-30 giorni alla partenza.

Inconscio della Barda, Love, pensieri, Sogni Commenti disabilitati su -30 giorni alla partenza.

Mancano 30 giorni. Un mese.
Un mese che al tempo stesso sarà un attimo, un battito di ciglia, e un tempo interminabile.
Che prima sembrava non arrivare mai, e finalmente sta arrivando.
Che siccome è un mese, un po’ una cifra tonda, ti fa fermare un attimo a riflettere, e a fare il punto della situazione.

A un mese dalla partenza, Paola è al tempo stesso piena di energie e decisamente stanca! ^_^
Alla domanda di Alberto “com’è la tua vita adesso?” sorride e risponde “stranissima!”, e le sembra proprio strana. Da un lato perchè essere a metà, separata dalla persona che ama, per tutto questo anno che è trascorso ha reso le cose sempre strane, essendo una sensazione nuova, aliena e brutta. Dall’altro perchè tutti i preparativi alla partenza, con tutte le conseguenze che questo ha e ha avuto sulla vita quotidiana, sui sentimenti e sui pensieri – insomma su tutto – hanno per forza di cose reso un po’ anomali gli utlimi mesi trascorsi :)

La sensazione altalenante di manca pochissimoVSmanca ancora un’eternità comporta un curioso status emotivo per il quale Paola sembra schizofrenica, ad un osservatore attento: a tratti si bradipizza in una sorta di pacifica, quieta attesa del tanto desiderato weekend di maggio in cui il suo principe dagli occhi azzurri la porterà seco al Basaldel-castello, sul suo cavallo grigio; si aggira con placido fare per una camera mezza inscatolata mezza no, fantastica su tutte le cose da fare nella nuova casa, e sulla tanto desiderata indipendenza in tutto, compreso nel cucinarsi i propri pasti; prova ad immaginarsi lontana dalla casa della sua infanzia e giovinezza, e finalmente insediata, eterna furesta, tra persone che non diranno Belin ogni due parole ma saluteranno dicendo Mandi!, in una nuova vita insieme che puoi sognare e desiderare per mesi ma nulla sarà magico come finalmente viverla davvero :°)
A tratti invece si rende conto che 30 giorni potrebbero rivelarsi meno di quello che sembrano per finire di inscatolare tutto, organizzare le cose da portarsi su per le prime tre settimane (in attesa dell’arrivo con i traslocatori di tutte le sue cose), salutare tutti gli amici e sbrigare tutte le faccende pre-partenza (nonchè tutti i 1000 progetti in cui si è infilata, come suo solito, essendo dotata di inguaribile cricetica iperattività!); e così aumenta i giri, saltella da una cosa all’altra, si trasforma in un irrefrenabile essere iperattivo che non va a dormire prima delle 23.30 e poi per alzarlo dal letto però devi chiamare Vernazza, che scrive interminabili liste di appuntamenti e di cose da fare sull’agendina verde e rossa che sempre la accompagna, che ha talmente tanti pensieri e cose per la testa che dorme poco profondamente e poco bene, che non si ferma un attimo e prima o poi si accorgerà che ha tirato troppo la corda e crollerà come una pera cotta ;)

A un mese dalla partenza vive le giornate lontane da Alberto pensando costantemente “non ne posso più!”. Ogni giorno la distanza pesa un pochino di più, e ogni sera si addormenta pensando “e un’altro è andato, meno uno…”
Spesso si concede momenti trasognati in cui, affacciandosi alla finestra, immagina invece di affacciarsi a una delle finestre della Basal-mansion. Esce di casa e percorre la strada quotidiana, e immagina come sarà crearsi nuove “strade quotidiane” in Basaldella. Va a cena, e immagina di quando finalmente cucinerà di nuovo, per lei e per Alberto, o insieme!
Fantastica, fantastica e immagina e sogna tantissimo. Una delle fantasticherie per esempio, a sera, è la seguente:
Va a dormire, e si immagina di prepararsi per la nanna nella camera da letto. Sopra di lei, le travi a vista. Intorno, non il rumore del condominio, la ma pace e la serenità della casa in corte. Chiude l’anta dell’armadio laccato bianco, nella sua fantasia. Spegne la luce: Alberto l’aspetta per addormentarsi abbracciati insieme. Si avvicna al letto, dove lui l’attende.. sorride e… TONKA!!!!
*sbatte lo stinco fortissimo sulla libreria a terra!*
*Dissolvenza….*

^__________________________________^

Fanciullino&Bimbaverde • weekend di Aprile

Amici, Canti, Love, We Are F&B Commenti disabilitati su Fanciullino&Bimbaverde • weekend di Aprile

E così venerdì 16 aprile sono partita per la mia penultima trasferta Friulana, sotto un bel sole alle tre del pomeriggio, con un treno diverso dal solito per poter arrivare un po’ prima e cenare insieme ad Alberto ^_^
Il viaggio tutto sommato è volato, rispetto al solito, perchè da milano a padova sono stata intafanata da un giovane muratore e abbiamo parlato, in piedi in corridoio, tutto il viaggio: infatti per via della nube dell’eruzione recente in Islanda c’erano i treni strapieni di gente da scoppiare, mai vista una roba simile!
Finalmente comunque sono scesa a Venezia Mestre alle 20.28! Un po’ più stanca di altre volte, sicuramente, ma anche con la sensazione di aver viaggiato più velocemente. E ad accogliermi c’era il mio fanciullino: che bello riabbracciarsi, finalmente :°)

Siamo andati a cenare per la seconda volta al Grande Ristorante Wok Sushi, lì a Mestre: è proprio divertente, ma per me la qualità di quello di Udine rimane decisamente migliore ^_^ Abbiamo cenato chiacchierando e mangiando con abbondanza, per poi rientrare a Villa Vicentina per la nanna :)

Sabato 17 abbiamo potuto pigreggiare a lungo, dato che rimanendo a pranzo a casa non saremmo andati per commissioni già di prima mattina! Con questa scusa ci siamo alzati a un’ora indegna, ma poi ci siamo messi all’opera: abbiamo fatto un po’ il punto della situazione per quanto riguarda la documentazione per le volture della casa nuova, immergendoci in un ambaradàn di fogli e moduli e cercando di venirne a capo!
A pranzo c’era una cosa per me specialissima: fagiano! Ma non uno qualunque: fagiano ripieno cucinato dalla nonna Livia, e cacciato dal prozio Bruno! Con ancora i pallini di piombo nelle carni, sostanzialmente X) però sono stata fortunata e nella mia porzione non ne ho trovati :D era davvero buonissimo, non l’avevo mai mangiato prima! ^_____^ son proprio cittadina :P

Sabato è stata una giornata molto piena, dopo pranzo! Con la mamma di Alberto e con l’aiuto del suo papà ci siamo messi a fare il punto anche delle cosine per la casa che servono, e soprattutto di quelle che ci sono già! Abbiamo già davvero un bel corredo per noi, siamo fortunatissimi :°) dovremo comprare solo lo stretto necessario, e tutte queste stupende cosine che ci vengono date sono stra belle e utili, e ci sono davvero di grandissimo aiuto!!! ^_^
Dopo aver quindi fatto il check di liste, scatole e armadi, Alberto ed io ci siamo avviati a Udine, in Viale Tricesimo, dove siam tornati dal nostro amico Paolo degli Specialisti del Riposo per acquistare il nostro materasso matrimoniale! Ci aveva fatto una buona impressione l’altra volta, così siam tornati e dopo una scelta non facile abbiamo fatto il nostro acquisto. Belin, quante palanche: ma necessarie e (speriamo!) ben spese ^_^

Dopo un giretto a Mediaworld per valutare le lavasciugatrici (dato che a maggio ne acquisteremo una!), e gli acquisti di un paio di regali compleannosi, ce ne siamo tornati a casa, un po’ stanchi! Appena il tempo di cambiarci, e via verso la cena!!!
Abbiamo cenato in Locanda con Marco, Ricky e Francesca :) gnam che buone le pastasciutte lì… e che bello rivedere tre amici che non vedevamo da un po’ di tempo! Vedendoci così poco facciamo sempre gli isolazionisti, ne avremo da farci perdonare in quel senso :D è stata una bellissima serata, ho potuto chiacchierare poco con Marco -che si è immerso in ciattelle di lavoro con Alberto- ma è stato davvero stupendo finalmente far due chiacchiere di nuovo con Ricky e Francesca ^_____^ Dalle quali è emerso preponderantemente che sono in crisi d’astinenza da gioco di ruolo, peraltro :P

Sto davvero invecchiando, e i viaggi in treno mi stancano sempre più: così alle undici ciondolavo dal sonno, e Alberto ed io ci siamo avviati a casa per via della mia scarsa autonomia!
Una bella nanna insieme (niente è come poter dormire insieme abbracciati… *_*) e quando la sveglia è suonata al mattino di domenica ero come nuova (più o meno :P)! Così a dispetto delle solite domeniche ne abbiamo sfruttato anche la mattinata, andando a trovare i nonni di Villa :) Abbiamo portato a nonna Gioconda le fotografie di Basaldella, della casetta! Era davvero contenta di poterle guardare, e anche il nonno e la zia non hanno nascosto la curiosità ^_^ è stato molto carino e abbiamo chiacchierato un po’ tutti insieme, prima che Alberto ed io ci avviassimo di nuovo a casa per il pranzo.

Una tappa a salutare Beppe, che non riabbracciavo da troppo tempo, e che è rimasto sorpreso dal vedermi sulla soglia di casa: due chiacchiere, due coccole a Ruggine (che bellaaaah!!!!) e via, verso il pranzo con i genitori: era infatti il compleanno del papà di Alberto, che abbiamo sontuosamente festeggiato con una pasta al forno strabuona e le super polpette della signora Orlanda, che mi fanno davvero impazzire! Mi sono alzata dal tavolo rotolando, e ho avuto così scorte alimentari sufficienti per tutto il resto del giorno, viaggio in treno compreso :D

Il viaggio verso Mestre sotto il sole è stato di per sè molto piacevole (ehi non ho mai raccontato che ci sono le mucche pelose a San Giorgio: sono stupende, e le vedi dall’autostrada! Due vere mucche scozzesi, che mi piacciono tanto tanto :D:D:D), ma molto antipatico: non ne posso davvero più dello strazio dei saluti, e di separarci ogni volta. Ma ci si fa forza: questa è stata -se tutto va bene- la mia penultima trasferta weekendiana, e nel complesso la terzultima volta in cui dobbiamo separarci.
Il conto alla rovescia continua! -33 all’alba ^________________^

Di passaporto, passaporchi e incavolature.

Canti, Incubi 2 Comments »

Qualche settimana fa sbuca fuori che a Paola servirà il passaporto (il motivo verrà reso pubblico solo più avanti quando sarà più definito). Paola si informa di cosa bisogna fare per richiederlo.
Al di là di scoprire che dovrà spendere € 40,29 di bolla (valida solo 1 anno), più circa 45 euro di librettino (più le spese accessorie della fotocopia della carta di identità e delle due fototessere), si informa: può andare alla Questura di Savona, oppure alle Poste di Savona dove spendendo 20 euro in più fanno tutto loro.
Orari della Questura di SV: tutte le mattine dalle 9 alle 12 e il pomeriggio del lunedì, dalle 15 alle 17:30. Molto pratico per chi lavora, senza contare che per me è dall’altra parte di Savona.
Poste di Savona centrali, sulla linea di camminamento da casa di Paola all’ufficio, con comode istruzioni per fare tutto.
Quindi, su consiglio di mamma e di Alberto, la ligure che in me si forza e opta per pagare 20 euro alle poste che la aiutino nelle pratiche.

Ieri quindi alle 18.10 vado in posta. Prendo un bigliettino senza sapere se andrà bene, ma per informazioni decido di prendere quello dei titolari del conto, mi pare più corretto. Aspetto 15 minuti, tocca a me e la tipa mi dice “eh no, deve prendere il biglietto dello sportello Amico, di fronte, ma prima pigli questa documentazione qui (e mi da 2 etti di busta piena di moduli da compilare) così può compilarla! Anzi guardi, la compili stasera a casa, che ora è tardi, domani mattina torna e fa la pratica!” e mi spedisce via.
Io, diligente, seguo il suo consiglio. Nottetempo compilo i moduli, e stamattina mi reco in posta.
E cosa mi sento dire? Che ieri è arrivata una comunicazione ufficiale che impedisce ai residenti di una lunga lista di Comuni di disbgrigare queste pratiche del passaporto negli uffici postali italiani, tra cui ovviamente i residenti del Comune di Savona!!! -_-
Tanto per farmi più del male, chiedo.. e scopro che se avessi la residenza a Udine, potrei venire nell’ufficio di Savona e mi farebbero la pratica. Ma essendo residente a Savona, che è una città del cacchio da sempre fuori dai luoghi comuni e gestita da co**oni, non posso! Belin! ):/

Rislutato?
Me ne esco con le pive nel sacco dalle Poste, incazzata come una biscia.
Dovrò andare la prossima settimana fino alla Questura di Savona, e pregare di non avere altre strane sorprese una volta lì.

Grazie dell’inculatia, per un giorno solo! bastava che la tipa mi facesse fare le pratiche ieri sera, e tutto si sarebbe risolto senza danni per me.
Sono proprio felice.

Fanciullino&Bimbaverde • Pasqua 2010 • Pasquetta

Amici, Canti, Festa, Fotografie, Love, vacanza, We Are F&B Commenti disabilitati su Fanciullino&Bimbaverde • Pasqua 2010 • Pasquetta

…continua…

Pasquetta2010Al Lunedì dell’Angelo, con la scusa di aver fatto piuttosto tardi la sera prima, Alberto ed io abbiamo poltrito a letto sino a orari veramente indecenti :D Ci siamo impigriti parecchio, e di nuovo ci siamo alzati solo verso mezzogiorno (come Fabiana può testimoniare, dato che solo allora ho acceso il cellulare e ci siamo potute sentire per metterci d’accordo per incontrarci ^_^°°°)

Dopo esserci cucinati un bel pranzetto svuotafrigo ci siamo preparati e avviati verso il luogo dell’appuntamento: la giornata, finalmente, era STUPENDA! Un bel solleone che riscaldava l’aria ancora freschetta ci ha accompagnati per tutto il pomeriggio, rendendo la passeggiata che abbiamo fatto davvero gradevole!
Ci siamo incontrati con Fabiana e Massimo in piazza dal Chiabrera! Che bello, rivederli dopo ormai quasi un anno!!! E che bello veder scendere dall’auto Faby, con stampata sul volto (e non solo!) la bellissima notizia che mi aveva preannunciato via mail e che tanto speravo :°) È stato proprio bellissimo poter presentare lei e Massimo ad Alberto, dopo aver parlato così tanto a lui di loro e a Faby di lui! ^_______^

Ci siamo fatti quattro passi sul lungomare, e poi sul Priamar, godendoci il sole e chiacchierando delle mille cose della vita capitate in quest’anno e di cui ci dovevamo aggiornare, e di molto altro ancora :)
Primavera2010 077Abbiamo anche potuto salutare Renata, Laura e Rita che erano a spasso con Thunder e Ghost proprio al Prolungamento! E poi ci siamo fermati al Bar dei pini a prendere un caffè, continuando a chiacchierare e a ridere insieme (ridere per lo più di me, dato che Massimo mi prende sempre in giro :) però dopo un po’ si scoccia, perchè è un gioco troppo facile :D ehehehe mi mancava :°))

Il tempo vola davvero, quando si sta bene. E così le ore sono passate in fretta mentre noi chiacchieravamo e già Fabiana e Massimo dovevano ripartire, dovendo arrivare sino a Bologna! Ci siamo salutati: se non riusciremo a combinare prima, ci vedremo sicuramente a Luglio per festeggiare insieme, noi non mancheremo di andare a trovarli in quell’occasione così bella!!! :°)

Tornati a casa Alberto ed io ci siamo goduti l’ultima serata insieme prima di un nuovo distacco.. è stata una serata bellissima, rilassante e romantica, paciosa e dolce, tutta per noi.. :°)

Questa bellissima pasquetta è stata decisamente il corretto coronamento di una vacanza indimenticabile, ricca di momenti davvero importanti e belli, sia da soli sia in compagnia di persone tanto importanti!
Ogni momento è meravigliosamente impresso nel mio cuore e nella mia memoria: tutte queste occasioni felici, tutti questi giorni stupendi sono quanto rende la mia vita così bella e così speciale.. grazie, a tutti voi che rendete tutto questo possibile e reale :*)

Momenti

Amici, Canti, Inconscio della Barda, Musica, pensieri 2 Comments »

A volte la vita procede anche semplicemente per momenti, ci avete mai fatto caso?

Di questo sabato sera un po’ anomalo che ho vissuto mi è rimasto fortemente impresso un momento…
Una traccia gira nello stereo, tutti interrompono i discorsi, si fermano ad ascoltare le prime note, e tutti insieme cantano. Parole impresse nella mente, nella cultura, nel cuore in un certo senso. Un pezzo di noi e della nostra cultura.
E mentre la voce di De Andrè cantava le parole di Creuza de mà, tutti nella stanza aggiungevano al coro la propria voce, cantando insieme.

Umbre de muri muri de mainé
dunde ne vegnì duve l’è ch’ané
da ‘n scitu duve a l’ûn-a a se mustra nûa
e a neutte a n’à puntou u cutellu ä gua
e a muntä l’àse gh’é restou Diu
u Diàu l’é in çë e u s’è gh’è faetu u nìu
ne sciurtìmmu da u mä pe sciugà e osse da u Dria
e a funtan-a di cumbi ‘nta cä de pria
E ‘nt’a cä de pria chi ghe saià
int’à cä du Dria che u nu l’è mainà
gente de Lûgan facce da mandillä
qui che du luassu preferiscian l’ä
figge de famiggia udù de bun
che ti peu ammiàle senza u gundun

E a ‘ste panse veue cose ghe daià
cose da beive, cose da mangiä
frittûa de pigneu giancu de Purtufin
çervelle de bae ‘nt’u meximu vin
lasagne da fiddià ai quattru tucchi
paciûgu in aegruduse de lévre de cuppi

E ‘nt’a barca du vin ghe naveghiemu ‘nsc’i scheuggi
emigranti du rìe cu’i cioi ‘nt’i euggi
finché u matin crescià da puéilu rechéugge
frè di ganeuffeni e dè figge
bacan d’a corda marsa d’aegua e de sä
che a ne liga e a ne porta ‘nte ‘na creuza de mä

..è stato davvero un bel momento.
Mi è rimasto molto impresso, e sarà uno dei miei momenti della “vita Ligure” che mi porterò con me in Friuli. Grazie, a voi che ne avete fatto parte!

Domenica 11 aprile: serata danzerina!

Canti Commenti disabilitati su Domenica 11 aprile: serata danzerina!

Siore et siori, chi avesse voglia di vivere una serata alternativa è invitato domani sera a Varazze, al Palazzetto dello Sport, dalle 20.30: vari gruppi di ballo si esibiranno in un saggio di beneficenza (ingresso gratuito, offerta libera!), infatti, e mischiata alla massa di ballerini ci sarò anche io! ;)

Negma, la mia insegnante di danza orientale, porta il gruppo intermedio/avanzato a interpretare una bella coreografia di Raqs’al Sharqi, e prima si esibisce in una interessante performance in cui ci ha volute come coro di contorno: torno adesso dalle prove di questo pomeriggio, ed è veramente un bel pezzo, suggestivo e interessante! ^_^

Insomma: se avete voglia, venite! L’anno scorso io ero andata alla stessa serata per vedere Pizzi ballare, ed era stata una serata piacevolissima ^_^
Fatemi sapere se venite, però: così so quanto agitarmi perchè sono tenuta sott’occhio :P

Fanciullino&Bimbaverde • Pasqua 2010

Amici, Canti, famiglia, Festa, Fotografie, Love, vacanza, We Are F&B 1 Comment »

…continua!…

Primavera2010 029bDomenica mattina avevamo puntato la sveglia per andare alla Messa di Pasqua con mia mamma! Ci siamo destropicciati dopo una dormita comunque colossale, e io non ho nemmeno fatto colazione da tanto avevo mangiato la sera prima X)
Abbiamo raggiunto la mamma in Chiesa, e Alberto è rimasto colpito da Don Margara – e come si fa a non rimanere colpiti? Nel momento della predica dice SEMPRE qualcosa che uno non si aspetterebbe, e comunque dimostra di essere un abile oratore ;)

Dopo Messa siamo saliti su alla Villetta insieme, e poi noi abbiamo gravitato un po’ intorno ai miei che si affacendavano per il pranzo.. finchè Alberto è sparito, sedotto con l’inganno da papà con la scusa di mostrargli l’ultima canna da pesca, e attirato così in un gorgo senza fine dove i pescatori fanno perdere le loro tracce abilmente e scompaiono per ore :D io, intanto, chiacchieravo con mamma e le facevo compagnia ^_^
La famiglia si è riunita per il pranzo, che è stato decisamente lauto e abbondante! E dopo, la rituale apertura delle uova di Pasqua e lo scambio dei regali ha presto colorato la tavola di carte variopinte e riempito l’aria di profumo di cioccolato :D

Nel dopopranzo siamo rimasti tutti in sala a pigreggiare e stare insieme.. si è cercato di fare un gioco da tavolo, e si è finito per fare giochini di logica e intuito a Fabietto :) è stato proprio un bel pomeriggio, pigro e rilassante! ^_^

Di nuovo sotto la pioggia, più sul tardi, Alberto ed io ci siamo avviati a casa in Via Venezia per una pausa nella giornata, prima di uscire nuovamente verso le otto per andare all’appuntamento con Betta e Pizzi: ci aspettava una stupenda Cena al Pingusto!!! :D

Sushi e follie pasquali!

Primavera2010 041Avevamo infatti pianificato di cenare insieme per una bella reimpatriata, dato che non ci si vedeva tutti da parecchio tempo :)

La serata è stata MITICA, anche se temo che ci siamo fatti odiare dagli altri avventori, siamo stati rumorosissimi: ci siamo divertiti da morire, e i momenti in cui non ridevamo a crepapelle sono stati ben pochi :D Abbiamo ordinato la giga-barca di sushi, perchè ne avevamo veramente lo sbrano, e la serata tanto per restare in tema con le vacanze è proseguita con abboffata continua anche dopo la barca X)

Abbiamo scattato un sacco di fotografie durante la cena, divertendoci davvero un mondo (e certe sono stra belle! vedere su flickr per verificare :D), e poi abbiamo bevuto molto sake tutti insieme a cena conclusa!
Lì piano piano si è formato il piano per il dopo cena, nelle nostre menti malate divorate dal sushi: spostare la serata in Via Venezia, dopo una oculata tappa su da RuscaMountain sino a Baita Lirosi, per approviggionamenti! :D

Così abbiam fatto: Matteo ha preso un paio di bottiglie (l’Arancillo! Sia lode eterna all’Arancillo! *_*) dei dadi e il mazzo di Solo, e ci siamo avviati verso casa! Imperdibile l’episodio in cui Betta ha capovolto il contenitore dei dadi6 (avete presente quello da wargames, con dentro 3gozzillioni di minuscoli d6 neri impilati? quello!) rovesciandoli nel parcheggio di Via Piave con soave innocenza, mentre la voce di Pizzi con ferma rassegnazione commentava “ho sentito un rumore orribile…” :DPrimavera2010 046

Raccolti i dadi tra le mille risate, siamo saliti su in casa! Ci siamo piazzati in cucina e abbiamo fatto un paio di autoscatti (non vedo l’ora di avere le foto da Matteo :D) e poi abbiamo brindato (più volte!) :D Abbiamo regalato a Betta una mitica bottiglia di spumante alla pesca marcato HelloKitty e a Matteo delle ovette di pasqua slurpose, e poi ci siamo messi a sbevazzare dando il via a una serata alcoolica con tutti i crismi ^_^ è stato bellissimo, ci vuole proprio ogni tanto!!!

Tra una partita a SOLO e un’altra la serata è volata, mentre il tasso alcolico e le battute si sprecavano :D Prego Alberto di riportare quanto annotato sul suo taccuino del cellulare, perchè un paio di uscite sono state talmente ben dette che ce le siamo addirittura scritte ^_^ Poi è ovvio che faranno ridere solo noi, che le abbiamo vissute, ma poco importa :D

E’ stata davvero una serata stupenda, grazie mille amici carissimi: non avevo mai passato una Pasqua così bella, ed è molto merito anche vostro :°)

La prima Pasqua insieme al mio Fanciullino è stata davvero indimenticabile!!! :)

Fanciullino&Bimbaverde • Pasqua 2010 • Sabato Santo

Amici, Canti, Festa, Fotografie, Love, vacanza, We Are F&B 1 Comment »

…continua…

Sabato mattina Alberto ed io abbiamo pigrito come da nostri standard veramente vergognosi! Ci sono sempre buone scuse per rimanere a letto fino a tardi, la stanchezza della settimana, un pisolino tira l’altro, le coccole.. e così prima di mezzogiorno non ci siamo assolutamente alzati, e così facendo alla fine siamo andati a dormire la sera prima appena mangiati, e ci siamo alzati la mattina solo per cucinarci il pranzo: c’è un che di estremamente vergognoso e godurioso, in questo andazzo delle nostre vacanze! X)

Dopo un ottimo esperimento culinario, andato assolutamente benissimo (siamo dei campioni :D), non contenti dello sbulacco mattutino abbiamo proseguito il pomeriggio all’insegna del relax più completo, ascoltando musica nella sonnolenza dell’acqua bollente e lasciando che la pioggia fuori continuasse a cadere, e il mondo a girare, dimendicandosi di noi :)

Solo verso le sei siamo usciti per fare un salto a salutare i miei genitori, camminando insieme sotto la pioggia sino alla Villetta! Abbiam fatto due chiacchiere, ed era molto bello vedere che anche a loro avesse fatto così piacere vederci prima del pranzo di Pasqua :)
Tempo per un giretto alla coop per prendere un pesce di cioccolato per mio papà, un altro po’ di pioggia, e ci siamo avviati insieme verso casa Ceppi, dove Alessandro e MariaTeresa ci avevano invitati per una cena rimpatriata! ^_^

Primavera2010 015bLa serata è stata davvero bellissima! :) I neo sposini ci hanno prima mostrato la loro nuova casetta, raccontandoci anche delle molteplici disavventure dell’anno scorso durante i preparativi al matrimonio+nido, e del conseguente strabenvenuto relax del viaggio di nozze in crociera ^_____^
Poi ci siam messi tutti a tavola, continuando a chiacchierare mentre ci servivano una cena veramente da re! Ancora complimenti, abbiamo mangiato strabenissimo e stratroppissimo :D
Da chiacchierare ce n’era eccome: a parte un aperitivo insieme a dicembre infatti non ci eravamo più visti noi quattro con tranquillità, e io stessa non stavo un po’ con Ale e Mary da prima del matrimonio! Ce n’erano di cose da raccontarci, tra tutti e quattro ^_^

È passato anche Danilo a salutarci, cosa che mi ha fatto davvero tanto piacere! Dopo aver raccontato ad Alberto tante volte di lui (i ricordi della campagna di D&D con la mia Grianne sono ancora molto vivi in me, e mi divertivo da matti con Danilo come master con quel suo stile così cupo! :D) finalmente lo ha potuto incontrare ^_^ si è fermato un po’ con noi, così abbiam potuto scambiare due parole, e poi è stato reclamato anche lui dal suo sabato sera e ci siamo salutati, sperando di rivederci ancora prima della mia partenza, magari ^_^

La serata è volata via, con il super abbondante banchetto e l’apertura dei regalini: la cornice digitale regalata da Renata e Donato ad Ale e Mary ha fatto scalpore, essendo pervenuta riempita già delle foto del loro matrimonio scattate da me quel giorno! :D È stato molto bello rivederle insieme, e vedere quanto piacere ha fatto loro ricevere questo pensiero :) Inoltre, Alberto ed io abbiamo preso un pensierino pro alcolismo tutto friulano, che mi vien detto sia già in uso in casa Ceppi X)

Con qualche autoscatto commemorativo (ok sono una rompiballe, ma quanto è bello poi avere delle foto insieme? :D) abbiamo concluso la serata, strapieni anche di squisitissimo gelato e svariati alcoolici :D
È stato davvero molto molto bello, peccato che il tempo voli troppo rapidamente! ^_______________^

…to be continued!

Fanciullino&Bimbaverde • Pasqua 2010 • Venerdì Santo

Canti, Festa, Love, vacanza, We Are F&B 1 Comment »

Per festeggiare questa prima Pasqua insieme, Alberto ed io abbiamo deciso che saremmo stati in Liguria: gli ultimi weekend ero salita spesso io in Friuli, e poi maggio si avvicina.. ci pareva più corretto festeggiare con la mia famiglia, e cogliere così l’occasione anche di rivedere un po’ di amici che ci reclamavano da parecchio tempo ;)

In questi quattro giorni insieme siamo stati benissimo, abbiamo completamente ricaricato le batterie traendo gioia, felicità e relax dalla vicinanza reciproca, e vivendo momenti stupendi sia da soli sia in compagnia di tante persone care :°)
Ogni evento e ogni giorno sono stati preziosi e indimenticabili, e alcuni anche finalmente documentati da fotografie mitiche! Quindi, stavolta, mi dilungherò in più post collegati, così da fare un capitoletto dedicato ad ogni giorno ^_^

Venerdì 2 aprile, così, Alberto si è messo in macchina di buon’ora ed è partito per venire a Savona! Nonostante tutte le previsioni di pioggia torrenziale e disagi si è trovato a viaggiare sotto un bel sole per tutto il norditalia, il che dopo tutti gli ultimi viaggi flagellati dalla neve dev’essere stato ben gradevole :D La sfiga poi ha deciso che un po’ di ritardo andava comunque accumulato, così si è trovato rallentato dalle code di ingresso in Liguria del turismo pasquale :P
Nonostante questo poi finalmente è riuscito ad arrivare da me: e che bello è stato, finalmente riabbracciarci! e all’ora di pranzo invece che di cena, per di più!!! :°)

Essendo Venerdì Santo io avevo preso il pomeriggio libero, così dopo un bel pranzo insieme (risotto, gnam! è bello vedere che non sono ancora assolutamente arrugginita, in cucina!) siamo usciti a fare due passi! Le chiese delle Confraternite di Savona infatti erano aperte, per esporre al pubblico le Casse Lignee che a sera sarebbero poi state protagoniste della Processione del Venerdì di Passione! Così abbiamo approfittato della stupenda giornata primaverile per passeggiare cercando gli ultimi regali di pasqua, visitando le Chiese e le casse (e non meno importante procurandoci la cena!!!) e girellando per Savona. Abbiamo anche incontrato Anna, facendo la spesa, e Bruno in una delle chiesette: mi ha fatto moltissimo piacere che Alberto incontrasse queste due persone a me tanto care :°)
Abbiamo anche potuto visitare la Cappella Sistina, la “bomboniera” come la chiamo io :P, che Alberto non aveva mai visto! E’ stato davvero molto bello trascorrere insieme così il pomeriggio ^_^

Poi verso sera a me è venuto un tremendo maldischiena, ed ero proprio stanca! Così abbiamo evitato la calca maggiore della processione e siamo poi tornati a casa per prepararci la cenetta :)
Dopo aver sbavato più volte durante quest’anno sulle vetrine pesciose di sottozero, sotto casa di Via Venezia, abbiamo finalmente colto l’occasione per entrare e far bottino di misto mare da cucinarci alla “modo nostro”, ossia sperimentando brutalmente un qualcosa alla wok! Alla fine l’esperimento è riuscito molto bene, anche se c’è ampio margine di miglioramento ^_________^

Soddisfatti, con le pance strapiene e molto stanchi, siamo crollati come due pere, talmente stravolti da addormentarci vestiti a metà della frase “è meglio se rimaniamo ancora svegli perchè abbiamo appena finito la cen….zzzzzzzz” ^_________^
La nostra vacanzina pasquale insieme era appena cominciata!!!! :D

to be continued…

Buon compleanno, papà.

Canti, famiglia 1 Comment »

Sei nato il 1° aprile di tanti anni fa, e non ci sarebbe stata data più adatta per te di quella.
Sei nato ad Asti, di cui parli con affetto e nostalgia, circondato da parenti che erano davvero dei portenti, dalla nonna Rosina ai genitori Bice e Secondo, le zie Mariuccia Virginia Luisella e lo zio Paolo che sembra Walter Matthau. Tutti Traversa doc, tutti mitici!

Con tuo fratello Renato costruivate macchinette “arraffasoldini” con le scatole da scarpe, e quando Bice vi ha chiesto se avreste voluto un fratellino o una sorellina avete chiesto, dopo attenta consulenza, una bicicletta. Invece è arrivato zio Gianni, e siete divenuti tre fratelli Traversa :)

Lasciate le morbide colline dell’Astigiano, dove pare di veder correre ancora zio Giovanni Gerbi il Diavolo Rosso, siete venuti a Savona, sul mare.. dove hai conosciuto personaggi incredibili come il Bagnino senza un dente che teneva la sigaretta lì, nel comodo buco tra i denti, e che mordeva i polipi in mezzo agli occhi per ucciderli!
E dove hai conosciuto la mamma… :°)

Hai studiato al politecnico di Torino, e i racconti di quegli anni sono sempre spassosissimi. Guai a rubare la focaccia a te o a Dante, o peggio ancora la saponetta! Anche l’esperienza a militare porta con sè dei racconti incredibili.. vorrei averti potuto guardare, mentre guidavi i carriarmati senza poter vedere nulla e fidandoti delle indicazioni di un camerada appollaiato praticamente sulle tue spalle che sbirciava fuori dal portello :D

Sfoglio le foto ancora in bianco e nero e vedo un bellissimo giovanotto astigiano con l’aria da matto. Guardo le foto in spiaggia a colori e vedo te, mamma e il gruppo di amici (c’è anche Zio Renato!) che fate feste in maschera in spiaggia, vestiti da egiziani.. e Dante arriva vestito da piramide :D e vedo il tuo viso furbetto con gli occhi azzurri e i capelli scuri, che edipicamente son diventati per me la caratteristica di bellezza che cerco in un uomo ;D

Hai studiato e sei diventato ingegnere, ma volevi fare l’artista e il pittore, e hai trasmesso l’arte a Renata e a me.
Avresti avuto un buon successo come Mc Gyver: basta darti un po’ di mollica di pane e due vibrisse di gatto e puoi costruirci o inventarci o ripararci qualunque cosa (Alberto docet :D) Sei sempre stato il papà che sa fare tutto, per me, e ho sempre la sicura consapevolezza che per qualunque cosa io abbia bisogno tu ci sei e saprai aiutarmi :°)

Tu mi hai insegnato che avere degli hobby è una cosa straordinaria. Mi hai insegnato a non fermarmi all’apparenza delle cose, ma ad aprirle per capire come funzionano e come farle funzionare come voglio io.
Mi hai insengato a lottare per ottenere ciò che mi spetta, e a non farmi mettere i piedi in testa da nessuno.

Ma soprattutto mi hai insegnato a ridere, a scherzare, a prendermi in giro e a vivere più serenamente la vita. Ad avere il “sensco dell’umorisco”.

La mia vita non sarebbe stata la stessa senza di te, senza le tue carezze sulla testa quando ero bambina e tu venivi in camera mia, la sera, a salutarmi. Senza i tuoi insegnamenti sulla pesca, sul disegno, sulla fotografia!
Senza il tuo humor e le tue battute, senza i tuoi insegnamenti e la tua forza. Tu eri con me, la sera del 29 maggio prima della mia prima partenza verso il Friuli, a darmi il tuo consiglio e il tuo modo di starmi vicino, solido sicuro e fermo nei principi morali della vita.

Tu sei sempre stato vicino, magari più nell’ombra della mamma, magari più silenziosamente e discretamente. Ma che sia tu a darmelo o sia mamma, il tuo parere mi arriva sempre, e mi aiuta e sostiene da sempre. E così, sapere che anche in questo momento della mia vita sei orgoglioso di me, mi appoggi e ammiri il mio coraggio approvando la mia scelta, mi rende una persona felice.

Tu sei il mio papà, e nessuna parola spiegherà mai abbastanza esaurientemente quanto bene ti voglio.
Buon compleanno, papà!!! :°)