Building a new nest.

Canti, Friul, Sogni, We Are F&B, Zugliancastle Commenti disabilitati su Building a new nest.
costruiamo un nuovo nido ;)

costruiamo un nuovo nido ;)

Oggi, sabato 25 ottobre 2014, succeede una cosa importante :)
Dopo il rogito a inizio mese oggi prendo ufficialmente possesso della nuova casa, il futuro nido di Fanciullino e Bimbaverde.

Nel pomeriggio -con la compagnia di Paola, che mi è di supporto in questo momento emozionante- andrò a Zugliano dove la signora L. mi darà le chiavi di casa, ultimo necessario passaggio di questo importante acquisto che cambierà la nostra vita!

Lasciarsi alle spalle il primo nido costruito insieme, dove Alberto ed io siamo stati dal 23 maggio 2010 ad oggi, non sarà certamente semplice. E non parlo solo della logistica e della fatica di affrontare un trasloco con due gatte -una delle quali estremamente sensibile ai cambiamenti. Basalmansion è una casa bellissima e che adoro, e che pensavo forse che non avremmo mai lasciato.
Il balzo in avanti -giunto quasi senza cercarlo- sarà una miglioria certamente, ma non sarà semplice non avere nostalgia di questa casetta.

Per rafforzare la nostra decisione iniziale e darci un alto obiettivo futuro abbiamo battezzato il prossimo nido Zugliancastle. Ambizioso ed esagerato, sì, ma Zuglianville non suonava bene :P

A farla breve l’emozione oggi è tanta: inizia ufficialmente un nuovo periodo. La consegna delle chiavi e lettura dei contatori segnano ufficialmente il passaggio di proprietà. Paoletta sarà la prima dei nostri amici a vedere la casa, che sarà senza mobili e vuota ma sarà carica delle promesse di tante ore e tanta vita felice futura!

Dopotutto è molto appropriato: con il matrimonio a maggio un nuovo capitolo della nostra vita avrà inizio, ed è bello che sia accompagnato dalla nuova casa!

Nelle prossime settimane affronteremo tutti i temuti passaggi: piccoli lavori interni alla casa prima di entrare -che spero non diventino invece imprevisti e grossi, e poi l’inscatolamento (già iniziato pian piano) e in ultimo il trasloco!
Vedremo come andrà :)

Ps. se qualche esperto di gatti vuole dispensare preziosi consigli su come affrontare il trasloco a inizio dicembre è beneaccetto :)

Sin City: a dame to kill for

Film, Fumetto Commenti disabilitati su Sin City: a dame to kill for

a dame to kill forSu richiesta del Gareth scrivo volentieri la recensione del film che sono andata a vedere con Alberto sabato scorso.
Naturalmente avviso di possibili spoiler, soprattutto per chi non abbia letto nemmeno la Graphic Novel originale o chi come Sheldon consideri “ehi, è bello!” uno spoiler :P

Dopo 9 anni dall’uscita del primo epico Sin City non avrei mai osato sperare in un seguito. Forse perchè il primo film si è rivelato un tale capolavoro, non pensavo ne avrebbero mai prodotto un secondo.
E’ stata una sorpresa emozionante, per me che sono tanto appassionata!

Sono andata al cinema con Alberto senza aver letto nulla online riguardo al film, per farmi stupire come la prima volta da Miller e Rodriguez!

Premetto subito che è stato straordinario (Alberto doveva sedarmi per zittire i miei commenti emozionati!) e che consiglio a chiunque ami Miller e abbia apprezzato il primo film di andarlo a vedere.

La storia principale, A dame to kill for, ha la stessa magnifica grinta della graphic novel; come già in Sin City (e in 300!) la sceneggiatura, i dialoghi, i testi delle voci narranti sono una fedele riproduzione dell’opera di Miller. E’ un’esperienza mistica: sembra che le pagine dell’albo inizino a muoversi e prendano letteralmente vita in tre dimensioni, uscendo dalla carta per portare lo spettatore dentro le avventure di Dwight!
Straordinario.
La trama rimane fedele a quella della storia originale; cambia l’attore protagonista, che la volta scorsa era Clive Owen; peccato, io sono un’abitudinaria, ma per chi conosce la storia di Dwight ci stava una faccia diversa ;P

Come nel primo film viene usata una struttura narrativa per cui le storie si intrecciano un minimo e alcune di esse vengono interrotte per dar inizio al nuovo filone. Può piacere o meno, a me è piaciuto!

Le due storie con cui si intervalla la trama principale sono nuove di zecca, ho scoperto durante la visione. Scritte apposta da Miller per il film, ho letto poi online!
Devo dire che l’attore Joseph Gordon-Levitt protagonista glorioso di The Long Bad Night mi piace un casino, e questa storia è perfetta: straordinaria.
A mio parere Nancy’s Last Dance è meno riuscita, e purtroppo è con essa che si chiude il film: comprendo il motivo che ha spinto Miller a scriverla, ma l’ho trovata meno forte e meno Milleriana, perciò purtroppo la tensione per me è calata un po’ sul finale ed è stato un peccato!
Però è proprio un parere personale, voi come la pensate a riguardo?

Nel complesso è un meraviglioso seguito del primo film. Si possono guardare tranquillamente uno dopo l’altro senza sentire, secondo me, i nove anni che trascorrono!
Le scelte vincenti del primo film a livello effetti speciali vengono riproposte e migliorate: i colori che anche Miller ogni tanto faceva emergere dalla pagina come splendidi dettagli nel  bianco e nero, i momenti di omaggio al bidimensionale cartaceo in cui ogni tridimensionalità degli attori è appiattita come sul foglio, e i momenti in cui il vantaggio della cinepresa e di ciò che permette supera la bellezza della scena ferma del fumetto.

Nel complesso veramente straordinario! :)