La casa delle Farfalle di Bordano.

Canti, Fotografie, Love, We Are F&B Commenti disabilitati su La casa delle Farfalle di Bordano.

170411_Bordano (89)Domenica 17 aprile era una calda e primaverile giornata di sole.
Alberto è parito presto per pescare, e rientrato a mattina inoltrata con una preda e un bel sacco di urticions: dopo averli puliti e lavati ci siamo fatti un’ottima frittata, abbiamo messo anche un po’ di pane, prosciutto e montasio in una borsa e ci siamo avviati verso il lago di Cavazzo per una bella gita! Dopo aver fatto picnic in un’ombreggiata area attrezzata in uno dei molti bellissimi luoghi di sosta sul lago ci siamo avviati verso Bordano, che io volevo visitare da molto tempo.

Pare infatti che nel comune di Bordano si sia creato negli anni un habitat particolarmente amato dalle farfalle, che quindi sono inclini a riprodursi e vivere in quelle zone; per onorarle il comune ha incentrato la propria “campagna immagine” sui coloratissimi insetti, per esempio dipingendo le facciate di molti edifici privati e pubblici con fantasiosi murales a tema.
A Bordano inoltre si trova la Casa delle Farfalle, una splendida serra dedicata prevalentemente ai bei lepidotteri che le danno il nome; pare tra l’altro che sia la serra più grande d’Italia! La struttura ospita un interessante museo che di anno in anno presenza mostre permanenti tematiche interessanti, sulla natura e non solo per quanto concerna le farfalle ma anche su temi più generali. Il mimetismo, i colori della natura e il mistero della riproduzione, per citarne alcuni presenti adesso.
170411_Bordano (57)Ci sono pannelli informativi davvero interessanti, video e sale didattiche pensate anche per i più piccini. La visita prosegue poi nelle enormi e splendide serre, dove è stato ricreato un habitat di foreste pluviali lussureggianti e stupende; ci si aggira in questi spazi ampi e suggestivi, percorrendo i sentieri tra le piante e gli alberi che crescono rigogliosi, e ci si può perdere nello stupore di essere circondati da così tante farfalle!!!
E’ davvero un’esperienza da provare: le farfalle sono numerosissime e volano per nulla intimorite in mezzo ai visitatori, posandosi sovente su una spalla, su una mano o sfacciatamente su una macchina fotografica. Lungo i sentieri sono state allestite alcune postazioni chiamate i bar delle farfalle, delle ciotoline di acqua e zucchero rese colorate da biglie luminose, che invogliano i lepidotteri a posarsi e suggere rendendosi così ancora più facilmente ammirabili dai visitatori – e anche comodamente fotografabili!
La descrizione non vale le emozioni provate a vivere di persona questa visita: si è letteralmente circondati di farfalle stupende, di mille forme colori e dimensioni, e scovarle posate su fiori e piante diventa un gioco divertente ed eterno! Io non sarei davvero più venuta via :)

Inframezzati alla visita delle serre ci sono anche dei brevi percorsi nei quali si visitano dei terrari e si possono ammirare altri animali, rettili insetti e pesci. Anche in questi casi i pannelli esplicativi sono ben realizzati, interessanti e ricchi di informazioni.
Noi abbiamo visitato tutto con calma godendoci anche la lettura di tutti i pannelli allestiti, e così alla fine siamo stati nella Casa delle Farfalle per quasi due ore e mezza! Decisamente i 7 euro del biglietto valgono un’emozione così unica e una visita così piacevole! Se ci si lascia catturare dall’atmosfera delle serre, sedendosi magari per una sosta su una delle belle panchine, si trasforma una gita in un pomeriggio bellissimo e ricco di ricordi ^_^

Anche la location dove si trova la Casa delle Farfalle è meravigliosa: racchiusa tra i monti ai piedi delle alpi è suggestiva e stupenda; c’è anche un Sentiero delle Farfalle da percorrere, ma ancora non ne so molto. Sicuramente è una meta dove tornare e portare gli amici in visita in Friuli, quindi cercherò di trovare ulteriori informazioni sul sentiero e sui dintorni! Intanto consiglio a chiunque non ci sia mai stato e ne abbia la possibilità di visitarla.

Di lavoro, traslochi e chiavi troppo corte.

Canti Commenti disabilitati su Di lavoro, traslochi e chiavi troppo corte.

Volevo partire a raccontare della Casa delle Farfalle di Bordano, della Pasqua o chessoio, e invece dopo la settimana intensa e la giornata folle di ieri penso sia giusto partire da quelle ;)

Questa settimana è stata corta, a livello lavorativo: il Lunedì dell’Angelo infatti è un giorno di festa, e siamo rientrati a lavorare martedì. Il tanto atteso trasloco degli uffici inoltre avrebbe avuto luogo il venerdì (ieri), accorciando ulteriormente i giorni lavorativi. Il problema è che la mole di lavoro era talmente tanta che semplicemente si è concentrata nei tre giorni rimanenti, rendendoli davvero frenetici! :D
Come risultato siamo arrivati a giovedì sera più o meno in pari con la richiesta di preventivi, ma stravolti!!!

Inoltre ormai la scadenza della nascita del nipotino Leoiccandro è passata, proprio con il lunedì di Pasqua: questo ha conferito e sta conferendo a ogni giorno un’atmosfera sospesa di aspettativa, per cui ogni squillo sul cellulare e ogni sms sono fonte di batticuore e di speranza! E ha anche popolato i miei sogni, oltre a rendere il weekend incerto: se il bimbo fosse nato giusto, Alberto ed io nel weekend saremmo scesi a Savona, quindi abbiamo atteso di sapere news fino a giovedì sera. Alla fine pare che il pupo sia pigro e voglia rimanersene al calduccio ancora un poco, quindi continuiamo ad aspettare e probabilmente scenderemo il prossimo weekend ;)

Insomma, venerdì mattina è arrivato con questa situazione: Alberto è partito prestissimo per andare a Trieste, a tenere un nuovo corso per tutto il giorno (anche oggi, povero). La Just in Time era chiusa per trasloco, quindi io ho potuto dormire un pochetto di più e quando mi sono alzata volevo sbrigare svariate faccende di casa e nel pomeriggio raggiungere Mara e Davide a Udine per dare una mano e vedere gli uffici nuovi!
Come una piccola trottola in poche ore ho fatto tantissime cose, e alle 15.20 ero prontissima a balzare sull’autobus per andare a Udine; avevo pure molte commissioni da fare, oltre alla visita “sul lavoro”. Peccato che un incredibile imprevisto mi attendeva… ho infatti trovato la porta chiusa a chiave: Alberto uscendo mezzo addormentato, al mattino, ha chiuso la porta con due mandate. E così ho scoperto mio malgrado che la porta blindata di Basalmansion NON si può aprire dall’interno! La chiave è troppo corta e non arriva a far scattare la serratura!!! Non vi dico l’incazzatura che mi è presa a trovarmi all’improvviso chiusa in casa. Ora a pensarci per fortuna mi vien da ridere, ma sul momento è stato tremendo! Senza contare che in caso di pericolo avendo tutte le sbarre alle finestre sarei stata davvero del tutto chiusa dentro O_o

A quel punto ho telefonato a Mara per avvisarla che essendo chiusa in casa non avrei potuto raggiungerli a Udine.. e per fortuna sono venuti loro a salvarmi: Davide si è presentato ancora ridendo nel cortile di casa, gli ho lanciato le chiavi dalla finestra e ha potuto aprirmi lui! Roba da chiodi, davvero ^_^°°°°°°°°°°
Ovviamente sarò sbeffeggiata in eterno per questo, mi pare giusto! XD

Risolto l’imprevisto del rimanere chiusi dentro casa propria sono andata con Davide a Udine dove abbiamo raggiunto Mara. In ufficio avevano già consegnato e montato le scrivanie e stavano ancora allacciando i vari cavi per la corrente e internet.
L’ufficio nuovo è davvero STUPENDO: è una palazzina su tre piani in Via Poscolle, all’angolo con una viuzza interna molto bella. Dentro gli interni sono di un palazzo storico quindi con tutti i pavimenti in legno, le travi a vista in ogni stanza e le pareti irregolari. Tutto imbiancato e intonacato, bianco luminoso, con grandi finestre con gli infissi di legno belle nuove; è un ambiente davvero accogliente e bellissimo, con le scalinate in legno anch’esse che conducono da un piano all’altro! Sono contentissima, sarà bello lavorare in un ufficio così bello e sciccoso! :D

Dopo aver trascorso un pochino di tempo con Mara e Davide mi sono avviata a fare le mie commissioni in città.. e anche se non sono riuscita a farle tutte avere l’occasione di fare due passi mi ha fatto piacere :)

Oggi mi illudevo di starmene a casa tranquilla e invece dovrò tornare a Udine di nuovo, così imparo a dimenticarmi delle cose importanti da fare :P
La settimana che viene si preannuncia densa come questa appena passata: ci sarà l’ambientamento negli uffici nuovi, l’aspettativa per il nipotino (si deciderà a nascere no?!) e quindi la calata a Savona, e poi giovedì 5 al mattino l’Arredopiù di Gemona ci consegna i mobli per la sala!!! Questo significa anche che martedì sera dobbiamo sgombrare la stanza, spostando divano e poltrone e tavolino e togliendo il tappeto e la tv.. insomma ci sarà da sgobbare! E giovedì sera al rientro ci sarà da pulire i mobili nuovi e da rimettere a posto quell’angolo di stanza.

Quante cose..! :)

Nel frattempo…

Canti Commenti disabilitati su Nel frattempo…

Nel frattempo….

c’è stato il bellissimo weekend a Bordano, alla casa delle farfalle.
c’è stata la Pasqua e la Pasquetta con famiglia e amici friulani.
c’è stato l’inizio della serie tv A Game of Thrones (la chiacchierata via email con Carlo mi fa venire in mente che ci starebbe un bel post per parlare di questa serie, visto che pare molto ben fatta).
c’è a breve il trasloco dell’azienda in Udine città.
tra poco nasce il nipotino (ti sbrighiiiiiiiii Leoiccandroooo????).

e io non ho avuto più tempo per postare niente di tutto questo.
Damn’it!
Se domani e sabato sono a Basaldella (e non a Savona per qualche novità dell’ultimo minuto) scrivo sul blog. Promesso! :)

Slumdog Millionaire • Danny Boyle

Canti, Film Commenti disabilitati su Slumdog Millionaire • Danny Boyle

Ieri Alberto ed io ci siamo riguardati un film che ci piace davvero molto, Slumdog Millionaire.
Ricordo ancora la prima volta che Alberto me l’ha mostrato, nel primissimo weekend trascorso insieme come fidanzati a Villa Vicentina :°)

E’ un film talmente bello che mi sento sempre di consigliarlo a tutti.
Trovo che la regia sia veramente perfetta, ogni volta che lo guardo la trovo migliore e mi piace sempre più; le musiche sono stupende e si fondono perfettamente con le scene, raccontando insieme alle immagini alcune parti della trama e completando le scene salienti; la storia è interessante, colpisce rapisce interessa coinvolge: giusto incontro tra realismo -fin troppo triste a volte- e un pizzico di sogno a portare il sorriso.

Quello che mi piace maggiormente è il trucco narrativo con il quale lo spettatore viene informato della vicenda, con il quale la storia è raccontata dall’inzio alla fine. Tutto nasce dalla domanda “come mai un ragazzo dei bassifondi, uno squattrinato, un pezzente di Mumbai sa le risposte del gioco?” e il motivo per cui egli sa ogni risposta alle domande che gli vengono fatte durante il quiz televisivo viene spiegato attraverso dei flashback, tramite i quali la sua vita viene raccontata senza veli: uno specchio su una realtà di baraccopoli, di povertà, di miseria che spesso vorremmo far finta non esista – e che il regista invece ci ricorda con serietà, non con esasperazione, e a volte con un po’ di malinconia -ma mai con ostentato buonismo nè con sbandierata indignazione.
La frequenza dei flashback diminuisce man mano che il film prosegue, sino a lasciarci ormai completamente coinvolti dalla trama, ansiosi di sapere come possa andare a finire questa vicenda così umana e così avvincente.

Jamal Malik è il protagonista del film, legato da sempre all’amica Latika con cui ha condiviso tanto nei momenti più duri della vita, e che la vita con tragicità continua ad allontanare da lui.
Non so se si possa definire un film su una storia d’amore, nè un film sulla morale che quando si desidera tanto una cosa, nella vita, si deve lottare sino alla fine senza mai demordere.
O se più sempilcemente è un film sulla vita stessa, ed è per questo che è un film tanto bello e tanto straordinario.

Avrei paura di spoilerare, a continuare a dilungarmi sul film. Fare una recensione senza spoiler non è così semplice, e tutto sommato ho già scritto quello che mi interessava sottolineare degli aspetti del film. Non posso che lasciarvi alla visione, e invitarvi a scrivermi i vostri commenti su quest’opera di Danny Boyle.

Insomma: se non l’avete mai visto rimediate subito, questo è il mio consiglio :)

Qualche aggiornamento.

Canti, Inconscio della Barda, Love, pensieri, We Are F&B 6 Comments »

Ed eccoci come per magia a metà aprile. Ridi e scherza sono sempre meno le occasioni in cui ho il tempo di scrivere sul blog per raccontare semplicemente della quotidianeità e di come va.. Addirittura è pure un sacco di tempo che non ho nemmeno occasione di scannerizzare il diario di D&D e postare la continuazione dei racconti -_- Così eccomi qui a raccimolare qualche minuto per raccontare qualcosa, che qui i giorni scorrono, gli amici lontani si chiedono come va e io non ho  mai il tempo di scrivere un po’ di email come si dovrebbe; e allora scrivo qui, così chiunque sia interessato può leggere di come sto ;)

Va tutto bene. ok chiuso, punto, a capo, pubblica, fine post.. no vabbè dai era una battutona. No dico, va tutto davvero bene qui :) Marzo è davvero volato come mese, caspita! Tra la visita dei miei e quella di Marie, e considerando le settimane davvero stra impegnate al lavoro, non mi sono accorta dello scorrere del tempo e in un batter d’occhio Aprile era già iniziato. Al lavoro i ritmi sono stati spesso molto serrati, il che non è assolutamente un male anzi! Le giornate volano rapide, prendo dimestichezza con il settore lavorativo e mi diverto un sacco. Magari a sera a volte sono un po’ stanca, ma sempre soddisfatta. Tra pochissimo poi ci sposteremo di sede e andremo in centro e questo per me sarà un bel passo avanti nella qualità della vita: perderò molto meno tempo nei viaggi verso il lavoro, sarò in centro con tutti i negozi a portata di mano quando finisco, insomma sarà davvero molto più comodo e penso mi troverò ad avere un poco di tempo libero in più :) Mi sto già pregustando il momento! :D

La vita a Basalmansion prosegue serena: Alberto è ben più carico di lavoro di me e quindi di conseguenza più stanco. Questo sabato per esempio dovrà di nuovo lavorare, al mattino :( Lo scorso weekend invece domenica è andato a pescare e ha catturato la prima trota della stagione, che abbiamo pappato fritta: gnam! La nostra quotidianeità è bella e stupenda come sempre; anche quando torniamo a casa stanchini e magari non prestissimo troviamo il tempo di cucinarci una bella cenetta, poi ci guardiamo un film o delle puntate di serie tv, stiriamo se ce n’è bisogno oppure leggiamo. Insomma tutto a gonfie vele!

Continuiamo il venerdì a far visita ai nonni, anche se da un po’ Alberto ha lezione fino alle 1830 e quindi non riusciamo a visitare tutte e due le famiglie in una volta sola. Facciamo una settimana a testa, ma almeno salutiamo bene i nonni e poi abbiamo il tempo di andare a cenare a Villa dai genitori :)
Trascorreremo Pasqua in Friuli, per poter stare un poco di più con i famigliari di qui, già che a Natale siamo stati a Savona. Così scenderemo in Liguria da lì a poco per la nascita del tocchino, che al momento chiamo Leoiccandro, e che dovrebbe nascere proprio il Lunedì dell’Angelo! Siamo tutti decisamente trepidanti per il lieto arrivo e non stiamo più nella pelle: sarà bellissimo ^_^

Basalmansion continua a cambiare. Dopo l’arrivo della porta a libro, la sistemazione del problema dell’acqua e il rinnovo di parte dei rubinetti dei bagni il momento della sala è giunto: abbiamo approfittato di una campagna promozionale indetta dall’Arredo Più di Gemona, dove prendemmo la camera da letto l’anno scorso.
Sabato siamo andati presso la loro sede e con un incontro di un paio d’ore abbiamo progettato l’angolo salotto della sala esattamente come lo desideravamo noi! :D è stato molto divertente, e tutto sommato con lo sconto applicato il prezzo è ragionevole.
Ora dobbiamo aspettare un mese per avere i nostri bei mobili nuovi, e già non vedo l’ora!!! Mi piace davvero molto quello che abbiamo scelto, sono trepidante! Che altro dire? Insomma tutto sommato un po’ di cose le ho raccontate. Accontentatevi ne ;D

Fanciullino&Bimbaverde in visita ai Castelli Aperti in Friuli

Amici, Canti, Fotografie, Love, We Are F&B Commenti disabilitati su Fanciullino&Bimbaverde in visita ai Castelli Aperti in Friuli

Quando venne a trovarci Anna a inizio anno scoprimmo che ad aprile si sarebbe tenuta una nuova edizione di un evento chiamato Castelli Aperti in Friuli, organizzato dal Consorzio per la Salvaguardia dei Castelli Storici del Friuli Venezia Giulia.
Ho così scoperto che molti dei bellissimi castelli, ville e palazzi presenti sul nostro splendido librone relativo ai castelli del Friuli e della Slovenia sono privati, e pertanto generalmente chiusi al pubblico. Due volte l’anno, a primavera e in autunno, aprono per un weekend e permettono la visita a chi sia interessato. Erano due-tre mesi che mi pregustavo l’arrivo del weekend del 2-3 aprile proprio per questo motivo!

2aprile2011 (23)

Abbiamo quindi deciso che avremmo sfruttato il weekend per visitare qualcuno dei castelli presenti sul volantino della manifestazione; erano segnate alcune attività parallele all’evento, quali piccole mostre di prodotti di artigiani locali, dimostrazioni di attività medioevali (tiro con l’arco, falconeria..) e alcune invece a tema culinario (degustazione di vini o di cibi tipici). Devo dire che quantomeno nei castelli che abbiamo visitato noi quella parte è stata un po’ deludente, mi immaginavo qualcosa di più corposo.. e per esempio non sono segnati gli orari di queste attività, quindi per quanto noi a Villalta siamo stati in visita non abbiamo visto traccia della manifestazione dei falconieri, nè abbiamo visto che gli orari fossero segnati da nessuna parte. I castelli inoltre hanno seguito degli orari di apertura che prevedevano una pausa pranzo, il che spezza un po’ la giornata per chi voglia organizzarsi per vedere più castelli possibile.
Pro manifestazione invece posso dire che le visite guidate organizzate erano molto frequenti dato l’alto numero dei visitatori, e partivano ogni mezz’ora riuscendo a soddisfare tutti i presenti. Pro e contro, insomma, come sempre :)
Di contro posso far notare che il prezzo del biglietto, 6 euro per ciascun castello, è veramente un furto..

Il weekend è stato davvero ottimale per un evento come questo: il sole ha scaldato sia sabato sia domenica regalandoci due giornate quasi estive, si stava davvero una meraviglia e stare all’aria aperta era un piacere a lungo desiderato, dopo l’interminabile inverno *_*
Sono davvero molto soddisfatta: avrei visto volentieri più castelli, sfruttando anche le due mattinate che abbiamo vissuto in altro modo, ma anche così è stato stupendo: non vedo l’ora di avere di nuovo l’occasione per vedere i castelli che non abbiamo ancora visitato :D

3aprile2011 068Sabato mattina, infatti, Alberto povero è dovuto andare a Trieste a lavorare sino all’ora di pranzo. Io mi sono alzata con lui (sigh sob alle 7 anche di sabato!) e ho approfittato per pulire casa (che era decisamente.. non commentiamo va :P) mentre aspettavo che Marcella venisse a Basalmansion! Quando è arrivata siamo andate insieme a fare due passi e shopping al Città Fiera: che bello trascorrere del tempo insieme dopo così tanti mesi lontane :°) a pranzo Alberto ci ha raggiunte, e dopo una buona pappa al ristorante cinese e un caffè a casa ci siamo avviati tutti e tre insieme verso uno dei castelli aperti per la manifestazione: il Castello di Villalta!
Siamo arrivati proprio poco prima della partenza di un nuovo tour guidato, al quale abbiamo potuto unirci: è stato un bel giro, una visita di quasi un’ora nelle sale del castello. Davvero molto bello, merita la visita pur al costo spropositato del biglietto; vale la pena, per chi possa andarci in futuro sicuramente lo consiglio!
Conclusa la visita abbiamo visitato le attività annesse e citate dal volantino, non eccessivamente interessanti per noi, e siamo rimasti un po’ tristi di non veder traccia di falconi o falconeria.. non avevamo purtroppo abbastanza tempo per una seconda visita a un castello del circuito, dato che a cena saremmo dovuti andare al raduno dei pescatori a Gorizia :)

La cena è stata piacevole: abbiamo potuto rivedere anche Beppe (che di giorno era in Slovenia a pescare!) e io ho potuto trascorrere la serata chiacchierando con Marcella. Probabilmente infatti fino a maggio non ci rivedremo, quindi abbiamo sfruttato il più possibile il tempo insieme!

La domenica mattina Alberto è andato a pescare, e io ho approfittato per riposare un poco di più e per mettere online un po’ di fotografie del weekend precedente.
Dopo il pranzo e un po’ di pausa relax siamo nuovamente usciti in caccia di castelli: la giornata era splendida e soleggiata come la precedente, veramente una meraviglia! Abbiamo scelto due castelli vicini: Il Castello di Cassacco e VillaFredda!
Ci siamo avviati prima a Cassacco, arrivando anche in questo caso poco prima di un tour guidato: così abbiamo potuto attendere solamente pochi minuti di fronte al castello prima di partecipare alla visita!
E’ stato interessante, il castello è molto bello. Siccome abitato ovviamente non si può visitare ogni stanza, però è davvero carino e merita la visita :)
Finita la visita abbiamo approfittato dello stand di ciberie friulane.. peccato non fosse l’ora appropriata per un po’ di frico ;) io ho preso una fetta di ottima torta al cioccolato e Alberto del buon Verduzzo, e poi abbiamo osservato incuriositi le opere di calcografia artistica: la stessa autrice ce ne ha descritto il metodo e la procedura, è stato molto interessante :)

Sempre sotto un caldo e splendido sole ci siamo avviati a Villafredda. Qui nonostante ci avessero detto che a breve sarebbe partita una visita guidata abbiamo dovuto aspettare un poco di più, e poi solo per fortuna quando ormai ci eravamo avviati a visitare la villa da soli abbiamo visto il gruppo partire, così ci siamo uniti e abbiamo ascoltato uno dei proprietari della Villa raccontare fatti e curiosità sulla proprietà e sulla storia del palazzo. E’ stata interessante e curiosa anche questa visita; abbiamo concluso la giornata passeggiando anche sulla via del Borgo di VillaFredda, la quale però mi ha leggermente delusa perchè immaginavo che conducesse davvero a un borgo medioevale invece finisce praticamente subito in una zona residenziale di villette e campi.. per carità, è stupendo: la viuzza antica costeggia i campi e ci sono un paio di scorci splendidi.. ma speravo in qualcosa di più :)

Insomma, il nostro weekend per castelli è stato davvero stupendo: mi ha ancora accresciuto la già forte voglia di primavera, voglia di girare il Friuli in lungo e in largo, voglia di scoprire posti stupendi come quelli visitati in questi due giorni e di godermi la primavera con camminate, escursioni e passeggiate! :D

Fanciullino&Bimbaverde • weekend con Marie

Amici, Canti, Fotografie, Love, We Are F&B Commenti disabilitati su Fanciullino&Bimbaverde • weekend con Marie

P. “We are really looking forward to see you and spend time with you, and we hope you will come soon visiting us here in Udine and be our more than welcomed guest :)”
M. “Oh yes, i would be so happy to see you. Lets see in March or April ok?”
Un’ora dopo:
M.“Hey i just did chek how to come to your place… The best way is easyjet to Venezia and the the train to Udine, isn’t it? The best departure prices are one tuesday…not so good for you i guess… Let me know.”
Poco più tardi quello stesso giorno:
M. “I have bought my flight tickets: I will arrive at Udine on the evening of 24.03 and depart on 27.03!”
P&A “!!!! :D”

Marzo2011 Aquileia (18)E così, quasi all’improvviso e con nostra grandissimissima gioia, Marie ha colto al volo un invito e un’occasione di offerte Easyjet e ha comprato i biglietti aerei per venirci a trovare! Per fortuna ha scelto delle date in cui noi saremmo stati liberi e tutto è stato organizzato benissimo; non ci vedevamo dal settembre 2009, quando Alberto ed io andammo in visita a Basilea e così io e Marie ci incontrammo per la prima volta. Dopo un anno e più di conversazioni via email finalmente ci siamo reincontrate, ed è stato davvero bello!
Alberto ed io siamo stati davvero tanto felici di averla qui ospite da noi :)

E’ arrivata giovedì 24 marzo a sera, con un volo che purtroppo aveva un po’ di ritardo: ci siamo ritrovati in aereoporto, felicissimi di riabbracciarci, e chiacchierando fittamente abbiamo affrontato il viaggio in macchina da Marco Polo a Udine! Marie parla francese, tedesco e inglese, nonchè un poco di spagnolo: è stato un bellissimo weekend tutto parlato in inglese!
Venerdì mattina si è alzata con noi, accettando di “subire” i nostri orari lavorativi; dopo avermi accompagnata in ufficio Alberto ha accompagnato lei in centro Udine, per permetterle di visitare la città mentre lui teneva lezione. Dovendo spostarsi a Trieste per un’altra lezione pomeridiana ha potuto portarla con sè anche lì, dandole modo di visitare anche la bella città sul mare :)
A sera ci siamo ritrovati tutti a casa -stanchi chi per il lavoro chi per la giornata da turista! Una bellissima cena tutti insieme e poi abbiamo trascorso la serata spaparanzati sul divano, con una bella tazza di tisana bollente, a guardare le bellissime foto di Marie delle sue vacanze a Cuba! Una serata rilassante, in previsione delle giornate attive da turisti che avremmo trascorso nel weekend!

Marzo2011 Aquileia (39)Sabato il tempo ci ha concesso qualche momento di sole prima di rannuvolarsi un po’ nel pomeriggio: al mattino abbiamo portato Marie a vedere Aquileia! Abbiamo visitato la Basilica, comprese le cripte affrescate.. è stato bello visitarle di nuovo dopo tanto tempo; poi abbiamo deciso di fare una follia e abbiamo salito i ripidissimi e faticosissimi gradini della torre campanaria poco prima dell’una, rischiando il rintocco di campana, e abbiamo ammirato il panorama (cercando di riprendere fiato); abbiamo mangiato in trattoria, nel posto dove tanti anni fa mangiammo dopo aver visitato Aquileia la prima volta, nel 2006, Al Morar!
Dopo pranzo ci siamo spostati verso il mare, che Marie desiderava vedere il più possibile, e abbiamo passeggiato a Grado. Sul lungomare faceva freschetto, perchè soffiava un forte vento. Nel pomeriggio inoltre il tempo è peggiorato, quindi girare il centro storico un poco più riparato è stato gradevole :)
In serata siamo tornati a casa dove ci aspettavano i preparativi per la cena: sono venuti Paola e Antonio e Marco e abbiamo mangiato tutti insieme, chiacchierando tutta la sera e ridendo sino allo sfinimento! E’ stata una serata bellissima, e ci siamo davvero divertiti moltissimo! Abbiamo anche scattato una foto ricordo :D

Domenica
Marie aveva l’aereo al Marco Polo in tarda serata, e questo ci avrebbe permesso di avere un’intera giornata di visita a Venezia, come da lei richiesto! Alberto ha approfittato dell’apertura della pesca e di mattino prestissimo è uscito di casa, mentre noi dormivamo ancora, per poi rientrare più tardi in mattinata. Così tra una cosa e l’altra (doccia, colazione, valigia, viaggio) alla mezza eravamo a Venezia!
Ci siamo fermati quasi subito per mangiare, data l’ora; purtroppo non abbiamo trovato aperto il ristorantino che Marco la sera prima ci aveva consigliato (sigh!) ma ci siamo fermati in un altro sulla stessa via e siamo davvero cascati bene! Ai Tre Archi mi pare si chiami.. c’erano alcuni residenti e non solo turisti seduti ai tavoli, e questo già di per sè è un buon segno! Abbiamo mangiato davvero benissimo, è stato un ottimo pranzo :)
Abbiamo poi passeggiato per tutte le restanti ore del giorno per Venezia, scattando foto e chiacchierando; credo che Marie sia stata proprio soddisfatta! Lei ama l’architettura di una volta, i palazzi in stile ma rovinati dal tempo e decadenti, e Venezia pare l’incarnazione di queste caratteristiche ;)

Nonostante il tempo non fosse dei migliori, bensì nuvolosissimo e a tratti minaccioso di pioggia, ci siamo goduti la giornata. Verso le sei ci siamo avviati verso la macchina, per accompagnare Marie all’aereoporto con un poco di anticipo rispetto al volo.
E’ stato un peccato salutarci di già: quando si sta bene insieme il tempo vola proprio. Ma con un poì di fortuna ci rivedremo presto, se Alberto ed io andiamo a Basilea per il ponte del 2 giugno ^_^