Pront.. Partenz… Via!

Canti, Inconscio della Barda, Love, Sogni, vacanza, Viaggi, We Are F&B 1 Comment »

ValiginaE così ci siamo quasi: venerdì si parte, manca davvero pochissimo e io non sto più nella pelle! Non so quanto tempo avrò ancora domani per scrivere (e dato che vorrò fare il post della sessione…) quindi scrivo oggi, chè poi magari sparisco sino al ritorno e mi dispiacerebbe non salutare :P

La cosa che mi emoziona di più della vacanza, che mi dà più pensieri prima di partire, è il fatto di essere sola per tre giorni e mezzo a Singapore! Io, che non mi so muovere in posti grandi, che mi perdevo a Savona, sola in una città così grossa! :D
La scorsa settimana mi son guardata un po’ la guida che ho acquistato, scoprendo che l’Hotel dove soggiorniamo è in Bras Basah Road, proprio nel quartiere coloniale della città (“Colonial District“!) Ci sono molte cose da visitare già lì, tutto il quartiere è piuttosto compatto e lo girerò a piedi senza problemi: posso arrivare sino al fiume al Cavenagh Bridge, visitare l’Asian Civilisations Museum, il quartiere Padang, la St. Andrew’s Cathetral, il CHIJMES (prati, cascate, fontane, piazzali e negozi e ristoranti), il Singapore Art Museu o il Bugis Village, la collina Fort Canning Park o il centro commerciale Clarke Quay. Ce n’è per tutti i gusti :D
Ad appena 2,5 km dall’albergo, forse meno, c’è Orchad Road, la “via dello shopping”. La strada è fiancheggiata da enormi centri commerciali, c’è tutta una strada costruita in case in stile barocco cinese, la Emerald Hill road, i Singapore Botanic Gardens e chissà quali altre strane stupenderie da vedere :D
Altre due tappe obbligate, da fare o da sola in quei giorni o nei giorni seguenti con Alberto e il prof. M., saranno Chinatown (a 3 km a sud dalla zona dell’Albergo!) e Little India (a circa 2,5 km a nord dall’albergo!). Qui le cose da vedere sono talmente tante che non ha senso nemmeno elencarle ora :D

Insomma, sono al centro di almeno tre zone stupende da visitare, tutte raggiungibili a piedi! Ne uscirò con le gambe piuttosto stanche, ma credo che sfrutterò quei tre giorni sola per girare come una matta! Speriamo di cavarmela :)

Domenica questa, appena arrivati, e il venerdì dopo il convegno, gireremo un pochino anche insieme ad Alberto e al prof. M.: all’una di notte di venerdì 30 infatti prenderemo l’aereo per Colombo, e ci sposteremo iniziando così la nostra vacanza di sette giorni in Sri Lanka!
Lì seguiremo un bellissimo tour, se ho capito avremo una macchina tutta per noi con autista/guida :) visiteremo Colombo, Anuradhapura, che dev’essere stupenda, l’antica città di Mhihintale, il parco naturale di Minnerya, il sito storico di Sigirya, faremo trekking a dorso di elefante e vedremo il tempio nella roccia di Dambulle, con le sue scimmie ladruncole, vedremo Matale e Kandy, il giardino botanico dela città e Pinnawela, l’orfanotrofio degli elefanti.

Sarà una vacanza senza dubbio indimenticabile, la prima in posti così esotici e così lontani! Sono stra felice e davvero non vedo l’ora! Il viaggio in aereo, così lungo, mi preoccupa un po’: ma sono piena di Xamamina e se ho bisogno posso prenderne una pastiglia ogni tre ore, quindi penso che non soffrirò il volo; avrò con me la guida allo Sri Lanka, di cui per ora ho letto solo le parti informative generiche e i cenni storici, non gli approfondimenti sui luoghi che visiteremo noi! e la guida a Singapore, che invece ho già letto ma che porterò con me perchè ho segnato le cose da vedere e come indicazioni stradali è molto valida :) e poi mi porterò un libro ;)
La valigia e il bagaglio a mano sono pronti, devo solo metterci le cose dell’ultimo minuto (spazzolino da denti e simili :P) e sarà chiudibile! Da veri viaggiatori prudenti abbiamo una piccola farmacia portatile con noi, con tutto dalle pastiglie per il malditesta all’imodium e soprattutto parecchio repellente per le zanzare! Sono pronta con vestiti ampi e freschi, gonne e panaloni lunghi e coprenti e magliette come minimo a maniche corte, per rispetto della sensiblità culturale e della religione di quei luoghi! Porterò la videocamera e Alberto porterà la macchina fotografica: sarà stupendo davvero :°)
Siamo carichi di aspettativa e pronti a tutto, sia al girare per quelle antiche località stupende dello Sri Lanka sia per visitare Singapore, e soprattutto a provare TUTTE le specialità culinarie che ci sarà possibile ;D

Insomma: ancora solo due giorni e saremo in aereo in questo stesso momento: non vedo l’ora! ^____________________^

D&D – Un Matrimonio Spinoso

Amici, Canti, Dungeons And Dragons Commenti disabilitati su D&D – Un Matrimonio Spinoso

E così comincia il Diario di Viaggio di Rajin, Chierica di Shaundakul. In queste pagine saranno narrate le (epiche?) gesta di un ben assortito gruppo di avventurieri, che si districheranno nelle trame ordite dal master Ricky.

Tethyr, 15 settembre: arrivo a Blossom Hill

Siamo giunti oggi in un luogo chiamato Blossom Hill. Finalmente una pausa nel nostro lungo viaggio, che ci ha condotti sino al Tethyr. I miei compagni di viaggio sono decisamente interessanti. Il mezz’orco di cui non ho ancora afferrato il nome è taciturno, ma la sua presenza è rassicurante.. la sua ombra, sempre accompagnata dalla falce, è un punto di riferimento soprattutto durante gli scontri che abbiamo avuto lungo il viaggio. L’altro mezz’orco, Mule, è una persona affascinante.. deve avere una personalità complessa, ha sempre l’aria meditabonda e concentrata e c’è in lui sicuramente di più che in molti altri della sua razza. Lo gnomo Adam è forse quello con cui al momento mi trovo meglio, ci si parla bene, sa far ridere anche in momenti difficili, ma è chiaro che quando si tratta di cose importanti è sveglio e attento, sia nel pensiero sia nell’azione. L’elfo Rizla Mass è ancora un’incognita… mentre sono affascinata dal mezz’elfo Xamlas God: quel mago è sveglio nei ragionamenti, e il suo potere si sta accrescendo sempre più di giorno in giorno.

Tra tutti noi si è creato un certo equilibrio. Se continueremo a viaggiare insieme ci saranno molte cose interessanti da scoprire su tutti loro.

Il mercante che stiamo scortando, Arsenio, ci deve ancora pagare. Faremo sosta qui e ripartiremo a breve, ha detto, e ci ha lasciati per la sera non senza provarci di nuovo con me. La sua corte è comunque garbata. Mi ha regalato un bel pettine d’argento, sta sera..

Dopo la cena in locanda, Adam ed io abbiamo fatto due passi per il paese.

A cena siamo stati avvicinati da un ragazzino… pare che cercasse un mago forestiero, è un giovane garzone di un certo Merrin, un patriarca di una antica famiglia del paese, forse feudatari non ho capito bene… comunque non cervavano davvero Xamlas, pare.

Adam ed io, dicevo, abbiamo visitato il paese. Pare decisamente benestante dopotutto. La caratteristica principale è questa enorme collina che sbuca come dal nulla: in cima ci han costruito un templio di Chauntea, che vorrei visitare quanto prima.. ma ancora prima della sua nascita su uno dei versanti della collina sorgeva questo incredibile roseto: è una cosa straordinaria, sicuramente di origine divina o sovrannaturale. I cancelli sono chiusi, domani mi informerò meglio.

Unica nota stonata della serata: abbiamo sentito un urlo strano, nella notte.. non abbiamo potuto capire da dove giungesse, pareva quasi umano o forse solo un animale…

Blossom Hill, 16 settembre: le nozze in pericolo

Al mattino presto oggi in locanda si è presentato un vecchio ben vestito: proprio quel Merrin del giorno prima. In pratica ci ha chiesto di poterci assumere per un incarico importante, era davvero disperato!

Pare che qui a Blossom Hill ci sia una sorta di tradizione di matrimonio per cui la giovane sposa deve attraversare il roseto, indossando una armatura cerimoniale e avendo i proprio fratelli come scorta, e giungere dall’altra parte, in cima, sino allo sposo che l’attende al Tempio di Chauntea! In mancanza di fratelli o cugini si possono assoldare guardie custodi, come saremo noi: il punto è che al roseto c’è qualcosa di strano da tempo, pare che sia un luogo pericoloso… la gente ci muore o ci sparisce, e in più la famiglia rivale di Merrin potrebbe voler nuocere alla sposa.

Abbiamo accettato l’incarico… tra l’altro sono un po’ preoccupata perche di Arsenio non c’e traccia, pare non abbia nemmeno dormito in locanda…

Ci siamo subito preparati alla missione. La sposa, Aura, si è presentata armata di bastone e vestita di una splendida armatura. Ci siamo incamminati nel roseto, dove ci ha colpiti subito l’atmosfera stranissima del luogo. Le rose devono essere decisamente peculiari.. nel giardino praticamente non ci sono insetti, e tutto ha l’aria sovrannaturale..

L’inizio della missione è andato bene, poi d’un tratto appena giunti in uno slargo non distante da una fontana siamo stati attaccati! Ci sono balzati addosso due… come due ammassi di rami e sterpi a forma umanoide.. due creature fatte di rami e d spine, che ci hanno messi a dura prova! Lanciavano delle spine dolorosissime e velenose, soporifere o peggio.. è stato davvero un duro scontro. Quando finalmente li abbiamo sconfitti, con le armi e con il fuoco, al loro interno abbiamo trovato delle barrette di oro e di argento e dei vetri rotti. Secondo me sono state costruite artificialmente, con l’alchimia o con la magia, e mandate contro di noi.

Mentre proseguivamo, Adam ha intravisto nelle siepi due goblin, vestiti in modo mimetico, aggirarsi furtivi nel giardino! Questo avvistamento ci ha molto turbati ma non abbiamo avuto tempo di preoccuparcene perchè un problema ben maggiore ci si è parato innanzi: all’uscita del giardino infatti il cancello era insolitamente chiuso, mentre avremmo dovuto trovarlo spalancato, e ci attendeva un losco figuro. Adam, per fortuna, è andato avanti da solo fingendo che ci fossimo separati, appositamente per poter scoprire chi fosse quell’uomo. Questi, che abbiamo capito essere il mago forestiero che il padre di Aura avrebbe voluto assoldare per proteggerla (ma che evidentemente si era fatto assoldare dalla famiglia rivale!), ha finto di star aspettando la sposa con preoccupazione, fingendo di essere Athas il custode del Tempio. La situazione era molto sospetta…

Abbiamo elaborato un piano per proteggere Aura: io mi sono camuffata da lei, che è rimasta nascosta, ma proprio mentre provavamo a fare il nostro ingresso Adam ha visto due loschi figuri nascosti nelle siepi pronti ad attaccarci ai fianchi, e così ha attaccato lui per primo! A quel punto ci siamo gettati nella mischia, attaccando questi due sempliciotti armati di clave (ma davano delle sonore clavate nonostante tutto.. e ci hanno messi molto in difficoltà!) e il mago! E’ stato un combattimento duro, e per difenderci abbiamo dovuto uccidere questi tre avversari… e poi abbiamo scoperto che i due erano due figli della famiglia rivale, forse sotto l’influsso della magia del mago o solamente molto agguerriti e desiderosi di punire la figlia del loro nemico.

Mule è caduto, ma per fortuna ho potuto fermare l’emmoragia e salvarlo.. a quel punto Adam ha richiamato l’attenzione di un vero sacerdote che attendeva non distante dal cancello con la gente, tutto il villaggio era pronto a far festa ma nella confusione nessuno si era accorto che i cancelli erano stati chiusi per tenderci una trappola!

l sacerdoti del Tempio di Chauntea hanno potuto accudire le nostre ferite e la sposa, e quando siamo stati presentabili l’abbiamo infine scortata, vittoriosi, fuori dal giardino! Da lì in poi la giornata è stata talmente diversa da parere un giorno tutto nuovo: il matrimonio è stato molto bello, svoltosi in una chiesa dalle elaborate forme di rovi e rami e alberi e fiori, anche se probabilmente il rituale di Chauntea lungo un paio d’ore può essere stato un po’ noiosino per alcuni dei miei compagni.

La festa è stata tenuta nel villaggio, come una grande sagra a cui tutti hanno partecipato, con molte tavole in piazza e da mangiare e bere per tutti. Ci hanno celebrati, a parer mio esageratamente, come gli eroi salvatori della sposa, e lei stessa ha voluto farmi dono della preziosa armatura che ha indossato durante la traversata del roseto. E’ un regalo di grande valore, a cui userò il rispetto che merita. Ci hanno coperti di doni, anche lo sposo ci ha elargito dei preziosi medaglioni protettivi, che la sua famiglia produce. Il signor Merrin, che un tempo era un avventuriero, ha voluto donarci un suo prezioso pugnale magico che cambia proprietà a seconda di che pietra venga incastonata nell’elsa! Tanti doni preziosi, che abbiamo accettato di buon grado sapendo che ogni aiuto nella via di un avventuriero è utile e va utilizzato con valore e con coscienza.

Al termine della festa e della stupenda giornata ci siamo ritirati a riposare, esausti ma soddisfatti di una così gloriosa giornata.

Al mattino seguente, dato che abbiamo saputo che quel lurido di Arsenio se ne è fuggito senza pagarci, mollandoci lì a Blossom Hill, abbiamo deciso di rimanere ancora un po’. Alcune cose erano infatti rimaste irrisolte: la presenza dei goblin nel Roseto, e la loro eventuale implicazione nelle morti misteriose degli ultimi tempi, per esempio…

Blossom Hill, 17 settembre: indagini in città

Così, al mattino di questo nuovo giorno, ci siamo subito incamminati a parlare con tutte le persone che dovevamo incontrare. In primis il Borgomastro Aivan, un uomo brizzolato che quando abbiamo sollevato la questione del Roseto e dei Goblin ci ha scaricati, rimandandoci ai Chierici del tempio e lavandosene le mani. Poi lo Sceriffo Halfling Martin Cuterling, che per quanto uomo ben addestrato ed evidentemente responsabile ci ha pesantemente rimbrottato per il combattimento contro gli uomini che ci avevano assaliti. Come se non bastasse rischiare la vita, invece che indagare la famiglia che manda due assassini ci ha accusati della loro morte, che per quanto sia sicuramente una cosa terribile è stata resa inevitabile per necessità: il combattimento era mortale, e loro sono venuti con l’intenzione di ucciderci.

A parte il bisticcio su questa questione, abbiamo affrontato con lui l’argomento del Giardino.. in 4 anni ci sono state 15 persone scomparse o uccise.. due guardie, due spose di cui sono state trovate solo le vesti… In più abbiamo scoperto che 5/6 anni fa ci sono stati degli attacchi alla città da parte di goblin, e 2 anni fa da parte di briganti Gnoll.

Quando ci siamo recati al Tempio di Chauntea abbiamo potuto parlare con il giovane e irruento Gran Sacerdote Ret’Shine Crop. E’ molto turbato dal problema del Giardino, anche uno dei chierici provò a capire cosa fossero le aberranti creature-alberto lì comparse, ma morì.. Appena accennato il problema e il nostro interessamento, Ret ci ha voluti assoldare per risolvere il mistero dei Goblin. Ci ha anche fatto una ricca offerta, un corredo del suo predecessore paladino del Tempio! E ci ha dato dell’equipaggiamento, appartenuto a uno sfortunato ladro che cercò di rubare una reliquia del Tempio…

L’ultima visita della giornata è stata al Mago della città, Florius. Questi ci ha dato le chiavi del giardiniere e dei cancelli, ed è stato molto disponibile nel condividere con noi le informazioni relative al Roseto. Vorrebbe inoltre studiare le foglie e i fiori dell’enorme Albero che si trova lì, quindi cercheremo di portarglene un po’.

Parlando con Florius abbiamo scoperto che anche al Cimitero c’è qualcosa che non quadra, in Blossom Hill. Pare che ci siano dei mostri (e questo ha ricordato a me ed Adam l’urlo sentito nottetempo due sere prima). C’è solo una grande tomba di famiglia, le altre sono tombe semplici e povere; in questa cripta riposano le ossa di una famiglia estinta ormai da 15 anni, famiglia che costruì la villa dell’attuale borgomastro e che volle la costruzione del Tempio di Chauntea. Ci ha anche detto che nonostante la collina su cui sorgono il tempio e il roseto sia un’anomalia che desta la curiosità di molti, secondo lui non c’è niente da scoprire in merito.

Ah, e abbiamo scoperto anche che quello strano edificio che ha i forni accesi anche di notte è una vetreria, che Florius suggerisce di visitare.

Dopo aver ottenuto tutte queste informazioni abbiamo voluto visitare il cimitero. Io ero già ormai convinta che ci fossero dei non morti o qualche orribile aberrazione di quel tipo a infestare il cimitero e quanto abbiamo scoperto mi ha dato ragione.

Siamo entrati al cimitero, notando subito la terra di alcune tombe smossa.. e poi siamo entrati nella cripta di questa famiglia (devo segnarmi il nome!): un pozzo al centro, e tre sarcofagi. Uno con la statua di un uomo grasso con un vassoio di cibo (sarcofago sigillato, con segni di tentata apertura); altri due invece meno decorati, con raffigurate scene di navi . E’ stato chiaro, a un esame più attento, che il pozzo è stato aperto meno di un mese fa, e che i due sarcofagi più piccoli son stati anch’essi forzati!

A quel punto li abbiamo aperti, per scoprire all’interno due scheletri depredati da dei tombaroli, apparentemente: un furto di qualcosa nella mano di uno dei due, un mezz’elfo, e forse dei gioielli al collo dello scheletro umano. Mancavano anche le monete rituali sulle orbite, e proprio mentre provvedevo a metterle io stessa gli scheletri si sono animati e ci hanno attaccati!

Li abbiamo distrutti rapidamente (più o meno), e quando li abbiamo sconfitti da uno dei due è cascato un onice.. che è rimasto stranamente intero invece di frantumarsi in mille pezzi..

(….to be continued, next session!)

Un weekend da sogno!

Canti, Love, We Are F&B Commenti disabilitati su Un weekend da sogno!

Il weekend appena trascorso è stato davvero stupendo!!!
E’ iniziato con un caldo micidiale.. alla fine della settimana infatti si erano raggiunte punte di 38 gradi, e c’era da diventar matti. Venerdì sera Alberto ed io siamo andati alla festa di laurea di Luca e Marco (ancora congratulazioni ai due dottori :)), e lì si sono toccate punte di caldo estivo come non ne avevo mai provate prima: nonostante fossimo in una bellissima zona all’aperto, a Ruda dove fanno la sagra dei cros, c’era un caldo talmente assurdo da sudare copiosamente tutta la sera. Tutti fermi, sereni e tranquilli in giardino, a chiacchierare… ed era come star facendo allenamento, con i rivoletti che corrono lungo la schiena e il fiatone! Pazzesco, mai provato un caldo del genere! :O

Per fortuna tornati a Basaldella c’era la prospettiva del condizionatore in camera, per dormire: e la consapevolezza (o speranza?) nata dal fatto che le previsioni davano temporali nel weekend.
Sabato però il solito caldo torrido ci ha svegliati: avevamo in programma molti lavori di casa, ma ci siamo limitati a farne solo la metà in modo da non schioppare per il caldo. Montata la lampada nuova lungo le scale, e la nuovissima lampada da lettura vicino alla testiera del letto, ci siamo arresi al fatto che lavorare così non era umano. E Alberto ha fatto la proposta del millennio, che è stata subito approvata all’unanimità :D
Abbiamo velocemente preparato un pranzo al sacco: insalata di pomodori, un bel po’ di prosciutto crudo e di Auricchio (portato dal sud dalla Zia Daniela!), acqua e menta (rigorosamente in bottiglione gigante), una mela e cioccolata (comprata al negozio Lindt dell’Outlet giovedì sera con Paola e Ksenia!). Zompati in macchina ci siamo diretti al Lago di Cavazzo, per cercare un po’ di refrigerio e fare un bel picnic!!!

E’ stato davvero bellissimo! Il lago è non distante dalla zona di Amaro, quindi non ci vuole poi molto in macchina a raggiungerlo. E’ una zona stupenda, ed essendo già leggermente alta porta un po’ di freschezza nell’aria e nella temperatura. Il lago è enorme, e ci sono gozzilioni di spiagge e spiaggette. C’è tutto un percorso, la camminata delle farfalle, che lo costeggia (quantomeno nel tratto che abbiamo visto noi!) adatto a passeggiare o ad andare in bici. Per 3,50€ puoi parcheggiare la macchina tutto il giorno, e non distante dai parcheggi ci sono zone attrezzate con bar, ristorante, affitto di pedalò e bagni.. ma soprattutto poi una splendida zona di alberi, ombra, spiaggette e tavoli da pic nic, insomma c’è tutto quello che si vuole per una giornata rilassante e stupenda!
Il lago è bellissimo, non avrei mai immaginato niente di così fresco e bello! I panorami sono straordinari, peccato che io non avessi pensato a portare la macchina fotografica! L’unico peccato è che per via di certe stupide azioni umane il lago sia completamente morto. Non c’è nemmeno un pesce, tutto fermo e andato.
Abbiamo deciso che porteremo in questo luogo stupendo Renata e Donato, quando verranno a trovarci ad Agosto! E’ troppo bello, dobbiamo farci una giornata insieme! *_*

Abbiamo mangiato all’ombra degli alberi, e mentre Alberto armava le canne da pesca per poter provare qualche lancio in zona nel pomeriggio io leggevo il libro dello Sri Lanka ad alta voce, così da imparare entrambi qualcosa su quel Paese prima di andarci in viaggio!
Verso le quattro abbiamo fatto il primo bagno! L’acqua di fronte alla zona dove avevamo messo gli asciugamani era proprio fredda, ma veramente piacevole visto il caldo di quei giorni! Dopo abbiamo cercato un altro punto, camminando un po’ lungo il lago, e dove ci siamo fermati l’acqua era più gradevole: abbiamo fatto un bel bagno, e Alberto ha addirittura sfidato il freddo con qualche bracciata ^_________^

Lasciato il lago un’oretta dopo, abbiamo trovato un bel punto dove fermarci a pescare. Purtroppo però si è rivelato meno buono per la pesca di quello che sembrava, perchè alcuni divieti di pesca messi in ottica gare limitavano molto la zona usufruibile.. che tristezza! Così siamo venuti via, e pian piano siamo tornati a casa! Ad attenderci c’era l’orrido caldo di quando eravamo partiti, ma la giornata al lago ci aveva proprio rigenerati :)

Domenica mattina sono stata svegliata dai tuoni, e dal rumore di vento e pioggia. Mai suoni più graditi!
Il temporale si è scatenato per un paio d’ore, e ha continuato in una pioggia sottile con brontolii lontani per tutta la mattina. Il vento creava correnti d’aria e spifferi in tutta la casa, grazie alle finestre aperte, e così abbiamo goduto di una intera giornata di splendido fresco. Che goduria, ci voleva proprio! Anche ora che scrivo vicino alla finestra nonostante il sole fuori splenda si sta ancora bene: speriamo che la temperatura si mantenga più vivibile ancora per qualche giorno (quantomeno fino a venerdì :P)
Abbiamo finito i lavori di casa previsti: cominciato a montare anche la seconda lampadina da lettura in cameretta, e montato la mia bellissima libreria flessibile giù in sala *_* è davvero stupenda, appena ho tempo provvedo a una documentazione fotografica!

E poi in serata, dopo un bel film-relax dopo pranzo, ce ne siamo andati al’Ikea: mamma e papà per il compleanno mi hanno finanziato una bella vetrinetta da mettere in sala con i miei “tesori” in bella vista, la mia collezione di gatti e altre cosine. Quasi quasi ora vado giù a provare a montarla :P

E’ stato un weekend davvero stupendo. E con esso inizia una settimana di preparativi e di emozioni: manca sempre meno alla partenza!!!

La città del Leone e L’Isola dei Gioielli.

Canti, Love, Sogni, vacanza, Viaggi, We Are F&B Commenti disabilitati su La città del Leone e L’Isola dei Gioielli.

Quest’estate, come pochi di voi già sanno, Alberto ed io ci siamo trovati nelle condizioni di approfittare di un’occasione veramente unica per una vacanza come non l’avrei mai sognata (tantomeno quest’anno, che con il trasloco e tutto il resto avevamo previsto di non fare nessun viaggio!). Capita infatti che a luglio abbia luogo un importante convegno di Economia a livello mondiale, un convengo che si tiene una volta ogni 5 anni e che quest’anno si svolgerà a Singapore. Alberto e il Prof. M. sono stati ammessi a partecipare al convegno, e così ha cominciato a delinearsi la possibilità di cogliere l’occasione anche per me di accompagnarli in questo viaggio… a quel punto il piano è presto stato deciso: si va a Singapore, e ci si ferma qualche giorno in più rispetto alle date del convegno per visitare la città e le attrazioni dei dintorni!

Da lì a poco, quando sono stati prenotati gli aerei per il viaggio, si è delineata una seconda proposta da parte del Prof. M., che ama molto viaggiare: dato che uno degli scali del volo del ritorno è a Colombo, che ne dite di fermarci a visitare lo Sri Lanka per qualche giorno? Alla fine il volo è lo stesso, quindi il prezzo dell’aereo è già compreso, e si trattava solo di poche centinaia di euro in più per poter trascorrere una settimana intera a visitare lo Sri Lanka! Dopo attente rimuginazioni abbiamo accettato, ed ecco che di fronte a noi si è delineata la prospettiva di questa incredibile vacanza!!!

Certo, per Alberto è una vacanza in parte lavorativa: come lui e il Prof. hanno già fatto in passato, la partecipazione a questi importanti convegni permette di visitare anche luoghi lontani e stupendi del mondo! Per me invece sarà una completa vacanza, inaspettata e che non avrei mai osato sognare! Luoghi così lontani e misteriosi, di cui non so davvero nulla… Singapore è nella punta più a sud della penisola della Malesia, e lo Sri Lanka è proprio sotto all’India: non avrei potuto avere l’occasione di una vacanza più golosa!

Ormai manca davvero poco: tra dieci giorni, venerdì 23 agosto, saremo in partenza verso Singapore. Sono un po’ spaventata perchè mi aspettano 15 ore di volo, spezzato in due (circa 9 ore sino a Dubai, e poi altre 6 ore): l’idea, per me che soffro l’aereo, è spaventosa! Ma sono anche emozionata di scoprire com’è viaggiare in aerei per tratte così lunghe, di scoprire i terribili effetti del fuso orario, insomma di vivere per la prima volta un’esperienza del genere!
Quando saremo a Singapore per quattro giorni io sarò sola, perchè i due professoroni con cui mi accompagno saranno al convegno tutto il giorno: il che significa che dovrò capire cosa fare di me durante il giorno, muovermi autonomamente da sola per una città spaventosamente grande e trovare il fegato di cavarmela in un mondo del tutto alieno: sono emozionata, e davvero impaziente di sapere cosa mi aspetta! Sto leggendo una guida alla Città del Leone per vedere cosa posso fare in quei giorni, devo capire e imparare tutto compreso il “dress code” del luogo. Sarà emozionante: e poi c’è sempre la piscina dell’hotel, in caso, se proprio sono stanca di girare da sola :P

Dopo una settimana lì a Singapore ci sposteremo con l’aereo a Colombo, capitale dello Sri Lanka: lì ci aspetta un tour stupendo che ci condurrà in varie località famose e stupende di quelle zone, sarà una vacanza indimenticabile!
Mi sono procurata una guida anche sull’Isola dei Gioielli: ho solo 10 giorni per leggere bene tutto e sentirmi un po’ più preparata e un po’ meno spaesata… e a ben pensarci: se non ci riesco ho sempre 15 ore di volo per leggere O_o

Ora: se qualcuno ha consigli da dare, sia sul volo in tratte così lunghe, sia sulla visita alla città, sia sul muovermi da sola in posti così lontani, sia sul cosa mettere in valigia o qualunque altra cosa, è il momento giusto! Ogni consiglio è bene accetto ;)

D&D: nuovi personaggi, nuova campagna.

Amici, Canti, Dungeons And Dragons 1 Comment »

Con mercoledì scorso abbiamo interrotto l’avventura di Pathfinder che masterava Matteo, a cui mi avevano annessa con il mio arrivo in Friuli! Così, abbiamo fatto le nuove schede per cominciare una nuova campagna, stavolta di nuovo in D&D nei Forgotten Realms, masterata da Ricky!

Dopo lunga indecisione è nata Rajin, chierica di Shaundakul (wannabe Windwalker) mezz’elfa selvaggia. Cominciare con un pg dal primo livello è sempre un’emozione unica, e mi mancava: sono proprio contenta che sia successo e non vedo l’ora di scoprire cosa Ricky ha in serbo per noi :D
Ho tirato una buona scheda, ho perfino fatto un 18 naturale cosa che non ricordavo mi fosse mai successa! Come talenti ho scelto Jack of all trades, mettendo anche un punteggio di intelligenza alto per sopperire alla carenza della classe del chierico in quel campo, e ho scelto Heroic Destiny, che mi pareva fico e adatto al personaggio!

La prima sessione è stata bellissima davvero! Abbiamo giocato tanto, facendo anche tardi per compensare di aver iniziato a giocare tardi per via delle schede! è sempre così, quando si inizia un party nuovo :)
Voglio riportare qui le avventure del gruppo neo nato e la campagna che Ricky ci mastererà: solo sono ancora indecisa sul come, se scrivere un diario in prima persona di Rajin, oppure scrivere così come sto facendo ora! Lo deciderò domani: oggi giochiamo di nuovo, e a questo punto mi dò il tempo di pensarci e scriverò delle prime due sessioni contemporaneamente, per rimanere aggiornata ;)

Intanto presento brevemente i compagni di viaggio di Rajin: Adam, Whisper Gnome di Alberto, Scout. Rizla Mass, Elfo della luna di Matteo, Guerriero. Nomenonpervenuto, Mezz’orco di Beppe, Barbaro. Mule, Mezz’orco di Arturo, Monaco. E infinte Xamlas God, Mezz’elfo di Luca, Mago!
Un party senza umani, e decisamente peculiare nella sua composizione di razze e personaggi!

Vedremo cosa ci attende a sessione stasera: e presto scriverò i racconti!

Fanciullino e Bimbaverde – Weekend a Savona

Amici, Canti, famiglia, Fotografie, Love, vacanza, We Are F&B Commenti disabilitati su Fanciullino e Bimbaverde – Weekend a Savona

Compleanno2010 028In occasione del mio compleanno Alberto ed io abbiamo trascorso il weekend a Savona, per poter festggiare con la mia famiglia e salutare gli amici della riviera ;) Il viaggio è davvero molto meno pesante, se fatto in due! Non ci sono le lunghe ore solitarie in treno, i disagi dei cambi, la noia.. ci sono (lunghe si, ma insieme!) le ore di viaggio trascorse ascoltando musica, cantando, chiacchierando! L’emozione dell’andata è sempre la gioia di rivedere persone care. Ma ora c’è la più grande e stupenda differenza rispetto a prima: alla partenza del rientro c’è si una lacrima di nostalgia, ma soprattutto c’è la gioia di tornare a casa, insieme, nella nostra stupenda quotidianeità!

Così, siamo partiti venerdì mattina verso Savona. Il viaggio proseguiva bene, sotto il sole estivo, quando giungendo in vista di Soave ci è venuta voglia di fermarci a visitare la cittadina! Era da parecchio infatti che io avevo voglia di salire sino a castello e di visitarlo, finalmente: sembra così spettacolare, passando dall’autostrada, che viene proprio voglia! Allora abbiamo improvvisato e ci siamo fermati lì, verso le undici. Parcheggiata l’auto abbiamo fatto due passi per la città, e siamo saliti sino al castello: che purtroppo era chiuso, avrebbe riaperto solo due giorni dopo, che peccato! Però la visita meritava, e la vista da su è stupenda ^_^
Ci siamo anche fermati a pranzare, a quel punto, in un’enoteca: così ho assaggiato il famoso vino Soave, e poi rifocillati e sereni siamo ripartiti verso Savona!

Compleanno2010 036Il viaggio è volato sereno e senza intoppi, sulle note di un vecchio cd di Alberto con compilation varie di veeeecchissimi cartoni animati :D
Siamo arrivati a Savona e siamo stati accolti da un caldo umido terrificante, roba da non credere O_o
Riabbracciare mamma e papà e Donato, che ci aspettavano a casa, è stato stupendo (anche se un po’ caldo e appiccicoso :P), e Fabio è rientrato subito dopo apposta dal mare per venire ad accoglierci :°) Ci siamo riabbracciati finalmente anche con Renata poco più tardi, perchè prima della serata Alberto ed io siamo usciti e siamo passati in Punto a Capo a salutare Bruno, Carlotta e Monica, e a fare due chiacchiere!

Tornati alla Villetta, dopo una bella doccia eravamo pronti alla serata in famiglia! Che bello è stato mangiare insieme e chiacchierare, dopo tanto tempo tutti insieme!!! La casa è tanto cambiata, con l’arrivo di alcune cose di casa di nonna Lidia, con la creazione di camera da letto di mamma e papà e con la mia partenza: è bellissima, davvero!
Compleanno2010 059Abbiamo chiacchierato sino a tardi, e ci siamo scambiati un po’ di cose:noi infatti avevamo un po’ di pensierini portati in regalo, una maglietta per i giuovvani (“masse fadie” per Donato, “prove bussimi” per Renata e “bastian contrari” per Fabietto!), un bel giglio e dei bocconcini di frico per mamma e per papà la specialissima esca fatta a mano da Alessandro!
E’ stata una serata stupenda: Alberto ed io poi siamo scesi con Renata e Donato a casa da loro, per la nanna: e Shinobi ha deciso di dormire con noi nel divano letto!!! :D

Sabato mattina ci siamo svegliati presto (nonostante la tarda ora della sera prima!) per andare al mare: io ne avevo davvero voglia, così ci siamo alzati, abbiamo fatto colazione in silenzio e poi ci siamo avviati alla spiaggia con la mamma: alle nove eravamo abili e arruolati in riva al mare, e pochissimo dopo stavamo facendo il primo bagno dell’anno!!! *_*
Che meraviglia.. ne avevo davvero bisogno! L’acqua era stupenda, il mare fresco e limpido: abbiamo trascorso due ore bellissime, chiacchierando e prendendo un po’ di sole!
A fine mattina poi, dopo un salto dal corniciaio con anche Donato e papà per sistemare alcuni quadri che lui e mamma ci regalano, siamo andati a pranzare con Renata e Donato. E avevamo di fronte a noi tutto un pomeriggio di (caldo) relax!

Abbiamo giocato a Pandemic! Purtroppo abbiamo perso contro il sistema di gioco due partite intere :/ è molto difficile, si è una squadra medica che combatte il diffondersi di epidemie, ma non ce l’abbiamo fatta e il mondo è risultato completamente infettato in entrambe le partite :P
Dopo una breve pausa, durante la quale Alberto ed io siamo scesi in giù a Savona per incontrare Anna e salutarla, abbiamo cambiato gioco. Cercando di lavare la sconfitta di Pandemic abbiamo iniziato a giocare a Warhammer Quest: e non c’è stato verso di sopravvivere per più di un corridoio!!! :D Roba da non credere: mai visto un disastro simile.. abbiamo fatto due tentativi, perchè Alberto non conosceva il gioco e noi ci tenevamo a mostrarglielo, ma poi abbiamo dovuto arrenderci all’evidenza che morivamo sempre, e uscire per la cena :P
Compleanno2010 102
Sabato a cena
abbiamo festeggiato il mio compleanno con tutti gli amici di Savona! Sono venuti proprio tutti, e la cosa mi ha fatto piacere da matti :°) mi è dispiaciuto tanto solo che Giada all’ultimo non potesse venire.. sono venuti Betta, Pizzi, Riccardo, Mauro e Giorgia (con il pancione!!!), Maro e Chiara, Alberto e Sarah, Laura e Mattia, Sassa e Marzia, Marco, Paki e ovviamente Renata e Donato :)
è stata una serata bellissima, mi han fatto un sacco di doni stupendi (il tostapane a forma di muccaaaaaah!!! :D) tra cui spicca, devo dire, il pensiero di Pizzi di regalarmi un po’ di mare di Savona: ha preso un’albanella e ci ha messo sabbia, sassetti verdi di vetro e acqua di mare, sigillandola e regalandomi così davvero una cosa preziosissima e nata da un pensiero stupendo :°)

Come tutte le cose belle, anche la serata è trascorsa ed è giunta al termine! Avrei voluto chiacchierare di più con tutti, ma essendo venti il tempo era quello che era e si è fatto ciò che si è potuto! Ringrazio ancora tutti di essere venuti, e del pensiero stupendo che hanno avuto nel farmi dono dei bellissimi regali che ho ricevuto: è stato stupendo e mi sono sentita tanto coccolata :°)

Domenica mattina, come già sabato, i gabbiani di Savona ci hanno tenuti parecchio svegli con il loro richiamo aggraziatissimo.
Durante la mattinata abbiamo riprovato Warhammer quest, morendo altre due volte: pazzesco, non c’è stato proprio verso! Abbiamo deciso che per rifarci ci giocheremo questo agosto ;)
Il pranzo in famiglia è stato stupendo, e presto però è giunta l’ora di salutarci.. abbiamo caricato la macchina, incredibilmente di nuovo strapiena di cose per la casa, quadri il tavolino da gioco suppellettili e molto altro, e poi abbiamo dovuto salutare: l’ora non perdonava, e avevamo ancora appuntamento a Villa in serata quindi non volevamo fare tardi :)
Mi è venuta un po’ la lacrimuccia, partendo.. mi ha fatto molto piacere ritrovare i miei e salutarli, e avrei trascorso volentieri ancora un paio di giorni insieme! Comunque ci rivedremo ad agosto, e tornare a casa con Alberto mi faceva piacere: mi pregustavo di nuovo la nostra casetta, le rondini al posto dei gabbiani e l’aria un po’ più fresca che c’era a Basaldella rispetto al caldo mostruoso di Savona :P

Il viaggio di ritorno è andato benissimo: un po’ di coda a Genova ma niente di che, e per le nove e mezza eravamo a Villa Vicentina a vedere la partita con la famiglia, per poi salutare la zia Daniela e Nicola, in partenza per il loro rientro a casa: è stata una bella serata, conclusione di un weekend lungo dedicato alla famiglia e agli affetti in toto ^__________^

Il primo smorfiocompleanno in Friuli.

Amici, Canti, famiglia, Inconscio della Barda, Love, pensieri, We Are F&B Commenti disabilitati su Il primo smorfiocompleanno in Friuli.

Ringrazio ancora tantissimo tutti voi, che mi avete fatto gli auguri per sms, per messaggio, sulla bacheca di facebook, per telefonata.. oggi è una giornata densa di emozioni, perchè me ne porto ancora tante dietro da ieri sera, e ogni augurio è un battito del cuore in più, un sorriso in più, il piacere di un amico che si ricorda di te e ti dedica un pensiero :°)

Ieri sera siamo andati a cena dai genitori a Villa, come sempre il mercoledì prima di sessione! E’ una stupenda scusa per restare tanto in contatto, per salutarsi e per aggiornarsi, per stare un poco insieme almeno una volta alla settimana ^_^ In più in questi giorni ci sono anche in visita la zia Daniela e Nicola, quindi è bello stare tutti insieme!

Ieri sera a cena però l’atmosfera aveva qualcosa di strano, e tutti continuavano a dire “zitto e mosca!” e a fare i misteriosi… e quando si è svelato il mistero per me è stata davvero una sorpresa! Avevano ricordato il mio compleanno, e comprato una bella torta alle meringhe (belin che buona! *_*), e la signora Orlanda ci ha messo su una stupenda candelina accesa, raffigurante il numero uno: 1, perchè è il mio primo compleanno da Friulana :°)
Già solo questo sarebbe bastato a farmi commuovere, e in più hanno anche -complice l’entusiasmo di Nicola!- cantato tanti auguri, in un coro veramente inatteso e spettacolare!!! :°°°°)
So che può sembrare una sciocchezza, ma per me è stato davvero un mare di emozione, mi sono sentita circondata di allegria e di affetto, festeggiata in grande stile dalla mia famiglia.. ci mancava poco che mi mettessi a piangere!
Mi hanno anche fatto un regalo stupendo, collana e orecchini in argento con delle stupende pietre nere affiancate a delle forme geometriche d’argento, è davvero molto elegante e molto bellissimissimo! *_*E’ stato bellissimo vivere questo festeggiamento, circondata dall’affetto di persone a me tanto care.

La serata è continuata da Ricky, a sessione! Abbiamo festeggiato un poco anche giocando a D&D, mangiando le crepes alla nutella e latte condensato che ho portato (grazie ancora soprattutto a Luca per i complimenti ^_^ son contenta che fossero buone!), e poi alla mezzanotte Beppe mi ha fatto una sorpresona stupenda! Mentre mi parlava da oltre la finestra, come sempre quando va fuori a fumare durante sessione, voltandomi per rispondergli mi sono accorta che c’era qualcosa di strano.. ed ero così tonna ed addormentata che non ho registrato subito che c’era un’enorme fiorito Spatifilium che torreggiava alle mie spalle :D E dopo, ci ho messo pure un attimo a registrare che lo Spatifilium era per me!!! ^__________^°°°°°°°°°°°°°°° sono proprio andata :P
Marcella, Beppe e Gareth mi hanno regalato (come da migliore tradizione di Hot Fuzz!) quella stupenda pianta! è stato bellissimo, e il biglietto di auguri che la accompagna è ancora più stupendoso :°) grazie, davvero, del pensiero bellissimo!!!

Con ancora tutte queste emozioni ci siamo svegliati tardi, questa mattina, Alberto ed io.. aver fatto le due di notte ieri sera non perdona ;) Mentre facevamo colazione ho ricevuto la telefonata di mamma e di Renata, per gli auguri, e tutte le mille emozioni di ieri sera sono tornate a ribollire, e a rinnovarsi ad ogni stupendo sms che ho ricevuto stamattina: e sono stati proprio tanti :°)

Davvero, oggi sono proprio emozionata. Mi fa effetto pensare di avere 27 anni: sembrano così tanti.. sembrano arrivati tutti di botto! Dove è finito il periodo in cui sembravano così lontani? quel tempo lontano in cui ne avevo ancora 17, e saltellavo felice sulla spiaggia a quest’ora ignara che un giorno avrei trovato il mio futuro ben lontana da dove ho vissuto la prima parte della mia vita… Penso che sia il primo compleanno in cui davvero mi fa effetto contare gli anni che ho! Che buffo.. comincerò presto anche io a fingere di averne di meno? ;D

Preda dei sentimenti di felicità e commozione di ieri sera, dei sentimenti di allegria per la consapevolezza che domani sera riabbraccerò mamma papà Fabio Renata e Donato, e sabato tutti gli amici di Savona, e dei sentimenti di riflessione dati dagli anni che passano, ho una grande certezza: ci sono tantissime persone che stanno rendendo meravigliosa la mia vita qui in Friuli, che rendono ogni giorno bello e pieno di emozioni belle, che mi fanno sentire benvenuta e non mi fanno mancare nulla, che mi hanno accolta con naturalezza tra loro e mi fanno sentire ormai a casa mia; ma soprattutto è una di queste persone la più importante, ad essere il motivo per cui mi sveglio sempre felice, sempre serena, tutto sommato sempre con il sorriso nel cuore…

Amore mio, è grazie a te che vivo ogni giorno serena e felice, che la vita è così bella, che ogni mattina aprire gli occhi è bellissimo, e tanto che lo è stato anche questa mattina nonostante il sonno atroce che avevamo… grazie, Fanciullino. :*)
Non solo grazie per ieri sera e per oggi: grazie per ogni giorno che mi stai donando insieme!
Evviva: evviva per il nostro primo compleanno insieme!!!

La strada dei ramarri e delle lumache.

Canti, Inconscio della Barda, Love, pensieri Commenti disabilitati su La strada dei ramarri e delle lumache.

Visualizzazione ingrandita della mappa
Lunedì mattina ho deciso, finalmente, di tirare fuori i rollerblade ed inaugurare la pista ciclabile che conduce da Basaldella a Campoformido. Sono partita da casa alle 9.30, con i pattini in spalla, approfittando del fatto che la temperatura, anche grazie alla pioggia di domenica, non era ancora insopportabile.
Sono uscita distrattamente, stanca e pensierosa, bisognosa anche dell’esercizio fisico come sfogo dei pensieri, e così ho dimenticato sia l’ipoddino con la musica (regalo verde di Bruno dell’anno scorso :°)) sia una bottiglietta d’acqua. Sono uscita alla ventura: guardandola dalla strada, passando con la macchina, la pista ciclabile sembrava buona, ma era tutto da verificare sul posto!

Da via Regina Elena si deve raggiungere a piedi l’inizio della pista. Infatti sino al Campo Sportivo di Basaldella c’è solo strada e un piccolissimo marciapiede, e dato che la strada tutto sommato è piuttosto frequentata e non molto larga non voglio intralciare mettendomi a pattinare tra le macchine. A piedi son solo 10 minuti sino all’inizio della pista: passi la chiesa, passi il cimitero, e subito sei al campo sportivo.
Calzati i pattini mi son messa subito a correre, bisognosa di esercizio fisico dopo troppo tempo ferma! La pista è piuttosto nuova, o piuttosto ben tenuta non so. Fatto sta è molto in ordine. Corre a lato della strada, separata dalla carreggiata da siepi e cespugli, e corre a fianco dei campi, dritta verso Campoformido. Il paesaggio è davvero stupendo, è una gioia per gli occhi!

Purtroppo la pista si interrompe appena all’altezza del cartello di Campoformido. La strada continua dritta verso la città, però anche lì non mi fido ad andare su strada.. sulla destra invece si dirige verso una zona residenziale, e poi si biforca ulteriormente: lunedì ho percorso un pezzettino di strada che in pratica è parallelo alla pista ciclabile e torna indietro verso Basaldella ma finisce in una zona industriale di capannoni. Un prossimo giorno voglio provare a vedere se percorrendo le vie giuste di quella zona residenziale posso raggiungere Campoformido tramite vie più sicure e meno trafficate!

Lunedì ho veramente esagerato.. il caldo, la debolezza e il sonno mi han fatto scontare la pattinata, e ho davvero fatto fatica a tornare in pattini sino all’inizio della pista. Appena salita in casa ero sull’orlo del collasso, ma molto soddisfatta di comunque avercela fatta!
Oggi ho fatto la seconda pattinata: ieri il lungo temporale estivo ha rinfrescato molto l’aria, quindi stamani a pattinare faceva quasi fresco! Mi son ricordata sia la musica sia l’acqua, e ho pattinato felice a buona andatura verso Campoformido. La strada però era piena zeppa di ramarri, grossi e di un bel verde brillante: si schivavano veloci al mio passaggio, ne avrò incontrati almeno una decina! E poi, soprattutto, un esercito di belle lumachine, povere.. loro non si schivano, e così sono diventata matta per non schiacciarle! Praticamente ho fatto lo slalom per parecchi pezzi di strada e vi assicuro che non è semplice O_o

Questa volta ero stanca già non appena arrivata alla fine della pista: la fatica dell’altro ieri si è fatta sentire, e anche il fatto di aver indossato dei calzini corti, lunedì: mi si è squartato un malleolo, ho un bel buco che si è allargato pattinando oggi e che ora dovrà guarire prima che io pattini di nuovo, accidenti :P
Al rientro ho fatto una prova: qualche metro su strada, giusto per arrivare dalla pista al Cimitero, e poi da lì una via interna che conduce tra le case sin davanti alla Chiesa! Così posso pattinare ancora un poco ma non su strada trafficata, e poi da lì mi levo i pattini e torno a piedi a casa :)

Sono molto soddisfatta. Se riesco ad andare tra le otto e mezza/nove e le dieci del mattino non patisco troppo il caldo, e posso fare un poco di allenamento mentre attendo di ricominciare qualche attività fisica con l’autunno :)
E poi Alberto ha detto che anche lui ha dei pattini *_* già mi immagino di pattinare insieme,e non vedo l’ora!!! :°)

La casa che cambia.

Canti, Love, We Are F&B Commenti disabilitati su La casa che cambia.

casuccia (5)Nella casetta di Basaldella le cose cambiano, cambiano continuamente! Tutto è un flusso, tutto scorre, nulla rimane com’è per più di due giorni! :) Sembra di stare nella Casa Che Cambia della Storia Infinita: si spostano piante e soprammobili, si inseriscono nuovi mobili e altri ancora cambiano posizione, cambiano le cose appese alle pareti, tutto si muove e sin sposta, cercando un giorno dopo l’altro la sua nuova sistemazione!

Nelle ultime due settimane, nelle quali ho latitato un po’ nello scrivere sul blog, gli eventi si sono susseguiti, densi e felici, e la casa ha continuato a crescere. Tutti gli scatoloni del trasloco, fatta eccezione per due scatole di libri, sono stati svuotati. Non immaginate con che soddisfazione ^_________^
Ho risistemato i contenuti degli armadi, e ora si possono archiviare con successo tutti i vestiti invernali nell’armadione bianco della cameretta, quantomeno finchè non cambiamo l’arredamento e la destinazione di quella stanza.

Abbiamo acquistato un mobile nuovo per la nostra stanza da letto, una cassettiera in venghè tipo settimanale, stretta e alta! Fa la sua figura, in camera, e ci ha permesso di mettere ciò che prima non ci stava lì, a portata di mano :)

L’ingresso è pronto: ridipinto di fresco fa la sua figura, e con il mobile in ferro battuto e legno accoglie in maniera davvero piacevole quando si entra in casa! Il prossimo step sarà ridipingere i muri lungo le scale, ma ci vorrà un po’ perchè questo weekend siamo impegnatissimi e il prossimo weekend scendiamo a Savona ;)

La cucina mi piace sempre di più! Certo, cambiare i mobili scegliendo tutto noi e prendendo tutto nuovo (abbiamo scoperto che la snaidero che c’è ora è del 1984.. insomma, piuttosto datata ;)) sarà stupendo, ma per ora l’abbiamo resa stupendamente vivibile,e con il frigo nuovo è perfetta! Oggi prenderemo il microonde, quindi cambierà ancora una volta la disposizione, ma poi dovrebbe essere a posto del tutto ^______^

Perfino la sala ora è pronta! Abbiamo buttato via le sei sedie vecchie e rotte, conoscendo così un persoanggissimo incredibile, il signore che lavora alla discarica, veramente un mito del Friulano Doc! Abbiamo comprato 4 sedie nuove, belle e semplici, nere in tessuto, fanno proprio una bella figura. Abbiamo preso un mini mobiletto tv all’ikea, e abbiamo finalmente messo su la tv/stereo/lettore dvd. Ora mancherà di trovare un bel mobile libreria da mettere nell’angolo, di fronte ai divani, ma non c’è per niente fretta e la stanza è lo stesso perfettamente pronta! :)

Insomma: la Casa che Cambia cambierà ancora per un bel po’, però penso che la fase di maggiore movimento sia ormai conclusa! E con gran successo :) La casa ci piace davvero tanto, siamo proprio contenti di come sta venendo ^_^
E tra un impegno e l’altro i giorni scorrono felici e densi di cose da fare, e io sono molto felice! Cercherò di scrivere di nuovo prima di partire per il prossimo weekend verso Savona, ma non è detto che lo farò! Questo weekend abbiamo il pranzo con la famiglia qui a casa domani, la cena con gli amici della pesca, e il raduno DL domenica: evviva ^_^

Ci sentiamo: buon weekend a tutti!!!