day five: one day at Metropolitan Museum of Art

America, Canti, vacanza, Viaggi, We Are F&B Commenti disabilitati su day five: one day at Metropolitan Museum of Art

Ciao mamma, che stanchezza! Stamattina sono partita un po’dopo rispetto a ieri e ho trovato stavolta senza difficoltà la stazione della metro. Il viaggio verso nord é andato bene, ho scambiato due parole con una signora seduta vicino a me che poi si é stupita che io non fossi di New York! Ottimo, obiettivo mimetizzazione con fauna locale raggiunto.

Scesa dalla metro ho raggiunto in pochissimo tempo il Metropolitan Museum of Art.. le cui dimensioni sono sbalorditive già dall’esterno!
Ho iniziato metodicamente la visita, area per area. Avevo già preso la saggia decisione di rimanerci tutto il giorno, così son stata dentro dalle 10.30 alle 16.45 pause comprese. Uaooo! Ho visto quasi tutto quello che mi ero prefissata. Purtroppo l’area sul Giappone era chiusa, mi é proprio dispiaciuto. E non ho trovato anche l’Annunciazione del Botticelli che volevo vedere.

È stato bello perché il museo non si è riempito sino al pomeriggio, perciò al mattino mentre girellavo le sale dei pittori europei da me amate non c’era quasi nessuno :)

Ti mostrerò con le foto ciò che ho visto.
Alle quattro ero stravolta. Mi sono accordata con Alberto e il prof per incontrarci al Central Park, che é dietro al museo, ma siccome é enorme ho dovuto camminare quasi tre quarti d’ora per raggiungere l’angolo migliore dove incontrarci.

Abbiamo passeggiato a lungo godendo il fresco degli alberi e il tramonto e scattando foto :)
Poi abbiamo cercato un posto dove mangiare e siamo finiti in un ristorante messicano!

Siamo rientrati con la metro.. da sola di notte non lo farei, ma avevo due valenti guardie del corpo ;)
Ora crollo dal sonno.. domani vedrò il Museo americano di storia naturale ma aspetterò i miei due compari al pomeriggio, perciò ho la mattina libera!

Buona notte mamma, o meglio.. buon risveglio!

P.

day four: the long walk!

America, Canti, vacanza, Viaggi, We Are F&B Commenti disabilitati su day four: the long walk!

Ciao mammina,
Anche se finalmente ci siamo sentite un po’ al telefono non vedevo l’ora di scriverti per raccontarti le mie avventure di oggi.Essendo andati a dormire molto presto ieri sera alle 6 di questa mattina ero già sveglia. Quando Alberto è uscito per andare al convegno alle 7.30 ho approfittato per fare doccia, shampoo e toeletta con calma.

Quando mi sono avviata fuori dall’albergo avevo il batticuore dall’emozione. Infatti ho sbagliato strada due volte mentre cercavo la stazione della metropolitana. In un modo o nell’altro ce l’ho comunque fatta e sono salita sulla linea 5 in direzione nord. La metro era mezza vuota e così ho potuto sedermi serenamente e approfittare del viaggio per guardare gli altri passeggeri. C’è gente veramente di tutti i tipi in questa città! 

Sono scesa alla mia fermata e ho avuto non poche difficoltà ad orientarmi. Sul momento ho sbagliato strada due volte finché mi sono ritrovata. A piedi ho raggiunto il Moma, museo d’arte moderna. Una meta che di per sé non mi avrebbe mai attirata ma essendo compresa nel mio citypass andava visitata.
Sono entrata proprio all’orario di apertura e non ho fatto nessuna coda, che fortuna! Sono andata dritta al piano in cui si trovano le poche opere di mio interesse: 4 quadri di Monet, di cui 2 enormi, un paio di Van Gogh, fra cui la notte stellata, qualche Picasso, e un Gaugin.
Visti quelli il resto non era di mio gradimento; ho lo stesso percorso tutte le varie sale ma l’unica opera che non mi ha fatto storcere del tutto il naso era un’opera futurista di cui non ricordo il nome.

Uscita dal Moma mi sono diretta (non senza problemi) al Rockefeller center per prenotare la mia visita all’Osservatorio Top of the Rock, al 70′ piano! Ho avuto un po’ di tempo prima della salita che ho sfruttato per ficcanasare nel negozio del Metropolitan Museum of Art (che visiterò domani).
Ieri ero rimasta attratta dalle vetrine in cui erano esposti oggetti decorati con soggetti di quadri famosi; ho acquistato una tshirt di Monet e due foulard di seta di Tiffany. Uno dei due potrebbe essere un bel sovenir per Renata.

La visita all’Osservatorio si è rivelata molto più interessante del previsto: ci hanno raccontato della costruzione del palazzo (hai presente la famosa foto degli operai seduto sulla traversina sospesa nel vuoto?) e ho potuto ammirare dall’alto la città. Rispetto all’Empire si è più in basso ma la vista su Central Park è indimenticabile. 
All’uscita ho cominciato a percorrere verso sud la famosa Fifth Avenue, facendo tappa come già sai alla famosa libreria pubblica. Nel frattempo Alberto si era liberato e ci siamo incontrati in Union Square.

Il mal di schiena mi stava tormentando ma la Neocibalgina portata da Alberto mi ha salvata.
Abbiamo continuato a discendere Manhattan, attraversando Little Italy e Chinatown: che bello! Quando siamo rientrati in albergo avevo percorso a piedi una decina di km! Riunitici col prof siamo andati a cena: finalmente mi sono presa una bella bistecca! Il mio limite di sopportazione dell’aria condizionata dei locali è esaurito. Sono stufa di avere freddo mangiando!

 Questa email è gentilmente offerta dalle Dattilografie Riunite Dreassi, perché io sono troppo stanca anche per scrivere! Cercherò di telefonarti dall’albergo domani mattina, sperando che la carta funzioni…
Domani mi aspetta la vista di due musei bellissimi: ti racconterò! Buonanotte e un bacione, e un miao miao alle micine! Paoletta.

day three: rain and walks in Manhattan :)

America, Canti, vacanza, Viaggi, We Are F&B Commenti disabilitati su day three: rain and walks in Manhattan :)

Ciao mamma! 
Eccoci alla terza sera nella grande mela :)La notte é andata meglio, anche se avendo cenato poco prima di andare a dormire ho fatto sogni stranissimi.. soffro ancora abbastanza il jet lag e sono tutta sballata! Alle otto, quando é suonata la sveglia, pensavo di impazzire :P

Non abbiamo fatto colazione in albergo e siamo subito partiti in direzione Uptown per visitare l’Empire State Building.
Ho chiesto di prendere la metropolitana, in modo da vedere bene come funziona e farmi passare la paura, per quando dovrò prenderla da sola.. anche se il Prof preferisce viaggiare in taxi ha acconsentito!
Abbiamo un ingresso per la linea verde (che da dove siamo noi porta a nord) non distante dall’albergo. É veramente brutta. .. è sporca, vecchia, fatiscente e caldissima! E poi nel treno inveve si muore di freddo :(
Però ora mi sento più tranquilla, forse domani la prenderò.
Quindici minuti dopo circa eravamo alle porte dell’altissimo Empire S B.Il prof M non aveva interesse a rivederlo, quindi siamo andati solo Alberto ed io.Non abbiamo fatto assolutamente coda! Che fortuna :)

Il tempo era nuvoloso e fosco purtroppo, ma comunque la vista é incredibile! Fa molta impressione, devo dire, e l’altezza unita al lieve oscillare del palazzo fanno girare la testa! Io ho usufruito di una bella audioguida (avendo un pass prepagato che ho acquistato per visitare le principali attrazioni) che si é rivelata interessante: ho potuto condividere con Alberto le informazioni che mi dava sui palazzi e i quartieri della città!Al termine della visita, dopo aver anche acquistato qualche souvenir, raggiunto il Prof siamo andati a fare il giro guidato in bus che avevamo prenotato ieri.Peccato che fosse solo il giro di Lower Manhattan, la zona sud.. però é stato bello!
Eravamo pochi, la guida ha raccontato alcune cose e abbiamo visto dall’alto del pullmann a due piani diverse vie che avevamo percorso il giorno prima e diverse altre nuove.Durante la gita ha iniziato a piovigginare, così quando abbiamo finito ci siamo rifugiati in un locale a pranzare, attirati dal nome BBQ e dalla voglia di carne. Abbiamo mangiato benissimo ma usano troppe, troppe salse. Inutile specificare che abbiamo deciso che non avremmo cenato! Peccato non avere altre dieci persone da portare lì: su prenotazione ti cucinano un maiale intero!!!

A piedi poi abbiamo raggiunto il famoso Rockefeller Center. Ci sono infiniti negozi e zone di questo centro, che si sviluppa su diversi isolati, che non abbiamo.visto naturalmente.. io tornerò, forse già domani! La tappa al negozio del Lego é stata simpaticissima!Avremmo voluto vedere molte altre cose, ma volevamo anche rientrare prima per andare a fare la registrazione formale al convegno che inizia domani.

Abbiamo allora percorso la famosa Park Avenue verso sud fino a visitare la Grand Central Terminal, la famosissima stazione di NY che si vede in un sacco di film :)Dopo una pausa per un thè e una fetta di torta nel bar di fronte alla stazione abbiamo preso un taxi per andare all’università del convegno. É meglio se non ti dico come guidano in questa città…Siamo arrivati vivi, cosa di cui un po’mi stupisco ogni volta, ma l’orario per la registrazione era passato. Dovranno farlo domani mattina.
Si é rimesso a piovere e sotto la pioggia siamo rientrati in albergo, dove ci siamo salutati nonostante fossero solo le sei! Siamo stravolti. Ora sono le otto di sera e penso che andremo a dormire tra poco ;) Devo decidere le mie mete di domani, ancora non so a cosa dare precedenza! Mmmm… boh!
Faccio fatica a ragionare dal sonno perciò spero che nella mail non ci siano troppi strafalcioni o incoerenze ;) 
Ci sono tante cose da raccontare! La città, le persone, le voci, gli odori (la città puzzaaaaa)… ti racconterò maggiori dettagli dal vivo.Abbiamo comprato una scheda telefonica. Domani mattina, per te pranzo, proveremo a chiamare. Ma se hai programmi che ti portano fuori casa a pranzo non preoccuparti! :)

Ok mi arrendo al sonno… buonanotte mammina! Grazie delle tue risposte via mail e sms :)Un bacione!  P.

America -sabato 27 luglio

America, Canti, vacanza, Viaggi, We Are F&B Commenti disabilitati su America -sabato 27 luglio

Ciao mamma, finito il primo giorno intero di permanenza a Ny ti scrivo questa seconda email :)
 Questa notte abbiamo avuto problemi a dormire, per via del fuso orario. Speriamo sia meglio la prossima notte! Alla fine abbiamo deciso di lasciar perdere e di uscire un poco, così alle sette e mezza Alberto ed io siamo usciti. C’era già vento e la temperatura era bassa, quindi ci siamo goduti il caldo del caffè americano che abbiamo ordinato allo Starbucks!
Che ora che ho finalmente assaggiato questa brodaglia non lo ordinerò mai più :P

Abbiamo fatto un giro del quartiere, ritrovando alcuni posti visti la sera prima e andando alla ricerca del famoso toro di wall street. Non abbiamo potuto scattare la tradizonale foto ricordo col toro perché un gruppo piuttosto nutrito di turisti orientali ci aveva preceduto, perciò abbiamo scattato una foto atipica con il retro della statua!

Rientrati in albergo per la colazione abbiamo scoperto che si tiene al ventesimo piano su una terrazza; é molto bello, ma é troppo cara. Non lo rifaremo.
Da lassù si vedono i lavori che proseguono al Ground Zero. Una delle due vasche memorial, che sorgono al posto delle fondamenta delle Torri gemelle, é già completata e molto suggestiva!Siamo usciti tutti e tre verso le nove e un quarto e abbiamo risalito la famosa Broadway verso nord.

Ci siamo fermati a vedere e fotografare alcuni palazzi e parchi, poi abbiamo provato a seguire i suggerimenti della guida per visitare il quartiere chiamato Soho. Le attrazioni principali sono le facciate in ghisa e ferro battuto di alcuni palazzi, tutte invase dalle scale esterne metalliche con cui salire e scendere in caso di incendio, come si vede nei film! Non é stato proprio un itinerario indimenticabile, ma ci siamo divertiti.Abbiamo poi proseguito lungo la Broadway, e deviato verso ovest verso il Washington Square Park. Bello! C’erano persone che prendevano il sole, che giocavano, riposavano e praticavano skateboard a seconda delle età. 
C’é una bella fontana in cui molti si rinfrescavano e il famoso arco bianco che identifica il parco.
Il nostro piano era di prendere il traghetto per la crociera intorno a tutta l’isola a mezzogiorno e mezzo, perciò per raggiungere il punto di partenza abbiamo preso un taxi. Ho provato a pagare con la carta di credito ma non ha funzionato e abbiamo pagato in contanti. Speriamo non mi abbia gabbata facendomi pagare due volte.Abbiamo preso il traghetto e iniziato il giro.

È molto bello vedere l’isola da fuori e si passa anche vicino alla statua della libertà! Purtroppo quando stavamo per circumnavigare l’isola non ci hanno permesso il passaggio vincolato dall’apertura di un ponte e dopo aver atteso inutilmente mezz’ora siamo tornati indietro :( abbiamo perso un’ora e mezza purtroppo e non abbiamo visto dall’acqua la parte nordovest di Manhattan! Che peccato..Scesi a terra abbiamo percorso la 42esima strada fino alla famosa Times Square.. quante persone mamma, quanta gente!

Abbiamo camminato molto per vedere tutto il possibile, ma gira la testa tra tutte quelle persone e negozi e rumore e odori e insegne luminose.. difficile descrivere la sensazione. Sono andata all’Hard Rock Cafè e ho preso sia la maglia per Fabio sia una maglia per me!Abbiamo anche provato a visitare la Biblioteca famosa della città, che é quella in cui all’inizio del film Ghostbusters vanno a provare a prendere il fantasma di donna che legge nel corridoio, hai presente? :)

Purtroppo era già chiusa, cercherò di tornarci da sola.Volevo tanto provare a visitare al crepuscolo l’osservatorio all’86 piano dell’Empire State Building ma ci siamo fatti dissuadere dalla coda.. uff. Spero tanto di farlo domani, mi spiacerebbe farlo da sola.
Abbiamo preso un taxi e ci siamo lasciati alle spalle la zona centrale di Manhattan per dirigerci al South Street Seaport a cercare una cena a base di pesce. Abbiamo trovato posto in un locale chiamato Pacific Grill dove abbiamo mangiato davvero benissimo! Peccato che io stia patendo così tanto il freddo.. la sera c’é vento e scende molto la temperatura, e nei locali fa sempre troppo freddino! Ho infilato la maglia nuova sotto al maglioncino e ho avuto ugualmente freddo :(

É stata una giornata lunga e intensa. Domani avremo ancora molte mete da raggiungere!Come state lì a casa? Vi penso tantissimo! Buona notte.. o meglio: buongiorno! 

mail dall’America alla mamma. prima sera!

America, Canti, vacanza, Viaggi, We Are F&B Commenti disabilitati su mail dall’America alla mamma. prima sera!

Ciao mamma, come ripromesso prima di andare a dormire voglio scriverti.

Stasera scriverò poco, perché il lungo viaggio e il fuso orario non contribuiscono a rendermi lucida. Sono molto stropicciata!Il primo volo da Venezia a Zurigo é stato breve ma non indolore. Non ho preso pastiglie ma ho sofferto da matti! Poi abbiamo avuto giusto il tempo necessario per sbarcare, superare i controlli e reimbarcarci.

L’aereo per New York é decollato con un’ora di ritardo per colpa di una famiglia che non aveva i documenti corretti per gli USA.. e i cui bagagli erano in stiva ovviamente! Hanno provato ad aiutarli procurando i documenti in urgenza ma alla fine, dopo un’ora, siamo partiti senza di loro.

Il volo é eterno. Ma é andato bene, anche se alla fine avendo finito l’effetto della xamamina ho sofferto molto, davvero molto, l’atterraggio.Superati i controlli abbiamo preso un taxi ma ci siamo molto innervositi perché non era un taxi ufficiale. E l’autista non era nemmeno uno dei sette sapienti, come dice Alberto ;) pazienza, siamo infine arrivati in albergo.

La stanza é piccola ma confortevole, con un bel bagno grande. Siamo solo al 4piano, ci sono molti rumori dalla strada! A proposito, l’albergo è il Club Quarters al 140 di Washington Street, world trade center.Siamo usciti verso le sette e un quarto, dopo appena mezz’ora di pausa in albergo, e abbiamo passeggiato sul lungo fiume. È un parco che si vede in molti film, la zona alberata da cui si.vede la statua della libertà in lontananza… bello!

Temperatura meravigliosa: circa 23 gradi molto ventilati e in diminuzione con il calare del buio!Abbiamo cenato in un locale del milleotto -incredibilmente antico per gli standard locali- dove viveva Washington, Francis Tavern o un nome simile. Ho ordinato una sorta di stufato di pollo e verdure, penso la cosa più sana del menù!Abbiamo patito il freddo nel locale per colpa dell’ aria condizionata.Dopo cena siamo rientrati per andare subito a riposare… buona notte! A domani per grandi avventure!

Non ci sono gatti in America!

America, Canti, Gattine, pensieri, Sogni, vacanza, Viaggi, We Are F&B Commenti disabilitati su Non ci sono gatti in America!

E con questo post dal titolo creativo, per veri intenditori, sono a raccontare a chi di voi ancora non lo sappia che Alberto ed io siamo alle albe di una partenza: la partenza per un viaggio avventuroso e lungo come quelli del 2010 :)

E’ dal viaggio in SingaporeSri Lanka e dal viaggio a Dubai, infatti, che non abbiamo occasioni per andare in mete esotiche o lontane.
Un po’ perchè dall’arrivo delle gattine abbiamo più legami, e un po’ perchè un motore determinante per questo genere di viaggio sono determinati impegni lavorativi di Alberto, legati a convegni o ad altri eventi analoghi in giro per il mondo!

Quest’anno si tengono due di questi convegni, il primo a New York e il secondo a Washington DC, in successione con qualche giorno libero tra i due eventi: quale occasione migliore perciò per un viaggio lavoro-vacanza?
Come già in Singapore e in Dubai quindi si andrà in gruppo, Alberto io e il Prof, e si visiteranno le due belle città nei giorni liberi: quando loro saranno al convegno, io girerò sola a godermi le belle follie americane!

I preparativi fervono: partiremo con l’aereo delle 9.50 della Swiss Airlines, venerdì 26 luglio mattina, e con scalo a Zurigo arriveremo poi a NY nel pomeriggio.
Rientreremo viaggiando da Washington a Brussel con la Brussels Airlines alle 10.35 del 9 agosto, e grazie alle magie spazio-tempo del fuso orario saremo a Venezia il 10 agosto tardo pomeriggio.

In New York soggiorneremo nella zona del Word trace center, proprio di fronte al Ground Zero, nell’alberto Club Quarters
(http://www.tripadvisor.it/Hotel_Review-g60763-d1595302-Reviews-Club_Quarters_World_Trade_Center-New_York_City_New_York.html). Non è proprio una posizione centrale ma sembra fighissimo!

A Washington invece soggiorneremo nell’albergo Washington Court Hotel, in Capitol Hill!
(http://www.tripadvisor.it/Hotel_Review-g28970-d84129-Reviews-Washington_Court_Hotel_on_Capitol_Hill-Washington_DC_District_of_Columbia.html)

A soli tre giorni dalla partenza sono davvero molto emozionata! La mia mamma sarà così mitica da venire a Udine, domani, per stare a casa da noi durante le due settimane di nostra assenza: si prenderà cura delle pupine, Mystra e Morwen avranno compagnia e cure e saranno a loro volta di compagnia per lei :)
Senza questo stupendo aiuto non avremmo mai potuto farlo: farò fruttare al meglio tutti i giorni di vacanza, nonostante io sia piuttosto emozionata dal dover girare tanti giorni da sola in due città così grandi!

Se qualcuno di voi le ha già visitate e vuole darci qualche dritta sono tutta orecchi: e dimenticavo, nei due giorni “vuoti” avremo occasione, forse, di vedere anche Philadelphia! non abbiamo ancora deciso nè prenotato niente ;)

se non ci sentiamo più prima della partenza, buone vacanze a tutti!

Weekend di Luglio a Savona

Amici, Canti, famiglia, Festa, Love, Mangianza, vacanza, We Are F&B Commenti disabilitati su Weekend di Luglio a Savona

Venerdì 6 luglio Alberto ed io siamo scesi a Savona: con l’occasione del mio compleanno abbiamo visitato nuovamente la famiglia, che non vedevamo da troppo tempo! L’ultima nostra visita risaliva, infatti, al 28 aprile.. che tristezza!

Il viaggio di andata è andato molto bene, considerati soprattutto i rischi code che si corrono nello scendere in Liguria nel weekend! Abbiamo scelto di uscire a Varazze per coda segnalata poco oltre, e abbiamo passato un poco di tempo ad Albisola in coda naturalmente, ma ragionevole :P
A pranzo eravamo tutti insieme: che bello! Rivedere Riccardo è stato speciale, dopo due mesi, immaginatevi quanti cambiamenti :)

Quel pomeriggio abbiamo giocato parecchio con lui, che ovviamente sul momento non ne voleva sapere di andare a dormire (capirai, con gli zii lì per giocare!), anche perchè c’erano da provare le scarpe rosse nuove della Zia Palla :°)
Quando poi lui si è addormentato per il pisolino pomeridiano noi siamo stati un po’ insieme :)
Alberto è andato con papà a sistemare la barca, e dopo essere stata un po’ con Renata io sono scesa con la mamma per due veloci commissioni.
Ci siamo incontrate con Anna, che aveva da consegnarmi le preziosità stupende che mi aveva preparato su commissione: due scatole da tè bellissime, una verde per me e una violetta per Ekaterina, e un diario meraviglioso in cui metterò i miei appunti e ricordi di viaggio dell’America ^______^

A sera abbiamo cenato con Renata e Donato e abbiamo inaugurato il bellissimo regalo di compleanno che mi hanno fatto: mi hanno regalato il blu ray di Cloud Atlas e Tekken tag tournament2: abbiamo collegato 4 pad alla playstation e ci siamo dati un sacco di botte :D

Sabato 6 luglio è stata una giornata meravigliosa iniziata in modo meraviglioso: siamo andati al mare di buon mattino, mamma Renata Riccardo Alberto ed io!
Non vedevo l’ora, ci tenevo proprio tanto! Era una splendida giornata di sole e l’abbiamo messa bene a frutto :)
Peccato che l’acqua del mare fosse ancora troppo fredda: speravo di giocare più a lungo in acqua con Ricky, ma lui aveva troppo freddo :D
Ho finalmente fatto un buon numero di bagni in mare: l’anno scorso non ero proprio riuscita e ci avevo patito parecchio ;)

al mare con il nevot! :PVerso mezzogiorno ci siamo fatti la doccia, abbiamo preparato armi e bagagli e siamo rientrati a casa :)
Un bel pranzo tutti insieme -pasta al pesto, yehaaa! sole mare e pasta al pestoooo!- e un bel pisolino pomeridiano per Riccardo e per noi, e poi commissioni: prima sono andata con la mamma da Motivi a prendere una bellissima giacchetta rossa, che ho sfoggiato già a sera, e poi con papà e Alberto al Maison du Monde di Savona,a prendere un piatto che non trovavo più nel negozio di Udine ;)
Ci ha poi raggiunti a casa Tocco Anna, che era scesa ad Albisola per il weekend e poi sarebbe venuta a Udine con Alberto e con me, per stare un paio di giorni insieme! E’ stato bellissimo rivederci, e mi ha portato per il mio compleanno un regalo veramente eccezionale: un cofanetto Smartbox per il soggiorno di una notte per due persone in un castello o villa d’epoca in Italia *_* un SOGNO!!!

Quella sera abbiamo cenato con tutti i nostri amici per festeggiare il mio compleanno!
Hanno partecipato davvero in tanti e sono stata felicissima, perchè era molto tempo che non avevo occasione di vederli ed era proprio ora di stare un po’ insieme :)
Siamo andati a mangiare in un posticino nuovo, l’osteria Mugugni e Trenette in piazza Lavagnola.
Abbiamo mangiato benissimo e il locale era molto bello, siamo rimasti fino a tardi e poi ancora, i superstiti della cena quantomeno, a chiacchierare poco fuori sotto gli alberi :)
E’ stata una serata bellissima, e vi ringrazio ancora tutti sia di aver partecipato sia dei bellissimi regali che mi avete fatto :*)

Domenica abbiamo trascorso una mattinata tranquilla giocando con Riccardino, e godendoci gli ultimi momenti insieme: io e Alberto avevamo piacere di fargli un regalo, allora con Renata e Donato siamo saltati in macchina tutti e cinque e ci siamo diretti alla ricerca di un negozio di giocattoli aperto.
Riccardo è stato molto paziente, dal momento che le prime tre tappe si sono rivelate chiuse :P ma la prospettiva di “regalino”, come continuava a ripetere, gli ha dato forza :P


Siamo arrivati al Gabbiano, puntando il negozio di giocattoli dentro la Iper. Abbiamo incontrato Mauro e Giorgia proprio mentre mangiavamo un bel gelatone, così Riccardo e Matteo sono stati un poco insieme :)
Giunti alla sezione giocattoli Riccardo non ha avuto un solo istante di esitazione: ha puntato con decisione le racchette da spiaggia, che desiderava da tempo (anche il giorno prima, al mare, le aveva corteggiate molto!)! Abbiamo scelto quelle e un piccolo fuciletto ad acqua dal meccanismo semplice, adatto a un bimbo, e siamo tornati a casa.

Tutto il resto del tempo si è giocato con le racchette, a parte il momento del pranzo :D Siccome per Riccardo sono un poco pesanti a volte cercava di giocare lui, a volte giocavamo noi e lui ci guardava (dando ordini precisi eh: “zia Palla, zio Tabba, giocare! bimbo guarda.”), a volte gli uomini lo facevano divertire molto giocando brandendo lui E la racchetta! è uno dei vantaggi di pesare solo 10 chili bagnati a 2 anni e rotti :P

A pranzo c’è poi stato il grande momento della torta di compleanno: a Riccardo piace moltissimo soffiare sulle candeline: guardate che faccino felice nella foto! :°)

12 Luglio -weekend lungo

Canti, Friul, Love, Mangianza, We Are F&B Commenti disabilitati su 12 Luglio -weekend lungo

Quest’anno il Santo patrono di Udine del 12 luglio è cascato a fagiolo, di venerdì, regalandoci un bellissimo weekend lungo di sole estivo :) Fanciullino e Bimbaverde lo hanno sfruttato ampiamente e con grande soddisfazione!

Venerdì mattina, mentre Alberto era a PN per esami, mi sono “imposta” di rimanere a dormire fino a più tardi possibile, per recuperare il sonno, e così mi sono alzata dopo le dieci e mezza. A quel punto la botta di energia è stata investita al 100% nelle pulizie di casa :P

Quando Alberto è rientrato, a tarda ora di pranzo, abbiamo impacchettato un po’ di insalata e ci siamo subito avviati al Natisone, nel nostro posticino preferito (devo dargli un nome, non posso continuare a chiamarlo “nostro posticino preferito”… “sotto il ponte”? non mi convince ma è più breve..). Eravamo armati dello stretto indispensabile chiuso in una busta impermeabile da portare con noi, e i due nuovi materassini gonfiabili pronti! Giusto il tempo di gonfiarli e siamo scesi in acqua!
Abbiamo notato che per via della scarsità di pioggia dell’ultimo mese il livello dell’acqua è molto calato e alcune zone si fanno più limacciose.

sul Natisone

Nuotando sorretti dal materassino ci siamo avviati nella splendida gola che poi termina nel laghetto che io tanto adoro, e abbiamo risalito la leggera corrente sino a giungere in luoghi bellissimi!
E’ stata un’avventura bellissima e divertente, abbiamo fatto alcune pause per riscaldarci (l’acqua non è proprio caldissima :P) e alla fine siamo scesi di nuovo lungo la corrente molto felici e molto soddisfatti.

A sera, cucinati ma felici, abbiamo partecipato a una splendida cena grigliata a Gorizia, da amici: grazie della bellissima serata a tutti!

———–
Il giorno dopo, sabato, siamo tornati con l’intenzione di scendere dall’altra parte :)
Io ero preoccupata di dover risalire la corrente al ritorno, quando si è più stanchi, ma alla fine non è una corrente forte quindi si riesce agevolmente. Il tratto iniziale è profondo e bellissimo, e subito si approda a una prima spiaggetta e zona rocciosa dove il fondo sale sino a non poter proseguire con il materassino! Da lì si prosegue e di nuovo ci sono zone fonde e zone meno fonde, e panorami bellissimi.
Abbiamo progettato di tornare il giorno seguente armati di canna da pesca :)

A sera siamo stati ospiti a cena da Bea e Andrea, che ci hanno offerto una superba paella (e la tortilla, non dimentichiamo la tortilla!) e una serata meravigliosa! Ci siamo anche affrontati nei sette regni a una partita a A Game Of Thrones :D

————–
Domenica eravamo cucinatissimi ma ciò non ci ha impedito di impacchettare nuovamente un pranzo al sacco e, armati di materassini, tornare al Natisone “al ponte” :P
Scesi di nuovo sul percorso del fiume del sabato, questa volta abbiamo portato con noi anche la canna da pesca. Mentre Alberto provava qualche lancio io mi rosolavo al sole, almeno finchè una tremenda nuvolona non è venuta a rompere le scatole :D

Al rientro dalla gita acquatica il profumino di griglia di alcuni gitanti sul fiume ci ha messo l’acquolina: rientrando a Basaldella abbiamo fatto tappa strategica al Bennet a Pradamano e rifornimento di prelibatezze, e a sera Alberto ha grigliato tutto in casa: ci siamo letteralmente strafogati, che buonoooooo!

E così, all’insegna di una mangianza epocale, abbiamo degnamente concluso un we brillante :)

weekend di fine giugno: sagre, grigliate e un po’ di estate!

Amici, Canti, Friul, Mangianza, We Are F&B Commenti disabilitati su weekend di fine giugno: sagre, grigliate e un po’ di estate!

Dopo tanto tempo dalla nostra ultima visita a Basel, due anni fa, la nostra amica Marie è tornata a trovarci a Basalmansion!

Il suo aereo è atterrato a Venezia sabato verso le quattro del pomeriggio.Al mattino, nonostante il freddino della settimana, splendeva finalmente un tiepido sole, che ha permesso ad Alberto e a me di andare al nostro posto preferito sul Natisone, a Premariacco.

Mentre Alberto peschicchiava in giro per il Natisone io mi sono goduta un paio d’ore di bel sole, e dopo essere stati anche un po’ insieme a goderci il fresco dell’acqua siamo tornati a casa. I preparativi finali per la visita di Marie ci attendevano: sistemate le ultime cose, mangiato un boccone, e via verso l’aereoporto!

E’ bello ritrovarsi dopo tanto tempo :)
Sembrava non fosse passato un momento da quando l’ultima volta siamo stati a prendere Marie appena scesa dall’aereo!
Il viaggio di rientro è andato bene, anche se abbiamo dovuto fare qualche giro alternativo per evitare le code del weekend alle uscite autostradali in corrispondenza delle località balneari.

Dopo una breve sosta a casa a riposarci ci siamo avviati verso Aria di Festa, la sagra del prosciutto di San Daniele. Nonostante la grande affluenza di sabato abbiamo potuto parcheggiare senza grandi disagi, e ci siamo subito avviati a girellare per la cittadina. Moltissima gente, soprattutto in zona stand, ma niente di insopportabile ;)

E’ stata una bella serata: dopo aver girellato e chiacchierato molto abbiamo mangiato frittume, focaccia ligure (uuuuuuuuuuuntaaaaaaaaa) e poi ci siamo recati ai primi stand nella piazza bassa in cerca di prosciutto.
Ci siamo seduti non distanti dal palco dove suonava un curioso gruppo rock, i Cobra: tutti truccati e vestiti esageratamente (un po’ stile kiss), si sono dimostrati molto bravi. Ottimi suonatori e ottimi cantanti, ci hanno regalato pezzi anche dei pink floyd e dei deep purple ;)
Purtroppo Alberto ha dovuto fare una coda ETERNA alla cassa per avere il prosciutto, ma è stato ripagato della sua pazienza dal fatto che invece di 2 vassoi ci hanno portato per errore quattro vassoi e una valanga di grissini :P

Per domenica 30 giugno avevamo programmato una giornata al sole: una bella grigliata con Paola e Antonio sul Natisone.
Anche in questo caso abbiamo avuto proprio fortuna: il tempo è stato stupendo, soleggiato ma non troppo caldo.
Siamo arrivati intorno alle 10.30 e il posticino migliore, quello contro la parete di roccia a destra vicino all’acqua, era disponibile e ce lo siamo subito preso. Abbiamo trascorso una giornata fantastica: sole, grigliata (gnaam) bagni, chiacchiere, anguria, relax.. indimenticabile!

La crema solare ci ha salvati tutti, e siamo potuti stare senza problemi molte ore e senza terribili scottature come conseguenza :P
Siamo stati dalle 10.30 fino alle 17.30 passate, e poi siamo tornati a casa per una doccia e un momento di relax.

Ci siamo ritrovati poi alle 20.00 in centro a Udine per un aperitivo insieme, per concludere degnamente quella bellissima giornata.
L’aperitivo alla Ghiacciaia, iniziato con un tagliere misto e uno spriz, si è presto evoluto in una cenetta al Peperino lì di fronte: tre pizze in cinque e un piatto delle loro speciali patatine chips, gnam!

E poi vuoi non concludere con un gelato e due passi in Piazza San Giacomo? è stata davvero una splendida serata estiva, dopo una ancor più splendida giornata all’insegna del sole!

Lunedì mattina Marie è ripartita per la Svizzera e per tornare al lavoro. Spero che mentre vola in giro per il mondo il ricordo di questi bellissimi giorni insieme la possa rallegrare ;)