Giovedì scorso poi abbiamo giocato a D&D, ma non ho più scritto della sessione! Dato che stasera giochiamo di nuovo, non voglio rimanere indietro perciò ne racconto ora :)

Tornati di nuovo a Soubar, i personaggi sono andati a parlare con Ulmast, per dirgli che in realtà Todes era una creatura demoniaca che li ha attaccati.. e che loro sarebbero andati alla sua villa a recuperare la preziosa sfera divinatoria. Il Sacerdote di Tymora è loro alleato, dato che gli eroi hanno salvato la città dalla minaccia del Veleno delle Vipere, perciò ha detto loro di andare a cercare nell’abitazione quanto serva, e poi di fuggire tranquillamente dalla città che a risolvere e spiegare la situazione ci avrebbe pensato lui.

Con questi accordi, i pg si avvicinano di soppiatto alla Villa verso Mezzogiorno (di fuoco?). Ricordandosi ringhi di cani, decidono di essere prudenti e di passare dal retro, arrampicandosi sul muro della stalla.
Scesi nel giardino, scoprono che esso è guardato non da cani, bensi da Dire Wolves, e cioè lupi feroci grossi come cavalli! Tre dire wolves per la precisione..
Così, i pg fuggono in casa, passando dalla veranda di un lussuoso salone da festa.. veranda con vedrata che tre nanosecondi dopo i lupi fracassano inseguendo gli intrusi! Un emozionante fuggi fuggi conduce i pg al secondo piano,e si barricano oltre la porta.. i lupi misteriosamente non li seguono, e loro iniziano a cercare la stanza dello stregone!

La sala però è guardata da un elementale del fuoco, che attacca i pg -che a onor del vero lo sconfiggono senza troppi problemi! Trovata la stanza del fey’ri, il suo famiglio -un’enorme vipera- attacca Tarantio, ma un tiro particolarmente fortunato di Jalef lo trafigge con una freccia, inchiodandolo a una delle colonnine del letto a baldacchino! Troppo fico! :)

Beh insomma, hanno battuto al tappeto la villa anche dopo aver trovato la sfera al primo colpo, ah l’ingordigia dei giocatori ;)
Mentre Jalef tentava di aprire la porta dello studio magico (che alla fine hanno dovuto abbattere!) Ilg e Tarantio di sotto hanno scoperto dei servitori di Todes in cucina.. hanno tentato l’approccio pacifico, ma in realtà questi erano tre Quasit che volevano solamente condurli fuori per attaccarli congiuntamente ai lupi crudeli!!! Purtroppo non sono riusciti nel loro intento, così i pg li hanno sconfitti e hanno potuto lasciare indenni la villa, con la sfera e un ricco bottino, dopo aver scoperto che “todes” era un adoratore di Shaggr’hat il Demone, e alleato ovviamente con le Vipere!

Dopo aver rendicontato tutto a Ulmast, hanno deciso di tagliare la corda dalla città di Soubar prima di venire davvero additati come ladri (anche se così hanno lasciato il loro carro con il precedente bottino in mano alle forze dell’ordine.. povero Jalef!) e sono tornati dopo un viaggio tranquillo a Ringsdale, la cittadina colpita dalla maledizione!

Sono giunti di notte, e hanno subito viaggiato (ligi al dovere, che bravi!) sulla montagna alla ricerca della caverna del drago Seithilib, per riportargli la sfera. Questi ha così potuto operare il suo incantesimo di divinazione, che ha mostrato…
to be continued :D