freddo da congelarti sul posto :D
Mentre ci avvicinavamo al Brico, nel cui parcheggio si aveva uno dei primi luoghi di raduno, abbiamo beccato il Gareth che con Garethiana spavalderia ci oltrepassava e imboccava la strada sbagliata, così lo abbiamo rincorso clacsonandolo e lampandolo e probabilmente -prima che capisse che eravamo noi- infastidendolo non poco :P Recuperato lui, e incontratici con Arturo Ricky e Il Maranga, ci siamo avviati al punto di incontro con gli altri DLiani!!! ^_^

Tante facce nuove, e alcune già invece conosciute -e alcuni amici straordinari da riabbracciare! Alcune defezioni dell’ultimo minuto, causa malanni di stagione, e alcuni aggiuntisi all’ultimo, fortunatamente, a bilanciare le cose! Un sacco di gente mitica, e un luogo di mangianza rinomato e ultraterreno: Da Gianni! :D

Insomma, da lì a poco il raduno DL, I Cavalieri della Panatura, è cominciato ^_^ La sorpresa più gradita per me è stato l’arrivo del Kender con Morosa, che speravo tanto di poter riabbracciare e che non vedevo da marzo scorso… individuarli a fondo tavolo, ancora in piedi perchè appena arrivati, è stato davvero emozionante! Purtroppo l’ambiente un po’ ristretto e la tavolata compressa, stretta e lunga, non aiutano in un raduno del genere le public relations.. noi eravamo relegati a fondo tavolo, in un angolino (niente battute sugli angoli? :P), e quindi alla fine si è potuto parlare e dedicarsi soltando ai 4-5 commensali che si aveva vicino, senza poter conoscere i membri del forum più distanti nella tavolata o al loro primo raduno..
Il che è un peccato, in effetti: ma essendo noi nell’angolino tutti amici e che non ci si vedeva da un secolo e mezzo, è stato bellissimo ugualmente :)

Gareth è rimasto favorevolmente colpito dal suo primo incontro-scontro con la Lubianska, che sognava già da mooolto tempo :D E, a onor suo, l’ha finita tutta!!! X) La mangianza è stata decisamente goliardica e abbondante (il piatto di cevapcici di Lisa e me contava ben 32 enormi cevapcici, micapizzaefichi @_@) e l’atmosfera era delle migliori! Un pranzo stupendo ed indimenticabile ^___________^

Salutati nel pomeriggio gli amici del Forum e Gareth, ci siamo avviati verso casa.. eravamo entrambi molto stanchi: gli ultimi due mesi sono stati decisamente stancanti, densi di eventi, importanti.. e così ci siamo rifugiati (pieni come bibini) nel tempore delle mura domestiche, iniziando una maratona di The Big Band Theory che mi avrebbe condotta dalla 4° puntata a cui ero giunta sino alla puntata conclusiva dell’ultima serie, con solo una pausa per un buon thè caldo e qualche biscotto! Insomma, goduriosissimo relax completo fino a notte inoltrata!!!

Dopo, c’erano cose ben importanti di cui parlare, alcune delle cose di questo periodo che mi hanno turbata o dato pensiero,e per cui avevo bisogno di confronto e supporto.. e così abbiamo di nuovo fatto molto tardi… e abbiamo spento la luce tarderrimo!


La domenica come sempre vola via rapida, soprattutto al mattino, quando per recuperare l’ora tarda della notte precedente ci troviamo a rotolarci nel lettino pigramente sino alle 11 inoltrate.. vergognoso ;D

Così, dopo un ottimo pranzo (in cui ho dato il meglio di me.. son proprio una fogna :P) ci siamo messi a vedere un filmetto speciale che avevo portato per l’occasione, sconosciuto ai più ma davvero divertente: Arsenico e Vecchi Merletti, un film geniale di Frank Capra con un mitico Cary Grant… eheheh subito vedevo Alberto zitto zitto fermo fermo e pensavo si stesse annoiando.. poi quando il film comincia a ingranare e parte a tutta birra verso la follia più sfrenata, ha cominciato decisamente a cattuare (o a sconvolgere?! :D) la sua attenzione! :D
Insomma alla fine pare gli sia piaciuto un sacco, e io ero contentissima! :D

E poi alle 18.32 c’era il treno da prendere.. diciamo che ho inaugurato il glorioso cambio degli orari di trenitalia nel modo peggiore, concludendo quel weekend con un’odissea che mi ha fatta giungere a casa solamente alle 2 di notte inoltrate per colpa di trenitaliadimerda e del suo servizio inefficiente e ridicolo. Ma questa è un’altra storia,e non mi va di parlarne ora ;)

E’ stato un weekend bellissimo trascorso con il mio dolce amore, e domani saremo di nuovo insieme per viverne un’altro: e questo mi rende tanto, tanto, tanto felice :°)

Prima del weekend in Friuli… It’s a beautiful day.

Inconscio della Barda, Love, pensieri, We Are F&B 2 Comments »

Introduzione

Questo è un post che avevo scritto venerdì a pranzo..

In pausa pranzo, nella mia cameretta, mi ero messa al pc per una decina di minuti e avevo scritto questo. Purtroppo, evidentemente non l’avevo poi pubblicato, per errore.. me ne dispiaccio, perchè come sempre quando scrivo, l’avevo scritto per condividerlo :P
Evidentemente ero talmente svanita e stanca che ho clickato su salva bozza e non su pubblica… beh, intanto che preparo il post del bellissimo we in oggetto, lo pubblico, va ^_^

It’s a beautiful day

Oggi c’è il sole, fuori. E’ una giornata stupenda, davvero.. Savona è illuminata da un sole dicembrino che è pure caldo (al contrario dell’aria frizzantina!), il cielo è azzurro, l’aria è tersa e limpida. E’ davvero uno spreco trascorrere al chiuso queste ore di sole, ma tocca.

E’ una di quelle giornate in cui bene o male non ti lasci scalfire da nulla! In cui le rogne della vita ti paiono più piccole del solito.
In giornate come questa, puoi sorridere pensando alle cose su cui rimugini da dieci giorni. Puoi sorridere perchè sai che nessuno ti potrà fermare, ora. Sai qual’è la tua strada, e quindi ti importa meno di prendere delle pedate sui sassi che trovi lungo il cammino. Perchè sai che quelli piccoli li calcerai via facilmente, e quelli più grossi li sposterai, anche se con un po’ di fatica. E quando si è in due, si riescono a spostare anche quelli enormi, quindi non c’è problema :°)
Puoi sorridere, perchè con una giornata del genere tutto sembra più facile. Sorridi, perchè stasera ti sparerai altre cinque ore di viaggio, ma quando scenderai dal secondo treno potrai volare di nuovo tra le sue braccia.
Sorridi, perchè oggi anche il problema solito del cambio di soli 5 minuti ti sembra più semplice, forse perchè confidi che come l’altra volta si coordinino i due treni e attendano la coincidenza.
Sorridi, perchè sai che un giorno potrai fare una pernacchia al treno e non salirci più così spesso.

In giornate così tutto sembra più facile :)
Il sorriso è imperante, nonostante i sogni cattivi della notte. Nonostante i tre giorni lontani, che son così brutti che paiono tre anni, ma è più facile perchè oggi tanto torniamo insieme.
Nonostante la situazione antipatica al lavoro, nonostante i giorni passati a fare straordinari e a farti il culo, oggi finalmente era una giornata tranquilla.
Ci sono tante piccole cose che ti fanno sorridere.. un messaggio di una persona cara, la mail di un’amica o di un amico, una cena fuori con una persona speciale (in tutti i sensi :P), vedere che il sorriso è tornato nel cuore di una persona a cui ti stai affezionando tanto, vedere un amico lontano che ha trovato il suo cammino..

E poi te stessa, e lui: vedere di nuovo la valigina pronta, prepararti a nuovi abbracci e ad altre ore indimenticabli insieme, e cullare nel cuore i bellissimi ricordi della recente vacanza.. Ricordi che profumano di mandorle tostate e di vin brulè, ricordi che brillano come le luci di natale e che portano sorrisi, ricordi di due stupendi occhi azzurri e di tanta felicità… Ricordi che formano la base di un futuro insieme, che brilla già nei sogni di entrambi.
Come si può non sorridere, in una giornata come questa? ^_________^

It’s a beautiful day
The sun is shining
I feel good
And no-one’s gonna stop me now, oh yeah

It’s a beautiful day
I fell good, I fell right
And no-one, no-one’s gonna stop me now
Mama

Sometimes I fell so sad, so sad, so bad
But no-one’s gonna stop me now, no-one
It’s hopeless – so hopeless to even try

(comunicazione di servizio: essendo tornata a Savona solo martedì notte e ripartendo questa sera, rimando la stesura del racconto della vacanzina Salisburghese!!! A presto! :))

Fanciullino&Bimbaverde – Salisburgo 2009

Austria, Canti, Festa, Love, vacanza, Viaggi, We Are F&B Commenti disabilitati su Fanciullino&Bimbaverde – Salisburgo 2009

…e così, in un piovoso giovedì di dicembre, accompagnata da un gentilissimo Bruno che le ha risparmiato la strada sotto la pioggia, una Bimbaverde è salita sul suo solito Amicotreno diretta verso Venezia Mestre! La attendeva, a mezzanotte, il suo Fanciullino ^_^
Il giorno dopo sarebbero partiti entrambi per la bella Salisburgo, dove trascorrere i quattro giorni del Ponte dell’Immacolata…

Un Viaggio sotto la Neve

Il viaggio di Giovedì è andato piuttosto bene.. la cosa buffissima è stato lo sbrano terrificante che mi ha presa nottetempo, quando arrivati a casa di Alberto da un po’ stavamo per metterci a dormire.. mi è venuta una fame tremenda, e quindi eravamo in cucina, verso le 3 del mattino, a mangiare pane, grissini, formaggio e salumi ^_^°°°
Sono proprio una fogna :P

Venerdì 5 mattina Alberto ed io ci siamo svegliati dopo una bellissima notte insieme, stanchi e stropicciati avendo fatto moolto tardi la sera prima, ma pronti a partire!
Fatta benzina, attaccata la musica con il cd di Natale che ho fatto ad Alberto, e via verso l’Austria!!! Non sapevamo, però, che ci avremmo messo ben 5ore e 15 per arrivare a Salisburgo invece di sole 3 ore e mezza!!! @_@

Pochissimo dopo essere partiti e aver raggiunto le prime montagne, infatti, intorno a noi ha cominciato a fioccare la neve! In primis non si fermava, e tutto era davvero stupendo: soprattutto per me, che non ne ho mai vista tanta :)
Dopo poco però abbiamo raggiunto zone in cui gli spazzanevi pulivano la strada, e dove molta neve già si stava fermando sull’asfalto e una vera tormenta fioccava fuori dalla macchina!
Alla fine per fortuna non abbiamo mai attraversato zone davvero pericolose, però la velocità da tenere per prudenza era decisamente inferiore a quella prevista, e siamo arrivati a Salisburgo all’alba delle tre e mezza, piuttosto stanchi per il lunghissimo viaggio e un po’ esasperati ^_^

IMG_0088 Abbiamo trovato facilmente (se si esclude una svolta sbagliata di strada :P) l’Hotel-Pension Adlerhof, che si è rivelato un bellissimo piccolo albergo su una strada poco trafficata vicinissima alla stazione, e a solo una decina di minuti di passeggiata dalla città Vecchia.

La camera che avevano riservato per noi era stupenda davvero *_* Una piccolo corridoietto, con due porticine una verso il bagno con il gabinetto e una verso il bagno con lavandino e doccia, e poi una stupenda porta a vetri che conduceva nella cameretta, intima ma spaziosa! Un divanetto rosso, un armadio di legno chiaro -come tutti gli altri mobili, dipinto con delicati disegni e bellissimo- un tavolinetto con due sedie, e poi il letto a baldacchino, stupendo*_*
Senza contare che abbiamo scoperto quasi subito che qualche genio ha decorato il “soffitto” del letto a baldacchino con un grande specchio ottagonale.. furbacchioni, questi austriaci..!!! ;)

Un Ponte della Madonna

IMG_0094I giorni che abbiamo trascorso a Salisburgo per questo Ponte dell’Immacolata sono stati davvero unici, indimenticabili e straordinari!!! :)

Sin a partire da venerdì sera, quando dopo esserci riposati un poco in albergo siamo usciti verso le cinque/sei per fare il primo giretto per la città, dirigendoci verso i mercatini di Piazza Mirabell sotto l’ombrello-Katana di Alberto, dato che Salisburgo ci ha accolti con una bella pioggia.. Faceva un freddo becco, e le lucine dei primi mercatini ci hanno accolti con allegria nonostante la pioggia ^_^
Sin da subito sono rimasta felicemente affascinata dalle bancarelle: creazioni in legno, buffi omini con la pipa e panciuti realizzati in legno dipinto, che in realtà sono dei bellissimi bruciaincenso, decorazioni per l’albero di Natale in legno o in vetro, splendide illusioni ottiche -decorazioni per la casa da appendere e fissare incantati per ore- e poi il banco delle cosine in pelliccia, da morbide coperte a splendide e calde solette di pelo :)
E soprattutto, dato che eravamo molto affamati, le delizie da bere e da mangiare di cui tanto avevo letto sui siti -e di cui mi aveva anticipato Fabiana, facendomi venire l’acquolina solo al pensiero :D
C’era di tutto.. dai brezel, alla pannocchia bollita da mangiare con burro e sale, alla Kartoffen aperta e rimpinzata di prelibatezze, ai wurstel in ogni modo e maniera, per passare alle cose dolci: cioccolate, frutta cioccolatata, mandorle tostate.. gnam! Abbiamo bevuto subito le nostre prime tazze di Vin brulè, di Mosto caldo e di Punch al mandarino, e mangiato sin da subito tantissimo, scofanando due brezel, due pannocchie e due kartoffen :D
Un inizio memorabile ;)

IMG_0117 La giornata di sabato ci ha accolti con un cielo non più piovoso ma anzi luminoso, e un’arietta frizzantina che ci avrebbe congelati poi per tutto il giorno a seguire :)
Alle dieci e quaranta è arrivato il treno da Monaco che ci ha portato Marcella, ed abbiamo trascorso tutta la giornata insieme: è stato BELLISSIMO!!!

Abbiamo subito diretto i nostri passi dalla stazione verso Mirabell Place, e poi attraverso dei bellissimi giardini da cui si vedeva la Fortezza di Salisburgo ci siamo diretti alla Old Town. Ci ha accolti il Mercatino di Sterngarten, bellissimo e profumatissimo, dove abbiamo bevuto il primo vin brulè della giornata ^________^ E mentre Alberto sgranocchiava dei marroni, abbiamo girato tra banchi di cibarie e di cosine artigianali stupende, chiacchierando serenamente e felicissimi di essere in vacanza :)
Mentre ci dirigevamo alla Dom Plaz e Resident Plaz, dove ci sono i due mercatini più grossi e più famosi, abbiamo fatto tappa brezel e tappa wurstel, inaugurando le prime mangianze di una giornata all’insegna dell’ingordigia ^_^

IMG_0160Abbiamo girato davvero tanto, e fatto tanti bellissimi acquisti.. nel pomeriggio ad un certo punto ci siamo dovuti rifugiare al caldo in un pub per riprendere sensibilità, perchè davvero stavamo congelando, e poi siamo tornati fuori nella giornata ormai blu della notte ma illuminata dalle luci delle bancarelle nataline!
Tornando verso Mirabell c’è stato il tempo per un’ultima bevuta calda e una pannocchia, prima di accompagnare Marci a prendere il treno che la riportasse a Monaco.. è stato molto triste salutarsi, ma essere tristi dopo una giornata così piena e bella è quasi impossibile :°)

Domenica Alberto ed io abbiamo girato di nuovo per la zona vecchia di Salisburgo, dirigendoci verso la Fortezza di Hohensalzburg e il suo famoso “mercato dell’avvento”.. di per sè un bidone, dato che sono 10 bancarelle in croce nel cortile della fortezza, e che per entrare paghi 5 euro ;)
Probabilmente in un’altra stagione la fortezza è stupenda e visitabile anche in quelle sue tre attrazioni che però, quel giorno, avevano delle code insuperabili.. e a cui quindi abbiamo rinunciato! Però abbiamo bevuto il vino caldo al miele (io con panna montata e cannella :9) che era la fine del mondo,e quindi abbiamo decretato che la visita valeva la pena anche già solo per quello ^______^IMG_0194

E tornati giù abbiamo visitato ancora la zona dei mercatini di Dom e Resident Plaz, e la via principale con tutte le insegne stupende in ferro battuto *_*
Quella sera poi abbiamo deciso di cenare fuori: il primo posto in cui saremmo voluti andare, individuato da Alberto, un bel pub in legno caloroso e allegro, era purtroppo pieno (sarà da tornarci nella prossima visita, era stupendo!) così siamo andati in un altro ristorante.. che si è rivelato un po’ più intimo e finino, ma molto bello ugualmente! Abbiamo mangiato strabene, peraltro, gnam!!!

In quelle sere a Salisburgo, inoltre, soli e tranquilli nella cameretta dell’albergo, seduti e sdraiati sul letto a baldacchino, abbiamo tirato fuori il manuale di Sine Requie e abbiamo creato il mio personaggio: è nata Sophie, sopravvissuta, e pronta per affrontare gli orrori del mondo devastato di quest’ambientazione straordinaria! :D A Capodanno proveremo insieme questo nuovo gioco di ruolo, non vedo l’ora!!! :)

IMG_0262Lunedì in giornata, partendo al mattino con l’autobus, abbiamo visitato Hellbrunn!!! Stupenda, davvero *_*
L’incanto dell’avvento a Hellbrunn si tiene nel cortile del Palazzo di questa cittadina, che è davvero stupendo! Ci siamo arrivati di buon mattino sotto il sole, una meraviglia perchè dopo le grandi piogge di quella notte eravamo convinti di dover trascorrere una giornata molto umida (infatti avevamo il katanombrello con noi).

I mercatini lì sono stupendi, e gli alberi addobbati con palle rossissime sono davvero allegri e il tutto ha una delle atmosfere che mi sono piaciute di più di questa vacanza. A due passi di distanza da questi mercatini c’è l’immenso parco del palazzo, e tutta una zona di stupende enormi vasche e fontane dove d’estate realizzano giochi d’acqua che noi abbiamo solo potuto immaginare, aggirandoci tra le statue e le belle fontane.

In un cortile vicino inoltre ci sono moltissimi animali nei loro recinti, una zona di “mercatini” più rurale e all’antica dove ci si può anche sedere accanto al fuoco a cuocere wurstel e marshmallows, molto carina e pensata anche per i più piccoli, che possono così vedere capre, pecorelle e porcellini, anatre e papere, e fare un giro sul pony, volendo :D
Alcuni mercatini e negozietti inoltre sono ospitati in stanze del palazzo a cui si può comodamente accedere, e sono quindi resi affascinanti dal sourrounding lussuoso delle stanze affrescate del castello, luminose e ricche, oppure dal più surreale ambiente antico di antiche stanze in pietra, scure e illuminate da candele!
Insomma, visitare i mercatini di Hellbrunn è stato davvero bellissimo!!! *_*

IMG_0282Rientrati a Salisburgo abbiamo fatto gli ultimi giri e le ultime compere, e poi ci siamo avviati alla camera d’albergo come sempre un po’ brilli, molto sazi, e molto infreddoliti ^___^
L’idea era quella poi di uscire a cenare in quel posto dove la sera prima non avevamo trovato posto, ma il richiamo della pigrizia è stato imperante: siamo rimasti a poltrire e rotolarci nel nostro letto a baldacchino, ascoltando musica e godendoci il relax della vacanza, e decidendo poi di approfittare delle comodità della stanza del nostro albergo, (quali ad esempio la doccia calda ENORME che ci può stare dentro un esercito) e quindi non abbiamo più messo il naso fuori di casa per tutta la sera ^_________________________________^


Martedì partire è stato molto triste, come sempre sono le partenze da vacanze che sono state dolcissime e stupende! Ma siamo sicuri che quando partire significherà tornare insieme a casa nostra, e non poi separarci e tornare a 500 km l’uno dall’altra, sarà tutto diverso ;)

Di questa stupenda vacanza conservo dei ricordi bellissimi.
Ogni cosa è stata indimenticabile, ogni momento è stato prezioso e unico. Sono ricordi che profumano di vin brulè caldo, che hanno il sapore di cioccolata e di brezel, di mosto e di cannella, di amore e di felicità.
Sono ricordi che brillano dei colori del Natale come l’ho sempre sognato, che si riflettono negli occhi azzurri che tanto amo e senza i quali nulla avrebbe più senso, sono ricordi di giornate trascorse insieme mano nella mano, girando per bancarelle suscitando interesse nella gente per la katana appesa alla schiena, ricordi di zucchero filato mangiato insieme, ricordi di sorrisi e di armonia, ricordi delle sensazioni di star per vivere il primo Natale insieme..
E’ stato qualcosa di davvero indescrivibile, forse. Ma di un qualcosa di caldo, prezioso e unico, che abbiamo vissuto insieme e che possiamo rivivere con la magia di uno sguardo ogni volta che saremo insieme di nuovo :°)

quaaasiii….

Inconscio della Barda, Incubi, Sogni Commenti disabilitati su quaaasiii….

Il titolo è una citazione per eletti e dotti lettori ;)

…Mi sento un poco come Boris Lametta.
In terra, mentre mi sparano, ma io con il filo di voce che mi rimane dico “quaaasiiih” e continuo a sopravvivere, mi rialzo e vado avanti!
Mi scaricano addosso un caricatore intero, e io dico “vafanculo”…
Insomma, resisto ;)

E’ stata una giornata di merda davvero, con un sacco di pensieri e nervosismo e micro brutte notizie che a sera mi hanno sommersa come un mare di cacca!
Tra le varie, ringrazio Trenitalia per aver tolto la Tariffa Amica: grazie, stronzi. Ringrazio sempre Trenitalia per aver cambiato gli orari del mio treno della domenica, quello del rientro a Savona: ora parte un po’ dopo ma arriva sempre alla stessa ora. Il trucco? Semplice: c’è solo un quarto d’ora di tempo per il cambio a Milano Centrale, così Paola può divertirsi ad angosciarsi a rischiare di perdere il treno e a correre SIA all’andata SIA al ritorno. Grazie, davvero, per la premura! ):/

Ma parliamo di cose belle: ragazzi miei, la vacanza a Salisburgo è stata STUPENDAAA!!! *_*
Sono state giornate Meravigliose con la G maiuscola, davvero! Ci siamo divertiti da matti, ci siamo rilassati e abbiamo pigrito vergognosamente, ci siamo strafogati e abboffati delle migliori leccornie, insomma: una vacanza da 10 e lode :°)
Spero di fare in tempo a raccontarvi tutto prima di ripartire per il weekend.. ma prometto che racconterò del Ponte a Salisburgo: è stato troppo bello per non condividerlo con voi :)

Ora mi preparo.. e una cena con un caro amico salverà un poco degli stracci di questa giornata così logora? Lo scopriremo solo vivendo ;)

“… quaaaasi…!”
(per chi ha voglia di informarsi…)

Salisburgo: we’re coming :)

Austria, Love, Natale, Sogni, vacanza, Viaggi, We Are F&B 1 Comment »

E finalmente ci siamo!!! dopo quattro giorni lavorativi massacranti, e piuttosto spiacevoli purtroppo, la valigina è pronta per il ponte dell’Immacolata!!! :)
Stasera raggiungerò Alberto a Venezia Mestre, con il treno delle 18.33 da Savona -pregate per me che non mi tiri i numeri dello scorso treno :P

E domani, con tutta calma (anche perchè per forza di cose stanotte faremo decisamente tardi.. @_@) partiremo per Salisburgo!
L’albergo in cui alloggeremo per queste quattro notti di vacanza è l’Hotel-Pension Adlerhof, dove saremo ospiti della Fam. Pregartbauer! I contatti con loro per ora sono stati straordinari: sono stati gentilissimi e pronti alla risposta, via email, anticipandomi già che ci daranno tanti consigli per visitare i mercatini e consigliandoci di andare a Hellbrunn che magari riusciamo a vedere un “Krampuslauf” “People dressed in evil-looking costumes with scary masks dance with cow bells and chase you through the streets” *_* speriamo, sembra davvero stupendosissima tradizione austriaca che mi era completamente sconosciuta! :D

Sono entusiasta e carica di aspettativa!!! Dicembre è sempre stato un periodo un po’ speciale, perchè conduceva al Natale, con i suoi piccoli rituali.. la città che si accende di luci, i regali che voglio fare per sfruttare l’occasione della festa per un pensierino per le persone care, il mercatino di Santa Lucia, la cena della Vigilia di Natale con la cioccolata.. insomma, già che soffro della sindrome di Peter Pan, il Natale mi mette proprio allegria, ecco ^_^
E questo Natale ha un sapore ben diverso da quelli passati, perchè ogni giorno che passa il cammino davanti a me si fa sempre più chiaro, e splende sempre più di luce :°) E ogni giorno che trascorre mi porta verso il futuro che ci stiamo costruendo insieme, e tutto questo rende ogni cosa più bella, più unica, più degna di essere vissuta.. e vivo questa splendida sensazione sin da maggio :°)

E, in pieno spirito Natalizio, andare ai Mercatini di Natale è sempre stato un mio grande sogno.. coronarlo con Alberto andando proprio a quelli famosi della città di Mozart è davvero magico per me, non sapete quanto io mi sia pregustata tutto questo e quanto non veda l’ora di partire *_*
Pensate che l’Hotel sembra davvero stupendo.. e dormiremo in una splendida stanza con il letto a baldacchino!!! Se non è una favola questa… ;)

Sarà davvero una vacanzina stupenda, e ne ho un bisogno folle.. oltre a trascorrete tanti bei giorni di fila, praticamente cinque pieni pieni, con il mio Alberto, vedremo cose bellissime e potremo rilassarci al 100% staccando completamente la spina!!!
Inoltre, meraviglia delle meraviglie, sabato un Drago in persona verrà a girare i mercatini di Natale con noi, perchè essendo a Monaco -e quindi poco distante- Marcella riesce a raggiungerci in treno a Salisburgo: trascorreremo insieme la giornata di sabato, che bello!!! :)

Davvero, non vedo l’ora.. che bello *_*
Beh, bando alle ciance: che queste ultime ore scorrano lievi: incrociate le dita per me per i treni del viaggio di oggi, e per il meteo dei prossimi giorni Salisburghesi ;D

Ci leggiamo al rientro, cari miei! Sono sicura che avrò un sacco di belle cose da raccontarvi!!! ;)

Fanciullino&Bimbaverde • weekend di fine novembre!

Amici, Canti, Love, vacanza, We Are F&B Commenti disabilitati su Fanciullino&Bimbaverde • weekend di fine novembre!

Il weekend appena trascorso è andato benissimo veramente!! La pigrizia mi faceva rimandare il raccontarlo, unita al fatto che a sto giro son tornata a Savona solo per un paio di giorni, quindi non ho nemmeno molto tempo.. Ma mi dispiacerebbe non raccontare di questi bei due giorni e della incredibile sushi cena di sabato ;)

Cantami o Trenitalia della Ligure Paola l’ira funesta..

Il viaggio verso Alberto a sto giro è stato burrascoso come una piccola odissea, anche se per fortuna si è concluso decentemente.
E’ iniziato già male perchè il treno per Milano delle 16.33 era in ritardo di dieci minuti abbondanti, e avendo io solo 15 minuti per la coincidenza per Venezia non era una buona cosa. Poco dopo partiti, inoltre, siamo rimasti fermi in una galleria per una buona mezz’ora, in seguito alla quale ci hanno avvisati che per un guasto al locomotore saremmo arrivati in ritardo a Milano di almeno 40 minuti, e così è stato.
Il treno delle 19.05 era quindi già bellamente partito, e mi sono mossa per prendere in tempo il treno delle 20.05, quantomeno.. ma avendo biglietto e prenotazione non sapevo cosa avrei dovuto fare: così ho chiesto a un omino delle FS, che mi ha spedita dal Centro Assistenza, dove in coda cominciavo a smaniare per la paura di perdere anche il treno dopo, e un gentile ragazzo mi ha fatta passare avanti :°) Lì un baffuto signore con accento marcato mi ha timbrato il biglietto e mi ha detto di andare a prendere il treno chiedendo al capotreno dove sedermi.
Ho raggiunto il treno per Venezia e ho chiesto aiuto a un altro omino FS: ho così scoperto che i posti centrali al vagone, contrassegnati con lettere anzichè con numeri, sono riservati proprio per questi casi qui, per i passeggeri che hanno perso un treno precedente.. e mi sono accomodata al posto B, dove ho trascorso quantomeno comodamente le seguenti due ore e mezza di viaggio…
Arrivando così a Venezia Mestre alle 22.30 invece che, come avrei dovuto, alle 21.40. E finalmente riabbracciando Alberto, che dopo una dozzina di giorni lontani non ne potevo veramente, veramente più…!

….come si suol dire: “tutto e bene ciò che poteva finire peggio!”

Ich, nii, san… Sushi!!!

IMG_5636
Sabato ha avuto luogo la mitica Sushi-cena prevista con Paola e Rubens, che con somma gioia avevano proposto di rimandarla ad una sera in cui fossi stata presente anche io :°)
Così, dopo uno stupendo risveglio insieme ad Alberto, una mattinata di commissioni varie -tra cui l’acquisto del pesce!!!- un rapido pranzo seguito da altre commissioni pro-cena, ci siamo avviati a casa di Paola e Adriana a Udine, per cominciare i preparativi per la cena!!! Dopo non molto si è unito a noi Rubens, e insieme con anche Antonio abbiamo iniziato le varie procedure, alla guida del mitico librone di Alberto, consultato da ciascuno di noi a turno e dandoci gli uni gli altri istruzioni!!! :D

IMG_5641E’ stato proprio bello e divertente: tutti insieme abbiamo approcciato la cucina del sushi, partendo dal tagliare il pesce (che è stato arduo compito interamente di Alberto, povero, che non solo faceva una fatica becca ma era pure oggetto di simpatici siparietti per via del fatto che maneggiava, unico nella stanza, enormi e affilatissimi coltellacci :P), cuocendo il riso (e avendo buona cura di creare un rivestimento interno alla pentola di riso abbrustolito! ^_^°°), preparando i gamberi e le salsette.. insomma, tutto :D
Ci siamo fatti un sacco di risate veramente, ma il più bello è arrivato quando ci siamo messi effettivamente a preparare i sushi! E’ stato allora chiaro che avevamo clamorosamente esagerato le dosi di tutto, riso e pesce, e quindi abbiamo preparato cibo per un esercito!!! Mentre a mangiarlo eravamo soltanto in sei, dato che il fidanzato di Adriana ha preferito, per la propria cena, una ben più italiana pizza :P

IMG_5660Al di là della sovrabbondanza di cibarie, il risultato è stato davvero straordinario e ottimo! Nell’aspetto, quasi paragonabile al sushi professionale (beh dai.. quelli che si rompevano erano di Antonio,e quelli ciccioni completamente rotondi e pacioccosi erano i miei.. a parte questi dettagli, era un sushi irriconoscibile da quelli giapponesi :P): i maki erano PERFETTI, sono venuti benissimo, complimenti ancora a Paola e a Rubens :D

Nel complesso l’esperimento si può dire ampiamente riuscito ^_______________^ è stato un pomeriggio proprio molto laborioso e faticoso, verso gli ultimi panetti di riso non ne potevamo più, ma è stato un pomeriggio divertentissimo e stupendo, seguito da una cena in cui mangiucchiare allegramente spazzolando il risultato del proprio lavoro era davvero gratificante e bello! Ho conosciuto persone straordinarie e simpaticissime, e abbiamo trascorso delle ore indimenticabili!!! :D
Grazie ancora a tutti!!! ^___________^

IMG_5680(il fotoreportage della serata, nella sua parte migliore di selezione di scatti, si trova ospitato sul mio spazio di flickr, nell’apposito set!!!)

l’arrivederci.. stavolta davvero “a prestissimo” :D

Come da copione previsto, la domenica è arrivata troppo presto cogliendoci impreparati! Ma ogni minuto di ogni singola ora trascorsa insieme è stato straordinario e importantissimo.. le riviste, gli annunci, cercare su google maps, parlare del futuro, chiacchierare, giocare con le palline magnetiche, sognare e fantasticare insieme… è straordinario davvero :°)

Per distrarci nel primo pomeriggio abbiamo guardato un filmetto che è sconosciuto ai più ma che è proprio carino, a parer mio: Frisco Kid, tradotto con “Scusi, dov’è il west?”.. volete vedere un Harrison Ford come non l’avete mai veduto prima? Vi piace Gene Wilder? Procuratevi e gustatevi questo delizioso filmetto degli anni 80 ^______^

Finito il film era già ora di correre verso Venezia Mestre a prendere il treno. Ma salutarsi, per quanto davvero davvero doloroso, è stato meno straziante del solito: come avevo detto, tutta discesa.. già domani saremo di nuovo insieme, e affrontare solo quattro giorni lontani è ben più semplice che affrontarne quattordici!
Quindi ho potuto viaggiare verso un momentaneo ritorno a Savona con il cuore ben più sereno del solito, anzi: colmo dell’allegria di questo stupendo weekend insieme, e pieno di aspettativa per i prossimi meravigliosi programmi che abbiamo insieme e che stanno per avere il via!!! ^________________^